Simone Verdi si sblocca, Como aggressivo e Catanzaro battuto

simone verdi
[ethereumads]

Arriva finalmente la prima rete di Simone Verdi in maglia azzurra, decisivo nel successo 1-0 dei lariani sui calabresi grazie a un penalty.

L’impellente necessità di fare punti. Un Como 1907 che non si poteva permettere ulteriori passi falsi quello sceso in campo quest’oggi per l’undicesimo turno di serie B. Con due ko consecutivi alle spalle e un bottino pieno che è mancato nelle precedenti tre uscite, i lariani erano attesi al varco dai propri tifosi e dalla critica questo pomeriggio al Sinigaglia. Con la prerogativa che doveva essere, ancor prima di un risultato positivo, un atteggiamento sul rettangolo verde consono per una squadra con fondate ambizioni.

E per provare a modificare lo spartito offerto contro Cremonese e Parma, Moreno Longo ha deciso di ritornare alle due punte. Pertanto rispetto alla trasferta emiliana, dentro Gabrielloni al posto di Baselli. E anche Kone il quale, esaurita la squalifica, ha sostituito l’indisponibile Abildgaard. Nonostante il rotondo 3-0 rifilato alla Feralpisalò, bis di variazioni anche per Vincenzo Vivarini: l’ex Donnarumma in panchina a favore di Biasci, torna titolare anche Brignola a discapito di Sounas.

Una mossa che si è rivelata decisamente azzeccata. Si perché sia Gabrielloni che Kone hanno contribuito a portare quell’energia necessaria da contrapporre a un’avversaria del genere. Ma anche tutti gli altri comaschi li hanno seguiti a ruota, davvero difficile trovare un azzurro oggi che abbia demeritato (praticamente il contrario di una settimana fa). E ottima, aldilà della rete decisiva, la prova di Simone Verdi. L’ex granata si è dimostrato freddo dagli undici metri, tuttavia è stato anche autore di potenziali assist offerti ai suoi compagni di squadra. Grande prestazione dunque del Como 1907, quasi perfetto soprattutto in fase di non possesso.

La partita

Bastano pochi secondi per capire che la compagine azzurra quest’oggi abbia tutt’altra faccia, con una palla recuperata da Kone e la pressione alta di Curto. Così casualmente (o forse non troppo) al 6′ matura già il vantaggio dei padroni di casa: traversone dalla destra a tagliare di Verdi, Katseris la tocca con un braccio nel corpo a corpo con Ioannou. Dal penalty se ne incarica Simone Verdi, che spiazza Fulignati per l’1-0. Fantasista che ci riprova qualche minuto più tardi, alta però la sua punizione. Poi è Curto a centrare la parte alta della traversa con un tocco sotto dal limite e insidiosissimo il successivo tiro a giro dal limite di Cutrone che esce non di molto.

Curto devia nella propria porta un cross di Vandeputte al 21′, Semper blocca. Una dozzina di minuti più tardi Simone Verdi pesca dalla destra Gabrielloni, jesino che perde l’attimo fuggente e Brighenti riesce a metterci una pezza. Centrale il tentativo dalla trequarti di Kone, Ghion invece sfiora il pari cercando di piazzarla sul secondo palo, sfera out di poco. Conclusione sul fondo di Cutrone su retropassaggio di Gabrielloni, poi quest’ultimo si divora (andava però verificata la sua posizione regolare) il raddoppio sulla palla morbida messa in mezzo da Kone non inquadrando lo specchio della porta. Catanzaro dunque sotto all’intervallo.

Circa 1500 i tifosi del Catanzaro presenti oggi in riva al Lario

Padroni di casa che si renderanno pericolosi anche a inizio ripresa, con un’incornata di un niente fuori misura di Gabrielloni su cross di Cassandro. Largo invece il diagonale di Ioannou dopo una sua discesa sulla sinistra. Gran chiusura in scivolata di Ioannou su un lanciatissimo in contropiede Vandeputte, sopra la traversa la deviazione aerea di Gabrielloni sul traversone di Ioannou. Brivido per la tifoseria comasca al 60′, ma fortunatamente il tiro di Katseris su suggerimento di Biasci si infrange sull’esterno della rete.

Giallorossi vicini al pareggio anche al 71′, Semper devia sulla traversa una punizione dai venticinque metri di Pompetti. Centrale invece il rasoterra dalla distanza tentato da Scognamillo. Sarà di fatto l’ultimo squillo da parte degli uomini di Vivarini, che nonostante i diversi cambi operati da quest’ultimo e un assetto modificato, non riusciranno più a graffiare in attacco.

Trascorsi cinque minuti di recupero, il signor Ciampino decreterà con il triplice fischio finale l’affermazione da parte della truppa di Longo. Grazie a questi tre punti, i lariani riguadagnano momentaneamente la quinta piazza in classifica. Ora sarà però il turno di due trasferte consecutive: si parte sabato prossimo all’Arena Garibaldi contro il Pisa, atteso domani in Laguna dal Venezia.

COMO 1907 – US CATANZARO 1929  1-0  Marcatori: Verdi (CO) al 6′

COMO 1907 (3-4-1-2): Semper 6,5; Curto 6,5 (dal 74′ Kerrigan 6), Odenthal 7,5, Barba 7; Cassandro 6 (dal 62′ Iovine 6,5), Bellemo 7, Kone 7 (dal 79′ Da Cunha 6,5), Ioannou 6,5; Verdi 7,5 (dal 79′ Baselli sv); Cutrone 6, Gabrielloni 6 (dal 62′ Chajia 6,5). A disp.: Vigorito, Sala, Solini, Arrigoni, Scaglia, Cerri, Mustapha. All.: Longo 7.

CATANZARO (3-5-2): Fulignati 6; Scognamillo 6, Brighenti 6,5 (dall’80’ D’Andrea sv), Veroli 6; Katseris 5, Brignola 5,5 (dal 73′ Ambrosino 5,5), Verna 5,5 (dal 61′ Pompetti 6,5), Ghion 6,5, Vandeputte 6; Iemmello 5,5 (dall’80’ Donnarumma sv), Biasci 6 (dal 61′ Stoppa 6,5). A disp.: Sala, Krastev, Pontisso, Sounas, Krajnc, Oliveri, Miranda. All.: Vivarini 5,5.

Arbitro: Sig. Di Marco di Ciampino 6,5.

NOTE – Ammoniti: Curto (CO), Ioannou (CO), Baselli (CO), Chajia (CO). Corner 4-4. Minuti di recupero 2′ e 5′. Spettatori totali 6451, di cui 3160 abbonati e 500 ospiti.

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Marco Ballerini
Un calcio al pallone, due tiri a canestro, una corsa nei boschi, una pedalata tra salite e discese, una nuotata nel mare, una sciata nel bianco, una pagaiata sul lago.. Sacrifici, sudore, fatica, passione, socialità, emozioni, obiettivi, traguardi.. Lo sport è sempre un ottimo pretesto per VIVERE e per sentirsi VIVI !!

One thought on “Simone Verdi si sblocca, Como aggressivo e Catanzaro battuto

  1. Bene così….ma io aspetto con ansia il primo gol di Gabri. Sarà la miccia per diventare l’arma in più….

Lascia un commento