Rn Camogli e Como:un punto a testa e tutti scontenti.Derby alle Rane Rosa

rn camogli

Lariani vicini al colpaccio contro la capolista Rn Camogli ma raggiunti a quattro secondi dal termine sul 9-9. Ha lasciato forti perplessità l’arbitraggio, contestato a più riprese su entrambi i fronti. Le ragazze di Pozzi tornano alla vittoria, vincendo a Varese 11-6.

La partita degli scontenti, la partita dei grandi assenti. Possiamo riassumerla così questa sfida valevole per la 20^ giornata del girone Nord di serie A2, importantissima per due compagini impegnate a lottare per obiettivi diametralmente opposti. All’appuntamento i liguri si presentano menomati causa assenze per squalifica del suo bomber principe Beggiato (32 reti), di Iaci e di Licata, maturate nell’ultimo match contro Ancona. Non da meno però i padroni di casa, anche quest’oggi costretti a emigrare alla piscina Pia Grande di Monza, privati di Busilacchi e Bulgheroni. Una grande prestazione quella dei comaschi, rimontati però dal 9-5 a proprio favore anche per colpa di due “gol fantasma” assegnati alla squadra di coach Temellini.

rn camogli
Como Nuoto costretta a giocare lontano da Muggiò per la 3^ volta

Iniziata con anticipo rispetto alle 21 previste, la contesa si sblocca al 2’17” con un gol di Martino Fusi per l’1-0 interno. Molinelli approfitta dell’espulsione temporanea di Pagani per trovare sul secondo palo la rete del pareggio, pochi secondi prima della beduina vincente effettuata in boa dal proprio compagno Cambiaso, che consente agli ospiti di chiudere i primi otto minuti avanti 1-2.

Nel secondo i locali riequilibrano il punteggio con un gol in superiorità numerica dal perimetro di Toth con Cambiaso nel pozzetto, ma i liguri rimettono la testa avanti con un gol proprio di quest’ultimo (espulso Ferrero). Viola è reattivo e con la punta delle dita ci arriva sui tiri di Pellerano e Cuneo. A tredici secondi dal giro di boa, arriva il 3-3 grazie a una controfuga che permette a Gennari di battere Gardella sul secondo palo.

Annuncio Pubblicitario

Il terzo tempo è roboante e ben giocato fin dall’inizio dalla Como Nuoto, che si porta sul 5-3 con i gol di Beretta e Ferrero che sfruttano i rispettivi assist di Pellegatta e Foti. Desta perplessità il rosso affibbiato a Beretta per gioco pericoloso, ne nasce un rigore che Cuneo non fallisce. Bella giocata sull’asse Toth-Ferrero, è del centroboa la deviazione vincente per il 6-4. Poi il primo di due episodi clamorosi: Pellerano cerca la palombella a seguito di una ribattuta, la palla danza sulla linea di porta e sembra non entrare, non per la direzione di gara che assegna il 6-5. Scattano le inevitabili proteste, a farne le spese i dirigenti comaschi Orlandoni e Dalle Donne che si devono così accomodare in tribuna. I ragazzi di Polacchi reagiscono però alla grande, allungando sul 9-5 con ancora una frazione da giocare grazie al gol da quasi metà di Foti, a quello di Ferrero che riceve il passaggio di ritorno da Cassano dopo l’espulsione temporanea di Pellerano e al rigore trasformato da Foti.

Il quarto si apre con le prodezze di Viola su Gatti e Cambiaso, poi un’altra marcatura apparsa “fantasma” per mano di Cocchiere (9-6), questa volta è coach Polacchi a essere allontanato. Caliogna da posizione uno questa volta mette a segno il 9-7 senza il beneficio del dubbio, i lariani provano a giocare con il cronometro cogliendo anche una traversa con Pagani a 2’02” dal termine. Sul ribaltamento di gioco, è ancora Caliogna ad alimentare le speranze dei suoi, indovinando la conclusione sul secondo palo con ancora 1’47” sul tabellone. Un rigore apparso solare non viene concesso ai danni di Ferrero a 45″ dal termine per un presunto fallo di Caliogna, mentre per Pagani arriva inspiegabilmente la definitiva. Così, a quattro secondi dal termine arriva il gol del 9-9 di Molinelli con un tiro sul primo palo su cui Viola non può farci nulla.

Matura così il secondo pareggio consecutivo per la Como Nuoto dopo quello a Sori, che priva di due ulteriori punti che sarebbero stati autentico ossigeno in vista degli ultimi e decisivi sessantaquattro minuti della regular-season. La sconfitta interna del Crocera contro Civitavecchia e il pari di Padova contro Brescia consentono ai comaschi di restare fuori dalla zona play-out di un punto. Camogli invece ringrazia Bologna, la cui vittoria su Torino gli ha permesso di mantenere la vetta della classifica.

COMO NUOTO – SPAZIO RN CAMOGLI 9-9  (1-2, 2-1, 6-2, 0-4)

COMO NUOTO: Viola, Foti 2, Pagani, Lepore, Bianchi, Toth 1, Beretta 1, Gennari 1, Cassano, Pellegatta, Garancini, Fusi 1, Ferrero 3. All.: Polacchi.

RN CAMOGLI: Gardella, Mantero, Rastelli, Rossi, Pellerano 1, Cambiaso 2, Bisso, Barabino, Cocchiere 1, Gatti, Molinelli 2, Cuneo 1, Caliogna 2. All.: Temellini.

Arbitri: Braghini e Barletta

NOTE – Usciti per limite di falli: Cuneo (Camogli) nel terzo tempo, Gatti (Camogli) e Pagani (Como) nel quarto tempo. Espulso per gioco pericoloso Beretta (Como) nel terzo tempo e Cambiaso (Camogli) nel quarto tempo. Espulso il tecnico Polacchi (Como) nel quarto tempo. Superiorità numeriche: Como Nuoto 5 su 14 +1/1 rigore, Rn Camogli 4 su 10 +1/1 rigore.

rn camogli
Maria Romanò (Rane Rosa)

Ritornano al successo invece le Rane Rosa, dopo il ko in terra sarda contro Promogest per 11-10. Partita mai in discussione, che ha visto le lariane condurre di ben cinque lunghezze già a fine secondo tempo. Scarto che rimarrà poi immutato nel punteggio finale, nel quale bisogna segnalare le quattro reti messe a segno da Alice Giraldo e la tripletta per capitan Maria Romanò. Una sfida che è servita anche per far debuttare la giovanissima Anita Radaelli in A2, classe 2004. Con questa vittoria le comasche si mantengono a un solo punto di distanza dalla zona play-off, viste le contemporanee vittorie di Trieste (11-3 a Padova), Bologna (9-4 in casa del Lerici) e Sori (9-3 interno con la Locatelli). Con ancora due giornate da disputare, le qualificate ai play-off si decideranno con tutta probabilità domenica prossima, con la Como Nuoto (impegnata in casa contro Brescia) speranzosa in un passo falso di Sori contro la capolista Trieste. E si, pare proprio l’ultima opportunità.

VON VARESE – COMO NUOTO 6-11  (1-3, 1-4, 0-1, 4-3)

VON VARESE: Giannoni, Regè, Daverio B., Raimondi, Marrone, Daverio G., Brusco 2, Guelfi, Ardovino, Vidale 2, Catto 2, Sonzini. All.: Gesuato.

COMO NUOTO: Frassinelli, Romanò M. 3, Antonacci 1, Girardi, Trombetta, Giraldo 4, Bianchi 1, Radaelli, Romanò B., Lanzoni 2, Pellegatta, Masiello, Rosanna. All.: Pozzi.

Arbitro: Pagani Lambri

NOTE – Superiorità numeriche: Von Varese 2 su 12 + 1/2 rigori, Como Nuoto 5 su 14 +1/1 rigore.

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Marco Ballerini
Marco Ballerini
Un calcio al pallone, due tiri a canestro, una corsa nei boschi, una pedalata tra salite e discese, una nuotata nel mare, una sciata nel bianco, una pagaiata sul lago.. Sacrifici, sudore, fatica, passione, socialità, emozioni, obiettivi, traguardi.. Lo sport è sempre un ottimo pretesto per VIVERE e per sentirsi VIVI !!

Lascia un commento