“Stefano Verga entrerà in società”: parola di Roberto Felleca

[ethereumads]

L’Ad del Como 1907, nella conferenza stampa post-Chieri, anticipa l’ingresso in società di Stefano Verga. Che avverte: “Seguendo i miei consigli si possono fare grandi cose, ma serve il grano”

Roberto Felleca, Amministratore delegato del Como 1907, è raggiante dopo il successo nella finale playoff contro il Chieri: “Vittoria meritatissima“, ha esordito in sala stampa. “Contro una grande squadra, i nostri ragazzi hanno giocato la partita più spettacolare della stagione. Peccato perché questi playoff assicurassero la promozione. Ora speriamo di riuscire a salire di categoria: siamo fiduciosi. Sarebbe da pazzi non cercare di essere ripescati, a livello sportivo ed economico. Dopo il ko del Troina siamo messi bene in graduatoria e a quanto so diverse squadre di Serie A non sono intenzionate a mettere in piedi le seconde squadre. Speriamo che per quest’anno lascino spazio a chi ha sudato tutto l’anno per salire, sarebbe più giusto. La sfida sarà mettere in piedi una squadra per la C senza però la certezza di giocarci. Ma se l’anno scorso abbiamo costruito la rosa in dieci giorni ad agosto, riusciremo anche a costruire una rosa di Serie C a luglio. Questo è un bel gruppo, ovviamente qualcuno andrà via e qualcuno rimarrà, sia in caso di C che di D“.

Roberto Felleca

Novità nella composizione societaria: “Stefano Verga entrerà in società, sceglierà lui con quali quote. Domani (oggi, ndr) incontrerò Nicastro per definire alcuni punti importanti in vista del futuro. Io e Massimo siamo uniti, entrambi abbiamo voluto l’ingresso di Verga in società e lui vuole entrare in società con entrambi. Stefano si è dannato l’anima sin dal primo giorno del nostro arrivo, comportandosi già come un socio. Noi lavoriamo per rendere il Como migliore e più solido, qui non ci sono né Essien né Porro. Credo che andremo a inserire anche la figura di un direttore generale, che in Serie D serviva relativamente. Ma quasi sicuramente sarà uno di noi. In questi giorni abbiamo speso parecchio per lo stadio, in modo da poter giocare sin da subito al Sinigaglia la prossima stagione“.

Stefano Verga

Così si è espresso lo stesso Stefano Verga, presentatosi al fianco di Felleca: “E’ stata una partita spumeggiante, mi sono molto divertito. Ora ci auguriamo di essere ripescati, Como si merita una categoria superiore. Il ripescaggio ci darebbe ciò per cui abbiamo lottato durante quest’annata difficile. Sono stati fatti un po’ di sbagli in questa stagione, com’è normale che sia in una società nuova. In vista dell’anno prossimo si cercherà di migliorare. Con quali quote entrerò? Ci sono un po’ di cose che Roberto e Massimo dovranno sistemare. Settimana prossima, dopo l’incontro tra loro, potrò essere più chiaro. Felleca e Nicastro sanno quello che vorrei per il Como: un progetto ambizioso di risalita per cui serve un bel po’ di grano. Se l’attuale proprietà accetterà i consigli che ho dato, potremo fare belle cose. Voglio dare più credibilità possibile a una società che negli ultimi anni ne ha persa tanta“.

 

Qualche battuta di mister Antonio Andreucci, che ringrazia società, tifosi e giocatori e afferma: “Un successo non scontato, visto come eravamo partiti. Spero che questa vittoria dia alla società la possibilità di salire di categoria. Non lo considererei un ripescaggio, ma un qualcosa di meritato. Parleremo con la società e faremo un bilancio della stagione. La cosa più brutta è stata quando siamo stati accusati di non aver voluto vincere a Carate: non ce l’abbiamo fatta“.

Capitan Davide Sentinelli ha qualche rimpianto: “Le emozioni di oggi (ieri, ndr) avremmo voluto provarle due settimane fa, comunque abbiamo giocato un buon campionato e abbiamo dato alla società la possibilità di essere ripescata”.

Infine, la serenità di Federico Gentile: “Ho lasciato Siena per venire qui: non mi sono mai pentito, lo rifarei. I numeri di questa stagione mi hanno dato ragione, se la società vorrà continuare insieme io do la mia disponibilità“.

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Alessio Lamanna
Già da bambino sognavo di far parte del mondo del giornalismo calcistico. Missione compiuta: dal post-diploma ad oggi, non ho mai smesso di scrivere di Serie C, con un occhio sempre sul Como, mia squadra del cuore. Un privilegio che amo mettere al servizio dei lettori.

Lascia un commento