Tifosi Como e Comune, meeting interlocutorio in attesa dell’Ad

tifosi como

Si è svolto questa mattina l’annunciato incontro tra i tifosi del Como e l’amministrazione comunale, mentre prossimamente sindaco e assessori incontreranno Gandler.

Nessuna concessione senza un progetto o nessun progetto senza concessione? La partita riguardante l’ammodernamento o la realizzazione dello stadio è appena iniziata, ma probabilmente è già a uno snodo cruciale. È ciò che è emerso dall’incontro odierno a Palazzo Cernezzi tra l’amministrazione comunale e i tifosi del Como, aperitivo di quello ben più importante che avverrà prossimamente tra Comune e Michael Gandler, ceo del Como 1907.

Tifosi como
Alessandro Camagni, ha rappresentato la società all’incontro

Il Sindaco Mario Landriscina ha infatti dichiarato che resta ancora in attesa di proposte formali, trasparenti e compatibili. Ma la versione societaria, affidata ad un comunicato per bocca del suo responsabile della comunicazione, Alessandro Camagni, fa intendere altro. “Siamo molto dispiaciuti di non poter prendere parte a questo meeting che speriamo possa essere un buon primo passo – recita la prima parte del testo – In questi primi mesi abbiamo lavorato molto per essere pronti per affrontare un campionato professionistico e porre le basi per dare un futuro solido, stabile e duraturo al club. Abbiamo già avanzato delle richieste formali al Comune per quanto riguarda alcuni lavori necessari e non prorogabili per via dello stato di scarsa manutenzione preesistente in alcuni punti del Sinigaglia”.

Annuncio Pubblicitario

Per l’amministrazione però, vista e considerata la particolarità del bene pubblico in oggetto e le norme giuridiche stringenti che lo disciplinano, è necessario predisporre un progetto ben articolato e con un piano economico-finanziario solido, prima di dare il via alla relativa gara. Ma tutto ciò, secondo il club,è certamente un lavoro che richiede diverso tempo, ma soprattutto la certezza che poi possa essere messo in atto. “Proprio per la volontà di guardare al futuro lo stadio risulta un argomento centrale in termini di sviluppo dei fans, commercializzazione e come un simbolo globale della nostra bellissima città – si legge nella parte centrale del comunicato – Un progetto che si pone come obiettivo quello di rifare lo stadio e cambiare lo sfondo paesaggistico di tutta l’area non è certamente facile. Richiede risorse umane e finanziarie, duro lavoro ed investimenti. Il fattore più importante per la buona riuscita però è la collaborazione, l’impegno e il coinvolgimento tra le parti interessate. Il Como 1907 ha la volontà di porsi come parte attiva in questo percorso, ma per far si che tutto ciò possa avvenire abbiamo bisogno di una partecipazione attiva da parte del Comune. Il primo passo necessario, come già richiesto dalla società, è l’estensione della concessione su termini più lunghi, così da poter realizzare un iniziale investimento per sviluppare uno studio comprensivo e di fattibilità. Questo piano richiede il coinvolgimento di specialisti, consulenti, progettisti, architetti, avvocati e altre risorse, in modo da determinare in modo ottimale i passi successivi di sviluppo e costruire una mappa progettuale che risponda ad esso.

Questione stadio che, come detto dal Sindaco Landriscina, non rientra al momento tra le priorità assolute (urge innanzitutto il capitolo scuole) ma la volontà di affrontarla seriamente da parte della sua Giunta c’è. Un’apertura apprezzata dalla nuova società di calcio. “Nonostante la nostra assenza oggi, questo primo meeting ci mostra il sincero desiderio del Comune di capire meglio lo stato corrente dello stadio, le opportunità e il beneficio sociale che esso può offrire” prosegue il comunicato.

Tifosi como
Il Sindaco Landriscina attorniato dagli Assessori Galli e Pettignano

Un incontro, quello organizzato dai tifosi del Como specialmente dai Pesi Massimi (che contavano su due rappresentanti, tanti quanti quelli della Curva, mentre uno era per conto dei Fedelissimi Bellagio), apprezzato dal club di viale Sinigaglia. Supporters che reclamano un cambio di strategia per un problema oramai trentennale, al quale si cerca di mettere una toppa abbastanza superflua con una cadenza praticamente annuale, anche e soprattutto per via delle problematiche economiche comunali. Pur essendo dispiaciuti di non poter esser qui oggi, ringraziamo i tifosi per aver mostrato in modo costruttivo il loro supporto alla società e aver parlato direttamente con il comune. Ci auguriamo di poter avere la stessa opportunità in un futuro prossimo. Per questo riteniamo e ci auspichiamo che questo incontro possa essere un ulteriore passo in avanti” conclude lo scritto.

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Marco Ballerini
Marco Ballerini
Un calcio al pallone, due tiri a canestro, una corsa nei boschi, una pedalata tra salite e discese, una nuotata nel mare, una sciata nel bianco, una pagaiata sul lago.. Sacrifici, sudore, fatica, passione, socialità, emozioni, obiettivi, traguardi.. Lo sport è sempre un ottimo pretesto per VIVERE e per sentirsi VIVI !!

Lascia un commento