Pool Libertas magic season: comunque finirà sarà un successo

pool libertas
[ethereumads]

Secondo posto in regular-season, partecipazione alla Supercoppa e semifinale in Coppa Italia. Annata del Pool Libertas già da incorniciare.

Si dice spesso che l’appetito vien mangiando. Un noto proverbio del “Belpaese” valido non solo quando si ha le gambe sotto tavola, ma anche sportivamente parlando. A tal proposito, ne sa certamente qualcosa il club canturino di pallavolo presieduto da Ambrogio Molteni, che sta attraversando un periodo da favola. Grazie al derby vinto domenica scorsa contro Brescia al PalaFrancescucci, infatti, gli uomini di coach Denora hanno raggiunto l’invidiabile striscia positiva di otto successi consecutivi. E addirittura salgono a dieci gli incontri in cui gli stessi sono riusciti a ottenere punti consecutivamente.

Insomma, un filotto straordinario degno della regina della classe. Anzi, nemmeno per lei, perché la capolista nonché corazzata Vibo Valentia ha inanellato al massimo sei vittorie di fila. Dinnanzi a tali prestazioni, arrivate dopo un avvio stagionale difficoltoso a causa di numerosi infortuni, diventa quasi lecito poter sognare in vista dei play-off che scatteranno domenica 16 aprile con i quarti di finali. Ma comunque dovessero finire, il 2022/23 è già di per sé meritevole di essere ricordato nel tempo per vari motivi. Scopriamo quali sono.

Secondo posto finale in regular-season per il Pool Libertas: mai così bene

La vittoria contro la Consoli McDonald’s lo ha ipotecato, la sconfitta del giorno seguente della Kemas Lamipel l’ha certificato: per Cantù secondo posto finale con una giornata d’anticipo. Un risultato storico, perché mai i canturini si erano spinti così in alto nel torneo di A2. Prima di oggi, infatti, il miglior piazzamento societario in tal categoria era stata la quarta piazza ottenuta nel 2018/19. Il team allenato da Luciano Cominetti vantò un bilancio di 17 vinte e 9 perse, per un totale di 50 punti (venendo poi estromessi in semifinale da Bergamo in gara3). Un record, quest’ultimo, battibile dall’attuale compagine qualora arrivassero tre punti anche nell’ultima trasferta del prossimo week-end sul taraflex del Grottazzolina. Tuttavia, fare bene in questa fase non è sinonimo di post-season da urlo: i brianzoli, ad esempio, raggiunsero la finalissima nel 2013/14 scattando dalla settima casella e con un bilancio di 8 vinte e 12 perse.

pool libertas
Coach Francesco Denora può ridersela, gran risultati per il suo Pool Libertas (foto Tettamanti)

Supercoppa Italiana di serie A2, il Pool Libertas la giocherà il 10 aprile

Un secondo posto prestigiosissimo che ha portato in dote un’altra cosa alla società brianzola, ovvero la possibilità di mettere in bacheca il primo trofeo. Il regolamento, infatti, prevede che qualora la prima classificata fosse anche la vincitrice della Coppa Italia di A2, per determinare l’avversaria di essa nella Delmonte Supercoppa Italiana di A2 bisognerà tener conto di chi è arrivata seconda. In questo caso proprio Cantù, che proverà a compiere un’autentica impresa al PalaMaiata di Vibo Valentia il 10 aprile alle 19 contro il Tonno Callipo. Una manifestazione decisamente giovane quella in questione, che viene disputata soltanto a partire dal 2021. Nelle due edizioni precedenti a trionfare è stato sempre Bergamo, sempre per 3-1: nella prima edizione ai danni di Taranto, nella seconda nei confronti di Reggio Emilia.

Coppa Italia di A2, per la Libertas la prima semifinale

Tentativo, quello di riempire finalmente la propria bacheca, fallito dai canturini poco più di due mesi fa. E’ infatti datata 18 gennaio 2023 la sconfitta dei ragazzi di Denora al PalaGrotte contro la Bcc, in occasione della semifinale della Delmonte Coppa Italia di A2. Nonostante ciò, è stato comunque un buon traguardo perché mai Cantù era andata così avanti in questa competizione. Nel 2014/15 ad esempio arrivò il ko 3-0 ai quarti di finale contro Potenza Picena, così come nell’annata successiva contro Sora 3-2. Nelle restanti partecipazioni al secondo campionato nazionale, invece, i brianzoli non riuscirono addirittura nemmeno a qualificarsi (bisogna raggiungere una delle prime otto posizioni al termine del girone d’andata).

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Marco Ballerini
Un calcio al pallone, due tiri a canestro, una corsa nei boschi, una pedalata tra salite e discese, una nuotata nel mare, una sciata nel bianco, una pagaiata sul lago.. Sacrifici, sudore, fatica, passione, socialità, emozioni, obiettivi, traguardi.. Lo sport è sempre un ottimo pretesto per VIVERE e per sentirsi VIVI !!

Lascia un commento