Serie D, le pagelle del Como e le parole di Felleca e Andreucci

Andreucci
[ethereumads]

Nella nona di Serie D, il Como è stato fermato sull’1-1 dal Chieri. Ecco le pagelle biancoblu e le parole dell’Ad Felleca e mister Andreucci

(leggi anche “Serie D, le pagelle del Como che ha sbancato Inveruno“)

(leggi anche “Serie D, le pagelle del Como nel match vincente a Castellazzo“)

Prestazione senz’altro negativa per il Como, che sembra non riuscire a sbloccarsi dal punto di vista del gioco. Le assenze (Petrilli, Gentile, Gemignani e a partita in corso Bova) e le decisioni arbitrali non possono essere un alibi, anche se l’Ad Felleca nel postpartita si è scagliato contro il direttore di gara, definito “indisponente”. Le sue parole: “Ho visto per la terza volta al Sinigaglia un arbitraggio a senso unico. Il rigore dato al Chieri era inesistente ed eravamo in un momento favorevolissimo. Il direttore di gara ha assunto un atteggiamento indisponente per tutta la partita”.

Per Andreucci le assenze non hanno consentito un grande gioco, ma lo spirito è stato migliore rispetto a quello contro il Seregno. “Il primo tempo gli avversari ci hanno messo in difficoltà, mentre nel secondo tempo il nostro tono agonistico è salito. Abbiamo avuto qualche difficoltà a livello di organico e commesso alcuni errori in fase di costruzione. Negli ultimi minuti bisognava compattarsi di più e portare a casa un risultante importante, è l’unico appunto che posso fare alla mia squadra contro un avversario ben organizzato e che gioca insieme da tanto tempo”.

La realtà è che questo organico non è superlativo e forse bisogna iniziare a lavorare più serenamente senza l’assillo di un primo posto in Serie D che sembra difficilmente raggiungibile. Di seguito i nostri voti a giocatori e allenatore.

Matteo Kucich 5 – nessuna parata, protagonista in negativo nell’episodio del rigore. L’impressione è che la palla non l’abbia presa, in ogni caso uscita improvvida

Dario Bova s.v. – la sua partita dura 25 minuti, in cui non si distingue. Se davvero dovesse stare fuori un mesetto, come ha detto Sentinelli nel postpartita, sarebbe un’assenza pesante. (dal 25’ Ciro Loreto 6+ – pasticcia parecchio, ma l’assist per Fall poteva valere tre punti)

Davide Sentinelli 7 – sbaglia pochissimo, anzi, sbroglia numerose situazioni critiche. Sull’azione che porta al rigore ha le sue colpe come tutti i compagni coinvolti.

Christian Anelli 6+ – la difesa se la cava benino, concedendo poco rigore a parte. Nemmeno a lui si può imputare molto.

Roberto Di Jenno 5.5 – qualche errore di troppo e un buon cross, fatica contro un cliente difficile come Campagna. (dal 69’ Sandro Zukic 5.5 – venti minuti in ombra)

Manuel Cicconi 4.5 – la prova peggiore dell’anno per lui. Meno brillantezza del solito, calci piazzati quasi tutti sbagliati e un gol mangiato da ottima posizione.

Edoardo Bovolon 5+ – il centrocampo lariano soffre tantissimo, lui è molto meno lucido del solito. Bella la giocata che porta all’assist non sfruttato da Cicconi.

Daniele Molino 4.5 – continua la sua involuzione, complice l’impiego in un ruolo non suo. Un gran numero di palle perse e poca fantasia con la sfera tra i piedi.

Serie D
Daniele Molino

Daniel Bradaschia 5+ – trotta tra la fascia destra e la sinistra, ma non trova mai né lo spazio per inserirsi, né il passaggio giusto per i compagni.

Ameth Fall 6.5 – prova a rubare palloni, a duettare coi compagni e a farsi trovare pronto sui cross. Non sempre ci riesce, ma fa quel che può. E trova il secondo gol di fila in Serie D.

Pietro Fusi 5 – corre, lotta, ma non cava un ragno dal buco. Una prima da titolare faticosa. (dal 52’ Francesco Gobbi 6+ – entra molto bene in partita, si applica ma non riesce a essere pericoloso)

Mister Antonio Andreucci 5 – non riesce a far fronte alle assenze. Squadra sottotono, incapace di fare gioco e di imporsi di fronte a qualunque avversario. Una deriva di prestazioni pericolosa.

Mister Andreucci
Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Alessio Lamanna
Già da bambino sognavo di far parte del mondo del giornalismo calcistico. Missione compiuta: dal post-diploma ad oggi, non ho mai smesso di scrivere di Serie C, con un occhio sempre sul Como, mia squadra del cuore. Un privilegio che amo mettere al servizio dei lettori.

Lascia un commento