Hc Lugano vs Ev Zug: incrocio di destini per Hofmann e Suri

hc lugano

Hc Lugano vince con la capolista Berna, si conferma al 7° posto e se la vedrà con lo Zugo. Incrocio di destini per Gregory Hofmann e Reto Suri.

Lugano – Ultimo incontro di regular-season contro la capolista Berna, occasione per chiudere senza affanno una prima parte di stagione molto deludente nonostante la qualificazione ai play-off. Il potenziale della squadra è almeno da prime quattro, purtroppo per mille ragioni non si è mai espresso con continuità ma intravisto solo a sprazzi. Davvero un peccato perché la qualificazione si poteva raggiungere con tranquillità ma guardiamo avanti. Dopo la sconcertante prestazione di Davos occorre chiudere bene. Per l’occasione con il Berna Vauclair assente e Jecker titolare in terza linea, per il resto tutti confermati i reduci di Davos.

hc lugano
Per l’ex Bienne Jecker, un posto da titolare in terza linea

Solo 9″ per Bertaggia ad infilare Caminada, partenza a razzo per il Lugano, il buon Alessio si infila tra i difensori bernesi e dal basso verso l’alto sigla il vantaggio. I ritmi rimangono bassi, il Berna non si scompone più di quel tanto ma non mette pressione ai padroni di casa. Da parte sua il Lugano cerca di accelerare ma non si vede molta convinzione, match abbastanza in stallo e poco combattuto che non vede altre occasioni su entrambi i fronti.

hc lugano
Ad Alessio Bertaggia bastano 9″ per infilare Caminada

Come detto ritmo bassi, qualche incertezza e ingenuità che costa a Klasen un 2’+2′ per colpo di bastone sul volto di Sciaroni. Penalità annullata poco dopo da un’altra ingenuità  di Boychuk al quale si aggiunge Arcobello che dimenticandosi il disco permette il raddoppio per mano di Lajunen al 25′ in shorthand . Una leggerezza che non ti aspetti dallo statunitense, al quale rimedia il difensore Marti  due minuti dopo con una sassata dalla blu dove Merzlikins nulla può fare. E prima della terza marcatura di Morini al 33′ con un bel polsino, viene annullata una rete a Scherwey per bastone alto.

Annuncio Pubblicitario

Un Hc Lugano che senza faticare tiene sotto controllo il Berna, “volemose bene” sembra la parola d’ordine, anzi meglio non farsi del male, così il tempo scorre via velocemente senza affanno e novità. Ormai è più che certa la vittoria  dei bianconeri nonostante la seconda rete di Moser con Caminada out al 58′. L’Hc Lugano chiude i conti con la quarta marcatura di Sannitz al 59′, si piazza definitivamente al 7° posto e dovrà vedersela con lo Zugo, sliding doors per Hoffman e Suri…. Il bello del play-off a partire da sabato 9 marzo alla Bossard Arena.

hc lugano
Giovanni Morini, rete n.14 in questa regular season, davvero un bel polsino il 3-1

Hc Lugano – Sc Berna: 4-2 (1-0, 2-1, 1-1)
Reti: 0’09’’ Bertaggia (Loeffel, Chorney) 1-0; 25’25’’ Lajunen 2-0; 27’02’’ Marti (Heim) 2-1; 33’55’’ Morini (Chorney) 3-1; 58’25’’ Moser 3-2; 59’43’’ Sannitz (Jörg) 4-2.
LUGANO: Merzlikins; Chorney, Loeffel; Chiesa, Wellinger; Ulmer, Jecker; Ronchetti; Hofmann, Sannitz, Bürgler; Klasen, Lajunen, Lapierre; Jörg, Morini, Bertaggia; Reuille, Romanenghi,
Walker; Fazzini.
Penalità: Lugano 4×2’ +1×10’ Berna 3×2’ +1×10’.
Note: Cornér Arena 6085 spettatori. Arbitri: Hebeisen, Salonen, Castelli, Schlegel.

 

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail
Marco Capelli
Marco Capelli
Dalla magica notte di Davos..La maxi rissa di Ambrì..Il dramma di Schafhauser..La finale con quelli di "Lassù"..Gli olimpionici finlandesi di Torino 2006..i play-out..fino ad oggi con il ritorno ai vertici. Trent'anni di passione nata per gioco, ora sono qui a raccontarla.

Lascia un commento