Como 1907 dilaga con la Virtus, Mantova bloccato: è serie C!

Non doveva succedere, ma è successo! Il Como 1907 batte 4-0 la Virtus Bergamo, il Mantova non va oltre il 2-2 con il Sondrio. La serie C per gli azzurri arriva con una giornata d’anticipo in modo imprevisto.

Alzi la mano chi si aspettava di far festa oggi. Nessuno. Il dato dei spettatori (2243) è lì a dimostrarlo. Tanti ma non tantissimi. Eppure il calcio si conferma un gioco imprevedibile, che sfugge spesso a ogni pronostico. Poco ha potuto l’avversario odierno del Como 1907, la Virtus Bergamo, sceso in campo teoricamente con le migliori intenzioni, affidandosi a un 4-3-1-2 anziché al collaudato 4-4-2. La pratica però dice ben altro, non c’è mai stata partita mentre il Mantova iniziava a faticare con i valtellinesi già dal 5′. Prima del fischio d’inizio, osservato un doveroso minuto di silenzio in ricordo del grande Mino Favini, scomparso in settimana all’età di 83 anni.

Il minuto di raccoglimento in onore di Favini

E’ un Como dominante fin dai primi minuti quello che scende in campo oggi al Sinigaglia, in una domenica soleggiata e altrettanto ventosa. Al 3′ subito occasionissima per i lariani, calcio d’angolo battuto da Celeghin e colpo di testa di Gentile deviato sulla traversa da parte di Cavalieri. Otto minuti più tardi un lancio di Tonti mette Gabrielloni nelle condizioni di tirare, palla che finisce sull’esterno della rete. Bella combinazione Loreto-Dell’Agnello-Gentile al 20′, con la punta azzurra a fare da sponda per la conclusione di Gentile che termina alta. Al 26′ si sblocca la gara: punizione guadagnata da De Nuzzo in prossimità della bandierina, se ne incarica Gentile che trova il colpo di testa vincente di Simone Dell’Agnello, è 1-0. La coppia protagonista della prima rete, si ripete in occasione della seconda, quando Simone Dell’Agnello sfrutta alla perfezione il calcio d’angolo calciato sul primo palo da Gentile al 31′. Padroni di casa che reclamano un penalty al 35′ per un presunto fallo di mano in area bergamasca, mentre due minuti più tardi è ancora Dell’Agnello a dominare su una palla alta su un cross di De Nuzzo, ma questa volta il colpo di testa non trova lo specchio della porta. Dopo una leggerissima strattonata di Raggio Garibaldi in area su Ghisleni sulla quale Delrio sorvola e un tiro di De Nuzzo dal limite sopra la traversa, la prima frazione tra Como 1907 e Virtus Bergamo si chiude sul 2-0.

Padroni di casa che calano il tris a inizio ripresa. Colpo di testa di Borghese respinto da Cavalieri, Celeghin la rimette in mezzo morbidamente e Gabrielloni appostato nei pressi della linea di porta di testa insacca. Lo stesso attaccante ci riprova un giro di lancette più tardi con un tiro che termina sul fondo, mentre al 55′ dobbiamo annotare la prima conclusione ospite bloccata da Tonti, con Fratus dalla distanza. Al 59′ arriva il poker, con Celeghin che ruba palla sulla trequarti per poi trafiggere il n°1 orobico. Match che proseguirà da qui in avanti all’insegna della melina azzurra e dell’orecchio di tutti rivolto al risultato di Mantova-Sondrio.

Annuncio Pubblicitario

Sei lunghissimi minuti d’attesa, tanto è stato il recupero assegnato nel secondo tempo della partita dei virgiliani (terminata sul 2-2). Poi l’esplosione di gioia dei supporters comaschi, che come da consuetudine prendono d’assalto il rettangolo verde con i propri giocatori già festanti. Da oggi, il Como ritorna nell’ambito che gli compete, quello del professionismo.

COMO 1907 – VIRTUS BERGAMO 4-0  Marcatori: Dell’Agnello (CO) al 26′ e al 31′, Gabrielloni (CO) al 49′, Celeghin (CO) al 59′

COMO 1907 (3-5-2): Tonti 6.5, Loreto 7, Borghese 6.5 (dal 72′ Sbardella SV), Anelli 6.5 (dal 65′ Toninelli 6), De Nuzzo 6.5 (dal 78′ Di Jenno SV), Gentile 8, Raggio Garibaldi 7, Celeghin 7.5, Valsecchi 6.5, Dell’Agnello 8.5 (dal 75′ Gobbi SV), Gabrielloni 7 (dal 67′ Cicconi 6). A disp.: Bizzi, Di Jenno, Amadio, Fusi, Ferrari. All.: Banchini 7.

VIRTUS BERGAMO (4-3-1-2): Cavalieri, Fratus, Meregalli, Marzupio, Pozzoni, Calì (dal 82′ Valceschini), Riva (dal 47′ Germani), Probo (dal 88′ Legrenzi), Espinal (dal 72′ Suagher), Ghisleni, Monni (dal 68′ Flaccadori). A disp.: Colleoni, Nessi, Bastioni, Cattaneo. All.: Bruniera.

Arbitro: Sig. Delrio di Reggio Emilia

NOTE – Ammoniti: Borghese (CO), Calì (VI). Corner 4-0. Minuti di recupero: 0′ e 2′ . Spettatori: 2243 di cui 1919 paganti.

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail
Marco Ballerini
Marco Ballerini
Un calcio al pallone, due tiri a canestro, una corsa nei boschi, una pedalata tra salite e discese, una nuotata nel mare, una sciata nel bianco, una pagaiata sul lago.. Sacrifici, sudore, fatica, passione, socialità, emozioni, obiettivi, traguardi.. Lo sport è sempre un ottimo pretesto per VIVERE e per sentirsi VIVI !!

Lascia un commento