2001 Team “no problem” per le Rane Rosa, uomini ko a Lavagna

2001 team
il massimo della pizza banner

Vittoria agevole per le ragazze di Tete Pozzi nel debutto casalingo contro il 2001 Team Padova, finisce 14-7. Gli uomini si arrendono al forte Lavagna.

Un orario particolarmente insolito quello della seconda giornata del campionato di A2 per le Rane Rosa. Utilizzando un termine moderno tanto in voga, oseremmo definirlo “lunch match”. E’ l’esordio nella piscina olimpica di Muggiò quella per le giovanissime giocatrici lariane, reduci da un bel successo esterno contro l’Us Locatelli per 12-10. C’è da affrontare il 2001 Team Padova, neopromossa che ha strappato un punto al Varese Olona Nuoto sette giorni prima.

L’avvio per le ragazze di Tete Pozzi è di quelli prepotenti, destinato a spianarne la strada verso il successo. Nei primi due minuti e spiccioli vanno a segno Maria Romanò e Alice Giraldo con un bel gol dalla sinistra sul secondo palo. Le ospiti provano a reagire con Mazzolin G., la quale però spreca una buona occasione prima e si fa parare la conclusione dalla Frassinelli poi. Difesa veneta non tra le più attente in questo avvio, la Girardi trova una rete dalla distanza e la Repetto fa altrettanto sfruttando una buona circolazione della palla. La n°1 comasca nega la gioia allo scadere a Meggiato, il 2001 Team Padova si ritrova sotto 4-0 dopo il primo tempo ma poteva anche andare peggio, con alcuni legni colpiti dalle locali.

2001 team
L’ingresso in acqua per le squadra veneta dell’allenatore Rosso

In apertura di secondo Frassinelli si conferma attenta e reattiva, deviando il diagonale tentato da Bozzolan. La Lanzoni firma il quinto gol su assist della Comba, quindici secondi più tardi prima rete padovana con Meggiato che tira in faccia alla Repetto. Le giovani giocatrici di Rosso insistono con il pallonetto ma i risultati sono scarsi, cosa che invece riesce benissimo a Rebecca Bianchi autrice del 7-1 un minuto e venti secondi più tardi la traversa-gol di Maria Romanò. La sorellina minore di quest’ultima commette un fallo da rigore su Mazzolin G., Meggiato angola alto per il 7-2. Grande rete della Repetto da quasi metà campo, poi Giraldo a segno sul cambio di lato confezionato dalla Masiello per il 9-2 Como Nuoto sul 2001 Team Padova al giro di boa.

Annuncio Pubblicitario

 La seconda metà di gara sarà invece più equilibrata, un ex equo in termine di reti totali fra le due squadre, con il terzo tempo appannaggio delle padroni di casa per 3-1, mentre l’ultima frazione favorevole alle venete per 4-2. In questi sedici minuti a segno la Lanzoni due volte, Maria Romanò, Giraldo e Pellegatta per la Como Nuoto. Meggiato con due, le Mazzolin una volta a testa e Cardillo per il 2001 Padova. Prossimo impegno per le “Ranette” domenica prossima in quel di Verona.

COMO NUOTO – 2001 TEAM PADOVA 14-7  (4-0, 5-2, 3-1, 2-4)

COMO NUOTO: Frassinelli, Romanò M. 3, Repetto 2, Girardi 1, Trombetta, Giraldo 3, Bianchi 1, Comba, Romanò B., Lanzoni 3, Pellegatta 1, Masiello, Chimenti. All.: Tete Pozzi

2001 TEAM PADOVA: Giussani, Mazzolin G. 1, Mazzolin M. 1, Cardillo 1, Zorzi, Tognon, Stefan, Pegoraro, Toffanin, Dall’Armi, Meggiato 4, Bozzolan, Cappadonia. All.: Rosso

Arbitro: Giorgia Filippini

NOTE – Superiorità: Como Nuoto 2 su 3 + 1/1 rigore, 2001 Padova 3 su 11 + 1/1 rigore.

2001 team
Un time-out delle padroni di casa coadiuvato da Tete Pozzi

La squadra maschile allenata da Paolo Venturelli si reca invece in Liguria per affrontare il Lavagna 90 Dimeglio nella settima giornata del proprio campionato, con l’intento di mettere in mostra un altro volto rispetto a quello mostrato nell’ultima sconfitta a Sori.

A sbloccare il punteggio ci pensano i padroni di casa, a segno con Menicocci dopo 1’28”. Giorgio Cotella e Casazza provano subito ad indirizzare la gara portandola sul 3-0, è di Ferrero la rete ospite che fisserà sul 3-1 il parziale del primo tempo, dove bisogna segnalare anche i due rigori neutralizzati da Gianoglio su Susak.

In apertura di secondo si sblocca Busilacchi, veemente però la risposta locale che con tre reti nel giro di un minuto e mezzo (Giorgio Cotella, Loomis e Bassani) si portano sul 6-2. Nuovamente il centro-boa comasco per il primo ed unico gol realizzato dai suoi con l’uomo in più,  poi la doppietta di Emilio Pagani e la seconda rete di Susak consentono alla Como Nuoto di prolungare il proprio momento positivo e di impattare le sorti del match. Parità che resisterà solamente un minuto, Menicocci realizza il 7-6 con il quale le due formazioni completeranno la prima metà di gara.

Da qui in poi lo spartito della sfida cambia radicalmente, con i lariani purtroppo a cedere il passo. Trascorsi diciotto secondi dalla ripresa del gioco, Casazza perfora Garancini e ripetendosi poi tre minuti più tardi su rigore per il +3. Girogio Cotella sfrutta la superiorità, è 10-6 con un tempo da giocare.

Negli ultimi otto minuti il copione però non cambia, con i padroni di casa in grado di aumentare ulteriormente il gap. Loomis  firma la sua personale doppietta, Susak trova il punto del 11-7 nell’intento di limitare quantomeno i danni, ma segnano anche Francesco Cotella e Menicocci che può con un gol festeggiare la propria tripletta, finisce 13-7 per il Lavagna. Sabato prossimo la Como Nuoto finalmente tornerà a Muggiò, lo farà contro il President Bologna secondo in classifica.

LAVAGNA 90 DIMEGLIO – COMO NUOTO 13-7  (3-1, 4-5, 3-0, 3-1)

LAVAGNA 90 DIMEGLIO: Gianoglio, Bassani 2, Luce, Pedroni L., Pedroni M., Loomis 2, Magistrini, Solari, Cotella F. 1, Cotella G. 3, Menicocci 3, Parisi, Casazza 3. All.: Martini.

COMO NUOTO: Garancini, Foti, Pagani 2, Susak 2, Busilacchi 2, Cantaluppi, Lava, Mandaglio, Beretta, Cassano, Bulgheroni, Fusi, Ferrero 1. All.: Venturelli.

Arbitri: Bensaia e Valdettaro

NOTE – Uscito per limite di falli Pedroni Luca (L) nel quarto tempo. Superiorità numeriche: Lavagna90 Di Meglio 2/8 + un rig., Como Nuoto 1/7 + 2 rig (sbagliati da Susak nel primo tempo). Spettatori 100 circa. Gianoglio (L) para due rigori a Susak (C) nel primo tempo. Prima dell’inizio della partita è stato osservato un minuto di silenzio in memoria di Governari, padre del direttore sportivo Emanuele

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Marco Ballerini
Marco Ballerini
Un calcio al pallone, due tiri a canestro, una corsa nei boschi, una pedalata tra salite e discese, una nuotata nel mare, una sciata nel bianco, una pagaiata sul lago.. Sacrifici, sudore, fatica, passione, socialità, emozioni, obiettivi, traguardi.. Lo sport è sempre un ottimo pretesto per VIVERE e per sentirsi VIVI !!

Lascia un commento