Under 17 serie C, il Como di Cicconi è campione d’Italia!

under 17 serie c

Sono gli azzurri a conquistare lo scudetto nella categoria Under 17 serie C. Battuto il Monopoli in finale 3-1, mister Cicconi bissa il 2017.

Non si è esaurita con la grande cavalcata della prima squadra il fantastico 2020/21 del Como 1907. Dopo aver centrato il ritorno nel campionato cadetto lo scorso 25 aprile, la società lariana è riuscita a farsi un altro meraviglioso regalo. Questa volta grazie al settore giovanile, rilanciato a dovere due anni fa dal responsabile Giancarlo Centi, che tra i propri collaboratori ha rivoluto qualche tecnico già avuto nella precedente esperienza.

E tra questi c’è anche Massimo Cicconi, condottiero del gruppo che riuscì a ottenere l’ultimo grande successo nel vivaio azzurro prima di ieri, con lo scudetto Under 17 di serie C nel 2016/17. Ma il trionfo ottenuto poche ore fa ha un sapore totalmente differente: all’epoca una sottile sensazione di amarezza aleggiava nell’ambiente, con tutti i ragazzi che da lì a poco tempo si sarebbero svincolati a causa del nuovo fallimento del club. Insomma, un duro lavoro disperso nel vuoto.

Oggi invece la situazione societaria è diametralmente opposta e questa vittoria rischia di essere soltanto la prima di altre in un nuovo ciclo. Gli azzurrini hanno terminato l’annata imbattuti. Dopo aver concluso in vetta il proprio girone, nelle gare a eliminazione diretta si sono sbarazzati nell’ordine di Cesena con un 2-1, del Renate (per giunta in casa loro) con un rotondo 3-0, fino alla finalissima contro il Monopoli. Contro i pugliesi, la gara è terminata 3-1 grazie alle reti di Di Giuliomaria, Tremolada e Gatti. Vano il gol di Tataru per la formazione di mister Biasi.

Massimo Cicconi, alla guida del Como che ha conquistato il tricolore nell’Under 17 serie C

Tutta la gioia e la soddisfazione per questa impresa traspare dalle parole e dagli occhi del proprio allenatore. “Qualche ragazzo ha sentito un po’ la gara – ha esordito Massimo Cicconi -, nei primi cinque minuti abbiamo sofferto e la prima frazione è stata equilibrata. Poi c’è stata una reazione da fenomeni. Li voglio chiamare così questi giocatori, perché hanno fatto una cosa impensabile. Hanno creduto a tutte le stupidate che gli ho detto in questi tre mesi, con questo gruppo eravamo partiti l’anno scorso e abbiamo lavorato poco a causa del lockdown. Ma dopo esso si sono ripresentati entusiasti e motivati, ho detto a loro fin da subito di credere sempre nel sogno e di cercare di fare il massimo”.

“Temevo questa finale, anche perché partivamo un attimino favoriti – ha poi proseguito il mister del Como 1907 -. Tanti 2005 sono venuti con noi, dandoci una mano. Mi sono commosso vedendo gli infortunati presenti aldilà della recinzione, mi spiaceva per loro. Vorrei dedicare questo trionfo a Giorgio Bressani, quattro anni fa gli portai la coppa in sede, ora faremo lo stesso ma purtroppo non ci sarà. Cercheremo di tenere una medaglia da parte anche per lui”.

Uno dei grandi protagonisti di questo successo è stato Elia Di Giuliomaria, insieme a Marco Andrea Tremolada il miglior marcatore dei lariani nella fase finale con tre reti. Reduce dall’esperienza all’estero con il team di Garuda, il figlio del noto ex cestista ha parlato così ai microfoni di Como Tv. “Quella in Inghilterra è stata un’esperienza importante, sono tornato carico e con  una buona condizione fisica. Ho provato a dare tutto per aiutare i miei compagni, ritrovati anch’essi decisamente in forma e alla fine siamo riusciti a vincere questo campionato. E’ stata un’emozione grandissima”.

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Marco Ballerini
Un calcio al pallone, due tiri a canestro, una corsa nei boschi, una pedalata tra salite e discese, una nuotata nel mare, una sciata nel bianco, una pagaiata sul lago.. Sacrifici, sudore, fatica, passione, socialità, emozioni, obiettivi, traguardi.. Lo sport è sempre un ottimo pretesto per VIVERE e per sentirsi VIVI !!

Lascia un commento