Briantea84 otto volte Campione d’Italia, gara3 a senso unico

Dopo aver pareggiato la serie, Briantea84 si ripete annichilendo Santo Stefano nell’atto decisivo. Finisce 73-56, è l’ottavo scudetto.

E sono otto. A distanza di tre anni, la Briantea84 torna a cucirsi il tricolore sul petto, sfilandolo a quella che era la formazione campione d’Italia Fipic in carica: Santo Stefano Avis. Una stagione che era già partita sotto i migliori auspici quella corrente, grazie alla conquista della Coppa Italia ottenuta sempre contro i marchigiani. Biancoverdi che si erano portati avanti nella serie con il successo ottenuto al PalaPrincipi e infliggendo la prima sconfitta del 2020/21 ai canturini. Ma che poi hanno dovuto alzare bandiera bianca di fronte alla strapotenza mostrata da Cantù.

Troppa voglia di vincere, troppa la differenza fra le due panchine, forse anche troppo il fattore casalingo a favore, decisamente sfruttato. La UnipolSai comanda dall’inizio (salvo i tre minuti in avvio) alla fine, ipotecando il titolo già all’intervallo. Santo Stefano prova a rientrare sfruttando anche un terzo periodo preso con una certa rilassatezza dai brianzoli, ma poi è costretta a inchinarsi definitivamente nell’ultimo quarto.

La partita

Partenza leggermente in salita quella dei brianzoli, che si ritrovano sotto 0-6 con un tiro dalla media di Miceli e quattro punti confezionati dalla coppia Ghione-Stupenengo, con il lungo marchigiano protagonista non solo dei due canestri, ma anche di una palla recuperata in difesa. Padroni che si sbloccano finalmente in attacco al 2’15” con due di tabella di De Maggi, mettendo in seguito la freccia con un gioco da tre punti di Carossino per un fallo di Ghione (9-6). Il momento favorevole per la UnipolSai si prolunga, così come il parziale aperto che diventa di 15-0 con un alto e basso tra De Maggi e Santorelli concretizzato da quest’ultimo. Gli ospiti tornano a segnare con Bedzeti e con due liberi di Ghione accorciano sul 15-10, tuttavia il finale di periodo è ancora nel segno dei canturini che riescono a chiudere avanti 21-10 con una conclusione dall’altezza della lunetta di Berdun.

In apertura di secondo quarto Berdun e Buksa consentono alla formazione di coach Riva di toccare il +16. Ceriscioli decide così di parlarci sopra al 12’24” ma la musica non cambia, un 2+1 di Carossino per il terzo fallo commesso da Tanghe permette ai biancoblu di volare sul 33-13. Santo Stefano prova a imbastire una sorta di reazione accorciando sul -15 con un piazzato dalla media di Miceli, ma prima dell’intervallo lungo i brianzoli danno un’altra spallata al match con un break di 8-0. Antisportivo di Schiera, Berdun con due liberi e Saaid con un taglio ne approfittano, prima dei due canestri dalla media di Papi e Geninazzi per il 45-22 di metà gara.

Il momento della palla a due tra Briantea84 e Santo Stefano

La ripresa inizia con un calo di tensione da parte dei locali, dovuta probabilmente anche al corposo vantaggio. Qualche persa di troppo, Bedzeti recupera palla a metà e segna il -19, coach Riva non esita a interrompere il gioco al 23’14”. Due tiri a cronometro fermo per Ghione ed è 47-30, tuttavia i brianzoli riprendono quota grazie alle giocate di Carossino per il 51-30. Gli ospiti non mollano, con Stupenengo in avvicinamento trovano il -16, poi antisportivo di Esteche su Bedzeti che frutta un libero a segno di quest’ultimo e un canestro della media di Miceli, per il 52-39 con ancora dieci minuti da giocare.

L’ultimo quarto si apre con il –11 di Ghione da sotto e con la tripla di un fin qui silente Esteche, poi i padroni di casa ristabiliscono il +20 grazie anche a quattro punti di Carossino e un tiro allo scadere dei 24″ di Berdun. E’ ancora l’italo-argentino a realizzare da sotto su assist di Geninazzi il 67-45, con gli ultimi minuti che diventano inevitabilmente un garbage-time. I neo entrati giocatori ospiti Castellani e Chakir trovano la soddisfazione di andare a segno, Santo Stefano prova a rendere meno pesante il ko con una tripla di Bedzeti ma ci penserà Berdun in contropiede a fissare il definitivo 73-56. Sirena finale e la festa tricolore brianzola può iniziare, con Adolfo Damian Berdun incoronato mvp della serie.

Adolfo Damian Berdun premiato miglior realizzatore delle finali

UNIPOLSAI BRIANTEA84 CANTù – SANTO STEFANO AVIS  73-56 (21-10, 24-12, 7-17, 21-17 )

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Marco Ballerini
Marco Ballerini
Un calcio al pallone, due tiri a canestro, una corsa nei boschi, una pedalata tra salite e discese, una nuotata nel mare, una sciata nel bianco, una pagaiata sul lago.. Sacrifici, sudore, fatica, passione, socialità, emozioni, obiettivi, traguardi.. Lo sport è sempre un ottimo pretesto per VIVERE e per sentirsi VIVI !!

Lascia un commento