Olimpia Bergamo in finale, ma su le mani per la stagione Libertas

olimpia bergamo

I brianzoli si arrendono soltanto al tie-break nella decisiva gara3 della semifinale play-off promozione Credem Banca. Non basta aver rimontato quattro punti nel quinto set, l’Olimpia Bergamo troverà Piacenza.

Giù il cappello di fronte alla squadra di Luciano Cominetti, uscita tra gli scroscianti applausi dei suoi numerosi tifosi giunti al PalaAgnelli in questo 25 aprile. L’ennesima prova tutto cuore non è bastata, ma l’annata è comunque da ricordare. I canturini ci hanno provato fino all’ultimo a rendere sudatissimo il passaggio all’atto finale dell’Olimpia Bergamo. Riacciuffando gli avversari due volte nel computo dei set, riacciuffandoli anche nel quinto set quando al cambio tutto sembrava pregiudicato, con il punteggio di 11-7 a favore dei locali, portandoli ai vantaggi. Ma il presidente Ambrogio Molteni ha di che essere orgoglioso dei propri ragazzi, che l’anno prossimo si rimetteranno alla prova in un A2 a 12 squadre che diventerà di alto livello.

olimpia bergamo
Le formazioni si presentano al pubblico

I coach confermano le scelte delle due precedenti sfide, il primo set è pero da dimenticare per gli ospiti, che sbagliano praticamente tutto quello che c’era da sbagliare. Si procede a braccetto fino al 6-6, poi +2 interno con la parallela di Romanò e il muro di Cargioli su Cominetti. Baratti e Monguzzi non si intendono, 11-8 e time-out canturino. La diagonale di Romanò vale il +5, quella fuori di Preti il 16-10, nuova interruzione voluta da Luciano Cominetti. Coach canturino che prova a inserire Suraci al posto di uno fin qui spento Santangelo, ma il nuovo entrato pesta la linea in battuta e i padroni di casa vanno sul +9. Pallonetto di Tiozzo che regala ben dodici palle set all’Olimpia Bergamo, Cargioli non ne spreca nemmeno una con la veloce del 25-12.

E’ un’altra Cantù quella del secondo set, che trova un break di 3-0 con il mani out di Santangelo, la diagonale di Preti e il punto di Roberto Cominetti, obbligando Spanakis a parlarci sopra sul 10-13. Romanò riavvicina i suoi con l’ace in zona di conflitto tra Preti e Cominetti (12-13), Tiozzo impatta giocando sulle mani del muro (14-14). Shavrak riporta avanti gli orobici con la diagonale del 20-19, time-out per la panchina brianzola. Si va ai vantaggi, quattro tocchi fischiati ai locali (con il video-check a confermare) e il muro di Santangelo su Shavrak, permettono al Pool Libertas di imporsi 29-31 e impattare sull’1-1.

Annuncio Pubblicitario

Nel terzo parallela di Romanò e veloce di Erati per il 7-5, Cargioli mura Cominetti per il +3, mentre la pipe di Tiozzo costringe Luciano Cominetti a schiarire le idee ai suoi sul 13-9. Ace di Garnica, 19-14 e nuova interruzione chiesta dalla panchina ospite. Cominetti e Santangelo per il 19-16, questa volta è quella locale a interrompere il gioco, prima della jump float vincente di Robbiati per il -2. Nel finale di set Olimpia Bergamo trascinata da Shavrak, è suo il mani-out del 24-20, di Cristofaletti il punto di prima intenzione per il 25-20.

Nel quarto i padroni di casa provano a partire bene con il 2-0 iniziale, ma tre loro errori consecutivi consentono a Cantù di portarsi sul 7-9, obbligando Spanakis a fermare tutto. Pasticcio in ricezione tra Preti e Butti sull’ace di Erati del 10-10, ma il muro di Monguzzi su Shavrak vale il 10-12, quello di Preti su Tiozzo il punto dell’11-15. Padroni di casa che si riavvicinano con la parallela di Shavrak e l’attacco out di Cominetti che il video-check non scongiura, time-out esterno. Diagonale e parallela di Santangelo per il +4 Cantù, ma l’Olimpia pareggia sul 23-23 con la diagonale fuori di Preti. Si va nuovamente ai vantaggi, il mani fuori di Santangelo e l’attacco out di Romanò permettono alla Libertas di giocarsi tutto al tie-break.

olimpia bergamo
Un time-out dei brianzoli

Ospiti sotto 4-2 con la diagonale out di Santangelo, scivolando poi sul -3 con un muro di Shavrak. Si cambia campo sull’ 8-5 con un mani out di quest’ultimo, l’ace con l’aiuto del nastro di Garnica sembra voler suggerire i titoli di coda del match (11-7). Non è così, Santangelo trova il servizio vincente del 13-11, Spanakis si gioca il primo time-out. Romanò si conquista con la diagonale due palle match, ma le dilapida con l’errore in battuta e un attacco fuori, per il 14-14. Il giovane talentino si rifà subito con un punto dei suoi, Santangelo sbaglia l’attacco successivo e Bergamo strappa il punto del 16-14 con il quale può festeggiare.

L’Olimpia Bergamo vola quindi in finale che assegnerà un posto in Superlega, dove troverà la Gas Sales Piacenza in una battaglia al meglio delle cinque gare. Il Pool Libertas esce a testa altissima dal PalaAgnelli, una squadra giovane che si è resa autrice di una seconda parte di 2018/19 strepitosa e che si è dovuta inchinare a un’avversaria che aveva dalla sua parte quel pizzico di esperienza in più in regia che può essere stata determinante per l’esito della semifinale.

OLIMPIA BERGAMO – POOL LIBERTAS CANTU’  3-2

(25-12, 29-31, 25-20, 28-30, 16-14)

OLIMPIA BERGAMO: Garnica 3, Romanò 21, Tiozzo 15, Shavrak 17, Erati 8, Cargioli 11, Innocenti (L1), Sette 4, Cristofaletti 1, Gritti. N.E.: Cogliati, Marzorati, Cioffi, Franzoni (L2). All: Spanakis, 2°all: Guerini (battute vincenti 5, battute sbagliate 28, muri 9).

POOL LIBERTAS CANTU’: Baratti 1, Santangelo 31, Preti 13, Cominetti 10, Monguzzi 7, Robbiati 3, Butti (L1), Alberini, Suraci, Danielli. NE: Gasparini, Frattini, Pellegrinelli, Rudi (L2). All: Cominetti, 2°all: Redaelli (battute vincenti 3, battute sbagliate 28, muri 10).

Arbitri: Marco Turtù (Fermo) e Lorenzo Mattei (Macerata)

Videocheck: Elena Bartesaghi

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail
Marco Ballerini
Marco Ballerini
Un calcio al pallone, due tiri a canestro, una corsa nei boschi, una pedalata tra salite e discese, una nuotata nel mare, una sciata nel bianco, una pagaiata sul lago.. Sacrifici, sudore, fatica, passione, socialità, emozioni, obiettivi, traguardi.. Lo sport è sempre un ottimo pretesto per VIVERE e per sentirsi VIVI !!

Lascia un commento