Franco Ferrari, finalmente. Renate ko, Como nuova capolista.

franco ferrari

Ai lariani il big-match di giornata. Di Franco Ferrari nel finale il gol vittoria, nel primo tempo Maistrello risponde a Gabrielloni.

Como e Renate. Due realtà divisa da 22 km a livello geografico, da 2 punti per quanto concerne la classifica. Ma capaci entrambe, ad oggi, di dettar legge nel girone A di serie C. Loro le protagoniste di questo “Monday Night” valevole per la prima giornata di ritorno, una sfida certamente importante ma non ancora decisiva ai fini della vittoria del campionato, con altri diciotto turni da affrontare. Mister Gattuso schiera Bovolon a posto di un Dkidak in non perfette condizioni, riproponendo titolare Gabrielloni. Anche per Diana un paio di novità rispetto al recente passato, con l’ex Marano sulla trequarti e l’albanese Lakti esterno di centrocampo.

Un incontro estremamente equilibrato quello che si è visto sul rettangolo verde in riva al Lario. Sono stati gli episodi a fare la differenza, uno su tutti l’espulsione al 60′ di Loris Damonte per gli ospiti. Gli azzurri, come in occasione della partita contro il Livorno, non hanno propriamente convinto con l’uomo in più ma è bastata la rete di Franco Ferrari per guadagnarsi il primo posto solitario. Qualche piccolo passo indietro a livello difensivo rispetto alle ultime tre giornate, tuttavia bisogna anche tener conto della qualità degli avversari di stasera.

La partita

Annuncio Pubblicitario

Buon avvio da parte degli azzurri, sospinti anche dai propri calorosi tifosi con dei fuochi d’artificio scoppiati all’esterno del Sinigaglia. E difatti i risultati non tardano ad arrivare: verticalizzazione  di Bovolon per Peli, tiro-cross del giocatore scuola Atalanta che si trasforma in un assist per Gabrielloni, che a pochi passi dalla porta vince il contrasto con Silva e riesce a depositare l’1-0 al 9′. Gli ospiti, quest’oggi in divisa gialla, reagiscono al 15′ con  un traversone dalla sinistra di Galuppini e il colpo di testa in tuffo di Maistrello che termina sul fondo. Due minuti più tardi è Crescenzi a metterci una pezza sulla conclusione mancina di Marano, con la palla che termina in corner. Al 22′ bella ripartenza comasca sugli sviluppi di un angolo a favore dei brianzoli, bravo Rada a fermare Gatto involato verso la porta. Protesta di Galuppini per un presunto fallo appena dentro l’area di rigore da parte di Cicconi, giusta a nostro avviso l’ammonizione per simulazione. Al 35′ arriva però la rete del pari: dalla sinistra cross di Marano per il perfetto inserimento di Maistrello, che approfitta anche di Crescenzi fuori posizione. Potente incornata che fredda Facchin alla sua destra. Il capitano azzurro prova a rifarsi al 37′ lanciando in profondità Gabrielloni con la retroguardia del Renate sorpresa, tiro però sbilenco da parte della punta jesina. Ultimi tentativi prima del riposo a opera di H’Maidat e Cicconi, ma la conclusione del primo da trenta metri risulta centrale, mentre quella del figlio d’arte dal vertice dell’area sinistra finisce alta sopra la traversa.

franco ferrari
Le due squadre a centrocampo prima di inizio partita

Nel secondo tempo nulla da registrare fino al 54′, quando Solini ferma con un intervento irregolare Galuppini al limite dell’area. Posizione favorevole non sfruttata però dal n°14, che trova la deviazione della barriera. La squadra di Diana ci riprova tre minuti più tardi, con un colpo di testa di Silva su corner di Anghileri che non inquadra la porta. Al 60′ episodio chiave del match: Damonte entra in ritardo su Cicconi, scatta il secondo giallo e il Como si ritrova con l’uomo in più nell’ultima mezz’ora. Gli ospiti provano a giocarsela lo stesso, con passando alla difesa a quattro e con il tandem offensivo Galuppini-Maistrello. Al 68′ conclusione che non crea grattacapi a Facchin da parte di Marano, mentre Gatto termina la propria incursione centrale poco dopo con un tiro dal limite alto. Gattuso decide di passare al 4-4-2, proponendo davanti Ferrari accoppiato con Lorenzo Rosseti. Crescenzi al 72′ evita il corner ma finisce per beneficiare Galuppini, passaggio di quest’ultimo per Maistrello che conclude debolmente di sinistro. E’ ancora il possente attaccante ospite a provarci al 74′, l’estremo difensore comasco ribatte però il suo tentativo e successivamente Galuppini calcia alto. Ferrari di testa su corner di Arrigoni al 79′, Gemello blocca senza problemi. E’ poi l’esecutore dalla bandierina a concludere dai 35 metri, tiro che sorvola la traversa. Fino al gol vittoria: all’83’ servizio in profondità di Franco Ferrari per Gatto, il n° 10 spreca calciando addosso a Gemello in uscita. Sul proseguo dell’azione Rosseti serve la punta argentina, che di destro trova la rete del 2-1.

Non succederà più nulla, nemmeno nei quattro minuti di recupero. Il Como vince e si issa in cima alla classifica. Domenica prossima si tornerà in terra toscana per affrontare la Pistoiese.

COMO 1907 – AC RENATE 2-1  Marcatori: Gabrielloni (CO) al 9′, Maistrello (RE) al 35′, Ferrari (CO) all’83’

COMO 1907 (4-2-3-1): Facchin 6; Iovine 6, Solini 6, Crescenzi 5,5, Bovolon 6,5 (dal 71′ Dkidak 6); H’Maidat 6 (dal 75′ Arrigoni 6,5), Bellemo 6; Cicconi 6 (dal 71′ Rosseti 6,5), Gatto 6,5, Peli 6,5 (dall’88’ Toninelli sv); Gabrielloni 7 (dal 71′ Ferrari 7). A disp.: Zanotti, De Nuzzo, Celeghin, Soldi, Terrani, Vincenzi. All.: Gattuso 6,5.

RENATE (3-4-2-1): Gemello 5,5; Possenti 5,5, Damonte 5, Silva 6; Anghileri 6, Rada 6, Kabashi 6, Lakti 5,5 (dall’87’ Sorrentino sv); Marano 6,5 (dal 73′ Ranieri 6), Galuppini 6 (dall’84’ De Sena sv); Maistrello 6,5. A disp.: Bagheria, Merletti, Marafini, Giovinco, Santovito, Magli, Vicente, Burgio. All.: Diana 6,5.

Arbitro: Sig. Panettella di Gallarate 6,5.

NOTE –  Ammoniti: Galuppini (RE), Solini (CO), Kabashi (RE). Espulso Damonte (RE) al 60′ per doppia ammonizione. Ammonito il mister del Renate Aimo Diana. Corner 4-5. Minuti di recupero 0′ e 4′.

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Marco Ballerini
Marco Ballerini
Un calcio al pallone, due tiri a canestro, una corsa nei boschi, una pedalata tra salite e discese, una nuotata nel mare, una sciata nel bianco, una pagaiata sul lago.. Sacrifici, sudore, fatica, passione, socialità, emozioni, obiettivi, traguardi.. Lo sport è sempre un ottimo pretesto per VIVERE e per sentirsi VIVI !!

Lascia un commento