Como Nuoto vedi Napoli e poi sali, storico salto in A1!

como nuoto

La prima squadra femminile della Como Nuoto batte l’Acquachiara Napoli nella decisiva gara3 11-9: per la prima volta sarà massima serie.

E’ tutto vero. Il sogno si è tramutato in realtà, mentre il certosino lavoro condotto da coach Tete Pozzi da quattro anni a questa parte ha dato i suoi frutti. Perché la promozione odierna non è frutto dell’improvvisazione, ma di una semina iniziata quantomeno a partire dal 2017/18, stagione nella quale l’allenatore lariano aveva ripreso il timone delle sue Rane Rosa dopo la fugace parentesi Maria Pia Sambo.

Un trionfo costruito soprattutto in casa, sebbene le mura amiche negli ultimi 24 mesi la società comasca non sa bene cosa siano. Giovanissime coltivate nel proprio vivaio e poi sbocciate in prima squadra (Rebecca Bianchi e Bianca Romanò), ragazze oramai veterane che hanno compiuto lo stesso percorso, un cavallo di ritorno (Nina Fisco) e pochissimi innesti da fuori il territorio. In quest’ultima catalogazione dobbiamo citare Jamila Tedesco, oggi decisiva in boa con quattro reti e meritevole della palma di mvp in coabitazione con Ginevra Frassinelli, autrice di tre rigori parati.

Lariane che sono scese in acqua con il piglio dei giorni migliori, intenzionate a indirizzare da subito la contesa. Così, dopo nemmeno tre minuti, le padroni di casa si ritrovavano sul 2-0 con i gol di Maria Romanò su assist di Fisco e la controfuga della sorella Bianca conclusa con un preciso diagonale da sei metri. L’Acquachiara reagisce immediatamente ma sono necessarie due espulsioni della Bianchi per perforare la difesa di casa, con Foresta dal perimetro e con Anastasio da posizione uno per il momentaneo pari. Primo tempo che però si chiuderà 3-2 per la Como Nuoto, con Tedesco in boa a dare il via al suo show servita da Bianca Romanò.

A inizio secondo tempo è la traversa a intromettersi tra le locali e il loro nuovo tentativo di allungo, così ci pensa Mazzola a impattare il punteggio con una precisa palomba. Comasche che però ritrovano il doppio vantaggio grazie ad altre due reti in boa di Tedesco. Le partenopee si rifanno sotto con una rete di Di Maria su assist di Foresta, ma è quest’ultima a sprecare il 5-5 dai cinque metri. Cosa che non fa Lanzoni per un fallo causato da Di Maria, prima che Frassinelli si esalti ancora a cronometro fermo questa volta ai danni di Mazzola. Al giro di boa il tabellone recita 6-4.

In avvio di terzo tempo le Rane Rosa tentano l’allungo decisivo, portandosi sul +3 con Bianchi da posizione uno e con Giraldo dal lato opposto grazie a un bel pallonetto, nel mezzo la deviazione vincente di De Magistris su passaggio di Foresta. Tuttavia le campane non vogliono alzare bandiera bianca anticipatamente, ricucendo sul -1 con Di Maria su assist di Zizza e la controfuga di Mazzola dopo una palla soffiata dalla stessa a Bianca Romanò.

Nuovo aggancio che si concretizza 29″ l’inizio dell’ultima frazione, con una beduina di Di Maria. Con una rimonta subita del genere, le certezze comasche potrebbero vacillare ma ci pensa Frassinelli a metterci una decisiva pezza dapprima su Di Maria e poi su Tortora. L’asse Bianca Romanò-Jamila Tedesco, con una rete di quest’ultima in boa, unitamente alla conclusione vincente di Giraldo in posizione cinque, ridanno nuova verve alle locali che si portano sul 10-8. Anastasio dai cinque metri batte finalmente il portiere di casa, ma Frassinelli torna a fare la voce grossa neutralizzando invece quello di Foresta a 1’30” dalla fine. Il sigillo definitivo sul trionfo delle Rane Rosa lo mette Fisco a 33″ dalla conclusione, dalla distanza batte 1 alla sua destra per il definitivo 11-9.

como nuoto
Ginevra Frassinelli (Como Nuoto), 5 metri di importanza capitale parato nel finale di match

Tete Pozzi: “Va fatto un monumento a queste ragazze, si meritano tale gioia”

Gioia immensa a fine partita per l’allenatore lariano. “Oggi le mie ragazze si sono presentate con lo spirito più positivo di questo mondo – le parole di Tete Pozzi -. E’ quello che ho chiesto a loro, unitamente a pensare a quello che sanno fare. Siamo scappati via subito e le nostre avversarie ci hanno ripreso perché di fatto valgono, punendo ogni nostro errore. Oggi però tante cose ci giravano bene. Queste ragazze si meritano un monumento, portando la croce negli ultimi tre anni, causa i problemi con la piscina e con una stagione senza la nostra sede. Perciò quella odierna è una gioia che si meritano in maniera spassionata. Se mi volto all’indietro, mi ricordo che qualche stagione fa non era così sicuro che la formazione di ragazze potesse esserci. Ora invece siamo addirittura in A1, è una sensazione stupenda. Sono orgoglioso di far parte da cinquantanni  della Como Nuoto”.

COMO NUOTO RECOARO – AKTIS ACQUACHIARA NAPOLI 11-9 (3-2, 3-2, 2-3, 3-2)

COMO NUOTO: Frassinelli, Romanò M. 1, Fisco 1, Girardi, Ielmini, Giraldo 2, Bianchi 1, Tedesco 4, Romanò B. 1, Lanzoni 1, Pellegatta, Radaelli, Cassano. All.: Pozzi.

ACQUACHIARA:  D’Antonio, Zizza, De Magistris 1, Scarpati, Di Maria 3, Massa, Mazzola 2, Tortora, Anastasio 2, Carotenuto, Foresta 1, De Bisogno, Gaito. All: Damiani.

Arbitri: Schiavo e Torneo

NOTE: Superiorità numeriche Como Nuoto Recoaro 4 su 6 + 1/1 rigore, Aktis Acquachiara 5 su 10 + 1/4 rigori.

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Marco Ballerini
Un calcio al pallone, due tiri a canestro, una corsa nei boschi, una pedalata tra salite e discese, una nuotata nel mare, una sciata nel bianco, una pagaiata sul lago.. Sacrifici, sudore, fatica, passione, socialità, emozioni, obiettivi, traguardi.. Lo sport è sempre un ottimo pretesto per VIVERE e per sentirsi VIVI !!

Lascia un commento