Raydel Poey in, Santangelo out. La Libertas cambia l’opposto.

Raydel Poey
il massimo della pizza banner

Il volley mercato in casa brianzola si è aperto con una novità: Andrea Santangelo lascia per approdare a Reggio Emilia, nel suo ruolo arriva il 37enne cubano Raydel Poey.

Archiviate le conferme di Luciano Cominetti e Massimo Redaelli, rispettivamente come allenatore e viceallenatore, è tempo di tuffarsi nelle trattative riguardanti i giocatori che comporranno la rosa 2019/20 della Libertas. Per gran parte di essi la riconferma pare scontata, anche in virtù del grandissimo campionato appena disputato, che ha permesso di salvaguardare una preziosissima A2 che con il nuovo format da 12 squadre saprà garantire un ottimo tasso tecnico. Ma sicuramente ci sarà anche qualche piccola faccia nuova.

Riallacciandoci al concetto del tutto metaforico dei tuffi, non poteva esserci occasione migliore di farlo nel mare caraibico. Arriva infatti da Cuba, o meglio è già arrivato nei primi anni duemila, Raydel Poey Romero. Si tratta di un opposto di 197 cm, dotato di grande esperienza e notevoli capacità atletiche, noto per aver abbandonato il proprio paese a inizio millennio e per aver intrapreso una lunga lotta politica contro. Da qui due anni di stop imposto dalla Fivb, poi l’avventura italiana in maglia Roma Volley nel 2009 per due stagioni, prima di far tappa nel campionato russo, indonesiano, cinese, turco, francese e del Qatar. Un autentico giramondo insomma. Fino alla recente esperienza alla Videx Grottazzolina, vissuta però soltanto attraverso gli allenamenti nella passata stagione, causa problemi di tesseramento che non gli hanno costretto di scendere in campo.

Ma Raydeal Poey è noto alle cronache anche per l’eccezionale bottino di 44 punti realizzati in maglia Videx contro la GoldenPlast Potenza Picena nel 2016/17, il secondo di tutti i tempi nel campionato di A2. La sua carta d’identità, che recita 20 febbraio 1982 alla voce nascita, non pare essere una problematica ma piuttosto un’opportunità, con il suo bagaglio d’esperienza da mettere a disposizione dei più giovani che inevitabilmente anche quest’anno saranno nella rosa canturina. Il cubano gode ancora di perfetta integrità fisica, grazie al fatto di non aver mai subito infortuni gravi durante la sua carriera.

Annuncio Pubblicitario

Opposto che arriva, opposto che va. Dopo un ottimo torneo, in cui è stato capace di far fruttare anche via via i sempre più oliati meccanismi di squadra, Andrea Santangelo (nel frattempo convocato in nazionale B da coach Graziosi) saluta per andare a Reggio Emilia.  A poco è servita la lunga trattativa tra club e giocatore dopo la partecipazione di quest’ultimo ai Kovo TryOut 2019 a Toronto. Impossibilitati nel trovare un accordo, i brianzoli hanno dovuto virare sul cubano come sostituto, che al tempo stesso rappresenta tutto fuorché un ripiego.

raydel poey
Andrea Santangelo

Cantù che infine ha riconfermato in toto sia lo staff tecnico che quello medico, nei quali spiccano lo scout Nicola Lasio, i fisioterapisti Marco Pellizzoni e Ivo Casella (mentre Andrea Molteni sarà costretto a ridurre l’impegno causa lavoro), l’osteopata Emanuele Muri, il responsabile medico Dottor Paolo Mascagni e il preparatore atletico Fabio Taiana. Al loro posto anche il dirigente accompagnatore Fabio Danielli e la fotografa Patrizia Tettamanti. Infine, attese novità anche per quanto riguarda gli impianti da gioco. Il prossimo torneo di A2 dovrebbe essere disputato al Palasampietro, con capienza inizialmente stimata a 900 persone in attesa di metterlo a norma per quasi i 2000. Il condizionale è però d’obbligo. Resta sempre in auge anche la struttura di Alzate Brianza, soprattutto per il discorso allenamenti ma anche per le partite delle giovanili e della C.

raydel poey
Palasampietro (quasi) pronto a ospitare i match di volley

Il video dei 44 punti di Raydel Poey

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail
Marco Ballerini
Marco Ballerini
Un calcio al pallone, due tiri a canestro, una corsa nei boschi, una pedalata tra salite e discese, una nuotata nel mare, una sciata nel bianco, una pagaiata sul lago.. Sacrifici, sudore, fatica, passione, socialità, emozioni, obiettivi, traguardi.. Lo sport è sempre un ottimo pretesto per VIVERE e per sentirsi VIVI !!

Lascia un commento