Riccardo Bortolini innesto last-minute, si chiude il mercato Libertas

Riccardo Bortolini

Il Pool Libertas completa la propria rosa, ufficializzando nell’ultimo giorno di mercato Riccardo Bortolini. Sarà il libero di riserva.

Anche per quest’estate il volleymercato si chiude qui. Era fissato per mercoledì 21 luglio il termine dei tesseramenti per il campionato A2 maschile di pallavolo, che vedrà ai nastri di partenza il club del presidente Ambrogio Molteni, alla sua decima partecipazione nella seconda serie nazionale. E proprio nella giornata di ieri è stato completato l’organico a disposizione di Matteo Battocchio, allenatore che avrà il compito di plasmare il nuovo gruppo a partire dal 16 agosto, data in cui è fissato il raduno.

All’appello mancava un libero in grado di cambiare Luca Butti. La scelta è ricaduta su Riccardo Bortolini, un ragazzo nato a Castelfranco Veneto il 3 ottobre 1994. Alto 180 cm, il suo percorso giovanile è maturato principalmente alla Valsugana, con un’ultima annata alla Tonazzo Padova, dove ha inoltre esordito in A2. Successivamente le esperienze in B1 a Motta di Livenza e Prata di Pordenone, poi il biennio a Massa Carrara dal 2016-18. Nel 2018/19 veste i colori di Aversa in B, medesima categoria affrontata con Civita Castellana nelle ultime due annate.

riccardo bortolini
Luca Butti, alla sua tredicesima stagione in Libertas (Foto P.Tettamanti)

Ora la Brianza, che gli permetterà di riassaporare l’A2 a distanza di tre anni dall’ultima volta. Era infatti il 2017/18 quando il veneto indossò la maglia n°1 dell’allora Acqua Fonteviva Massa all’interno di un torneo alquanto complicato, terminato con la sconfitta ai play-out contro Reggio Emilia e la conseguente retrocessione. A Cantù, invece, c’è già pronta per lui la divisa n° 6 e si spera una stagione differente da quella affrontata in Toscana.

Lo conosce già piuttosto bene il suo neo allenatore, avendolo trovato da avversario in passato. “Conosco Riccardo dai tempi della B1 – ricorda Matteo Battocchio -: giocammo contro quando lui era a Prata e io a Torino. Un libero straordinario, con tanta presenza e tanta qualità. Quando si è verificata questa opportunità non mi è sembrato vero, perché è un giocatore che sa giocare a pallavolo e che potrà contribuire in maniera importante ad alzare il livello degli allenamenti, della mentalità, della determinazione ed infine della squadra propriamente detta. Sono molto felice che abbia scelto di unirsi a noi! Desidero ringraziare il presidente per quello che ha fatto per la città di Cantù, per la pallavolo comasca e per me. Ora sta a noi dare tutto e lavorare a tutto fuoco!”.

“Ci è voluto poco a convincermi ad accettare l’offerta di Cantù – dice il libero veneto –: volevo tonare in Serie A2, e ritengo che il progetto che mi è stato presentato sia molto stimolante. Ringrazio il presidente Ambrogio Molteni e la società per la possibilità che mi è stata data, e coach Matteo Battocchio per le belle parole che mi ha detto. Il primo obiettivo è ripagare la possibilità che mi è stata data lavorando più e meglio possibile. Giocare con atleti esperti come Coscione e Monguzzi, e avere la possibilità di affiancare un giocatore come Luca Butti sono uno stimolo enorme per lavorare bene“.

Infine una chiosa sul campionato che verrà. “Nella prossima stagione il livello sarà ancora più alto rispetto all’anno scorso: non c’è più la Prisma Taranto, ma tutte le squadre sono state ben costruite. Con il ritorno delle retrocessioni, poi, tutte le squadre costruite per salvarsi saranno rognose perché non vorranno perdere punti. Noi siamo una squadra forte, il giusto mix di giovani e meno giovani, ma tutti molto motivati: siamo un bel gruppo, lavorando insieme cresceremo tutti”.

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Redazione
Informati Vinci Sostieni Spazio Sport Web Brianzolo & Comasco
http://www.wincantu.it

Lascia un commento