Maria Romanò e compagne in zona play-off, uomini finale thrilling!

maria romanò

Destini differenti per le due squadre della Como Nuoto a una sola giornata dal termine delle rispettive regular-season. Le Rane Rosa capitanate da Maria Romanò battono Brescia 13-10, ragazzi di Polacchi battuti 13-7 dal Lavagna.

Era l’ultima possibilità di giocarsi la promozione per le giocatrici di Tete Pozzi, missione compiuta. Grazie alla vittoria contro le bresciane e alla contemporanea sconfitta di Sori contro la capolista Trieste (11-8), le comasche operano il sorpasso nei confronti del team allenato da Sonia Criscuolo, entrando per la prima volta da inizio campionato a questa parte nella zona che conta. Un successo però non propriamente agevole come invece ci si poteva aspettare vista la differenza in classifica, complice anche una certa distrazione difensiva delle locali soprattutto nella prima parte di gara.

maria romanò
Rane Rosa pronte a entrare in acqua per sfidare Brescia

Match che si sblocca dopo poco più un minuto, rigore commesso da Buizza su Lanzoni, è la stessa giocatrice a spiazzare Fanelli per l’1-0. Sembra l’avvio di un tranquillo pomeriggio domenicale, in realtà Brescia scappa sul 1-3 con una scatenata Bovo, autrice di tutte le reti. Prima con un alza e tiro, poi due volte eludendo le marcature di Lanzoni e Masiello, battendo Rosanna rispettivamente con un diagonale e una palombella. Maria Romanò inizia a caricarsi l’attacco sulle spalle indovinando il tiro sul secondo palo, il primo tempo si conclude sul 2-3 per Brescia.

E’ ancora la capitana lariana ad andare a segno in apertura di secondo con la beduina del 3-3, prima del sorpasso grazie al pallonetto di Antonacci in controfuga propiziato dal rilancio del proprio portiere. Luci prontamente ristabilisce la parità con un tiro sul primo palo, ospiti nuovamente avanti con un diagonale scagliato poco oltre la “gialla” da parte di Barbieri (4-5). Seconda rovesciata vincente di giornata per la più grande delle Romanò, poi la più piccola realizza il 6-5 sul quale Fanelli non riesce a trattenere il pallone. Girardi dal perimetro per il +2, ma Bovo è implacabile indovinando la traversa-gol con Lanzoni nel pozzetto, è 7-6 al giro di boa.

Annuncio Pubblicitario

Si conferma produttivo l’asse Pellegatta-Maria Romanò quest’oggi, con la seconda a finalizzare l’8-6. Di Lernia sorprende due volte una non impeccabile Rosanna, nel mezzo rete di Pellegatta da posizione 1 (9-8). Coach Tete Pozzi opta per inserire Frassinelli tra i pali, Lanzoni colpisce dalla distanza due volte sfruttando le superiorità numeriche per le espulsioni di Vitali M. e Buizza, la terza frazione si conclude sul punteggio di 11-8 che permette alle Rane Rosa di respirare.

Reattiva Frassinelli in apertura di quarto tempo sulla conclusione ravvicinata di Facchinetti, poi lo strappo definitivo alla contesa delle lariane con le reti di Bianca e Maria Romanò (13-8). Finale di gara orgoglioso da parte delle bresciane, che riducono il passivo con le firme di Vitali M. e Usanza su assist di Buizza (out Pellegatta).

Le ragazze di Tete Pozzi affronteranno nell’ultima giornata fuori casa una Padova che non ha più nulla da chiedere in questa stagione. Guai a sottovalutare l’avversario, ma possiamo dire che l’obiettivo play-off è oramai centrato. Ad attenderle ci dovrebbe essere con tutta probabilità l’Acquachiara Napoli, seconda in classifica nel girone Sud.

COMO NUOTO – AN BRESCIA   13-10  (2-3, 5-3, 4-2, 2-2)

COMO NUOTO: Frassinelli, Romanò M. 5, Antonacci 1, Girardi 1, Trombetta, Radaelli, Bianchi, Cassano, Romanò B. 2, Lanzoni 3, Pellegatta 1, Masiello, Rosanna. All.: Pozzi.

AN BRESCIA: Fanelli, Usanza 1, Facchinetti, Di Lernia 2, Bovo 4, Testa, Luci 1, Vitali M. 1, Casali, Buizza, Barbieri 1, Vitali C., Fiorese. All. Calderara.

Arbitro: Roberti Vittory.

NOTE: Superiorità numeriche: Como Nuoto 6 su 10 + 1/1 rigore, An Brescia 2 su 9.

sturla 1
Capitan Jacopo Pellegatta (Como Nuoto)

Non riescono invece nell’intento di ritornare a casa con qualche punto i ragazzi di coach Polacchi (senza Busilacchi, Beretta e Bulgheroni), battuti 13-7 nella piscina della quinta forza del campionato, il Lavagna 90. Prima parte di gara in cui si mettono in luce i rispettivi portieri e con i locali che si presentano al cambio di campo avanti 4-1, grazie alle reti di Casazza, Luce e dei due Pedroni, intervallate da quella di Toth per i comaschi. Nella terza frazione i liguri allungano sul +4 con il gol di Cimarosti (6-2), mentre capitan Pellegatta prova a tener ancora in vita i suoi con una tripletta per l’8-5 con ancora otto minuti da giocare. Nessun colpo di scena però nell’ultimo tempo, anzi la squadra di coach Martini suggella ulteriormente il proprio successo con un parziale di 5-2, mentre finisce anzitempo la partita per Emilio Pagani. Da segnalare le triplette di Giorgio Cotella e Jacopo Pellegatta. A una giornata dal termine della regular-season, la Como Nuoto si trova appaiata al terzultimo posto del girone Nord di serie A2 insieme a Plebiscito Padova e Sturla. Nel prossimo turno i comaschi ospiteranno Torino che ha ancora qualche piccola speranza di primo posto, Padova farà altrettanto contro un Crocera non ancora matematicamente salvo, mentre Sturla attenderà proprio il Lavagna che si giocherà l’ultimo posto play-off disponibile con Ancona. Nessuna sfida dall’esito scontato quindi. Dovessero rimanere tutte e tre ancora pari in classifica, la classifica avulsa condannerebbe Sturla ai play-out. Anche un eventuale arrivo a due premierebbe i comaschi (2-0 nel doppio scontro diretto con Sturla, 1-1 con Padova ma differenza reti a proprio favore).

LAVAGNA 90 – COMO NUOTO 13-7  (2-1, 2-0, 4-4, 5-2)

LAVAGNA 90: Agostini, Botto 1, Luce 1, Pedroni M. 1, Pedroni L. 2, Cimarosti 2, Bianchetti, Gabutti, Cotella F., Cotella G. 3, Menicocci 1, Magistrini, Casazza 2. All.: Martini.

COMO NUOTO: Viola, Foti, Pagani 1, Lepore, Bianchi, Toth 2, Casadio, Gennari, Cassano, Pellegatta 3, De Simone, Fusi 1, Ferrero. All.: Polacchi.

Arbitri: Baretta e Valdettaro.

NOTE – Superiorità numeriche: Lavagna 1/8 + 1 rigore, Como Nuoto 2 su 10. Espulso per gioco pericoloso Pagani (CO) nel quarto tempo. Spettatori: 150 circa.

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Marco Ballerini
Marco Ballerini
Un calcio al pallone, due tiri a canestro, una corsa nei boschi, una pedalata tra salite e discese, una nuotata nel mare, una sciata nel bianco, una pagaiata sul lago.. Sacrifici, sudore, fatica, passione, socialità, emozioni, obiettivi, traguardi.. Lo sport è sempre un ottimo pretesto per VIVERE e per sentirsi VIVI !!

Lascia un commento