Bergamo-Cantù 3-0. Cambia il campo, non il risultato.

bergamo-cantù

Nessuna sorpresa in Bergamo-Cantù. Come all’andata, prevale il maggior tasso tecnico degli orobici e brianzoli che provano a reggere l’urto.

“Mission impossible” o quasi quella a cui erano attesi oggi i canturini in occasione della 6^ giornata di ritorno del torneo di A2. Ovvero racimolare qualche punticino utile per la propria classifica nella tana della capolista, meglio nota come PalaAgnelli. A dirlo sono semplicemente i numeri stratosferici fin qui racimolati dai bergamaschi nel loro cammino stagionale: 16 vittorie in altrettanti incontri, di cui uno soltanto terminato al tie-break.

Tuttavia i canturini hanno provato ancora una volta a dire la loro, dopo il match di tre settimane fa. Se non per tutti i tre set disputati, quantomeno per buona parte di essi. Ma nel finale di essi è sempre emersa la maggior lucidità e caratura degli orobici. Nel primo, inoltre, è stata anche questione di millimetri: per ben tre volte il video-check ha dato ragione ai padroni di casa, ribaltando il verdetto iniziale degli arbitri.

Agnelli Tipiesse guidata dall’ex Andrea Santangelo, autore di 15 punti, oltre che da un preciso Marco Pierotti con il 75% in attacco e 13 punti. Non banali nemmeno i 6 punti e la consueta ottima regia di Juan Ignacio Finoli, mentre tra i canturini il migliore è ancora una volta Matheus Motzo con 16. Tutti gli altri sotto la “doppia cifra”.

Annuncio Pubblicitario

Coach Graziosi parte con Finoli in regia, Santangelo opposto, Terpin e Pierotti in banda, Milesi e Signorelli centrali, D’Amico libero. Coach Battocchio risponde con il solito sestetto, formato da Viiber palleggiatore, Motzo opposto, Mariano e Bertoli schiacciatori, Monguzzi e Mazza al centro, Butti libero. Sono due pipe di Terpin a permettere ai locali di tentare il primo allungo (7-5), poi lo stesso trova il 13-8 con l’ausilio del video-check dopo due ace a firma Finoli. Santangelo murato a tre ma la palla esce, 17-11 e secondo time-out di serata per Battocchio. I brianzoli provano a riavvicinarsi con un pallonetto di Mariano, ma è Pierotti a piazzare la palla corta del 25-18.

Nel secondo il Pool Libertas prova la fuga con un muro del duo Motzo-Monguzzi su Terpin (8-11), tuttavia l’Agnelli Tipiesse ribalta il punteggio con due punti di Santangelo intervallati da un muro di Pierotti su Viiber (15-14). Pipe di Terpin del 20-18, Battocchio decide di parlarci su. Milesi ferma l’attacco di Motzo ed è 25-21.

Nel terzo parallela di Motzo che vale l’1-4, nel frangente infortunio per Finoli a una caviglia e regista costretto ad abbandonare momentaneamente il match. Al suo posto Ceccato. Bergamo si riporta avanti dopo un’incomprensione tra i canturini in occasione di una difesa di Santangelo (11-10), ci pensa però capitan Monguzzi con due punti consecutivi a ridare il vantaggio alla sua squadra (11-13). Motzo manda fuori la parallela per il momentaneo 17-16, mentre Terpin non sbaglia la propria diagonale (20-17). E’ Pierotti a chiudere definitivamente i giochi con la diagonale del 25-21.

bergamo-cantù
Un attacco di Romolo Mariano in Bergamo-Cantù (foto P.Tettamanti)

Non particolarmente soddisfatto al termine di Bergamo-Cantù l’allenatore canturino. “Credo che quella di oggi sia stata una prestazione negativa da parte nostra – ha dichiarato Matteo Battocchio -. Non è un discorso di punteggio, Bergamo in casa ha vinto 8 volte su 10 per 3-0, ha perso solo tre set e la metà delle volte gli avversari non sono arrivati a 20; noi siamo arrivati a 21 due volte su 3, quindi il nostro non è stato un problema di punteggio. Il nostro problema di oggi è stato il fatto che abbiamo fatto male quello che di solito facciamo bene. La responsabilità è mia: quando la squadra fa male quello su cui è forte e su cui deve fare la differenza, la responsabilità principale è dell’allenatore che non ha saputo leggere bene la gara. Mi prendo tutte le responsabilità di questa prestazione negativa, però sono molto molto arrabbiato: non tanto per il punteggio, ma quanto perché se noi sappiamo fare delle cose, le dobbiamo fare bene e non possiamo ad un certo punto uscire dal campo come mentalità, e giocare in maniera contratta e in balia degli avversari“.

AGNELLI TIPIESSE BERGAMO – POOL LIBERTAS CANTU’ 3-0  (25-18, 25-21, 25-21)

AGNELLI TIPIESSE BERGAMO: Finoli 6, Santangelo 15, Pierotti 13, Terpin 11, Milesi 6, Signorelli 6, D’Amico (L1), Ceccato. N.E.: Mancin, Umek, Sormani, Cargioli, Rota (L2). All: Graziosi, 2° All: Busi, 3° All: Carenini (battute vincenti 5, battute sbagliate 12, muri 8).

POOL LIBERTAS CANTU’: Viiber 3, Motzo 16, Bertoli 5, Mariano 9, Monguzzi 5, Mazza 2, Butti (L1), Galliani, Picchio, Gianotti. NE: Regattieri, Malvestiti, Corti, Pellegrinelli (L2). All: Battocchio, 2° All: Abbiati, 2° All: Redaelli (battute vincenti 1, battute sbagliate 10, muri 6).

Arbitri: Antonio Licchelli (Reggio Emilia) e Michele Marotta (Prato)

Addetto al videocheck: Andrea Bonzanni

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Redazione
Redazione
Informati Vinci Sostieni Spazio Sport Web Brianzolo & Comasco
http://www.wincantu.it

Lascia un commento