Rigamonti-Ceppi conquistato 15 anni dopo, il Como passa 0-3

rigamonti-ceppi
[ethereumads]

Senza storia il derby del Lago di Como: lariani vincenti al Rigamonti-Ceppi, in gol Goldaniga, Bellemo e Abildgaard. Non accadeva dal 2009.

Una quasi incessante pioggia che non ha spento l’entusiasmo per il derby di ritorno del Lago di Como. Sono state infatti complessivamente 4982 le anime fra blucelesti e azzurre quelle presenti sugli spalti del Rigamonti-Ceppi, durante questo sentitissimo match valevole per il 27° turno di serie B 2023/24. Che vedeva di fronte due compagini bisognose dell’intera posta in palio, chi per inseguire l’obiettivo salvezza (il Lecco) chi invece quello promozione (il Como).

Per raggiungerlo Osian Roberts e Cesc Fàbregas hanno apportato tre modifiche al loro undici iniziale rispetto al match contro il Parma, con le novità che hanno riguardato principalmente la retroguardia. Più precisamente gli esterni, con Iovine schierato come terzino destro mentre Sala sulla fascia opposta. Ma è stato anche il debutto di Nsame, che ha preso il posto di Gabrielloni. Due invece i cambiamenti operati da Alfredo Aglietti rispetto al pari ottenuto in quel di Terni, con Ionita in mezzo a discapito di Degli Innocenti, mentre davanti si rivede Buso con l’ex Parigini a sedersi in panchina.

Una gara però senza storia, nella quale i comaschi sono stati alquanto bravi a metterla in discesa grazie al rapido vantaggio firmato da Goldaniga. Il successivo raddoppio da parte di Bellemo ha contribuito ad affossare il morale della formazione di casa (mai realmente pericolosa nell’arco dei novanta e oltre minuti) e a ringalluzzire ulteriormente quella ospite. Troppo ampio il divario tecnico emerso fra le due squadre, nonostante un terreno di gioco certamente non nelle migliori condizioni per una partita della seconda serie nazionale.

La partita

Avvio migliore non poteva esserci per gli ospiti, che al 3′ si ritroveranno già avanti: Abildgaard guadagna il corner, Strefezza lo esegue cercando Goldaniga sul primo palo, con quest’ultimo a perforare Saracco con il piattone destro. Bisognerà attendere una dozzina di minuti per vedere una reazione da parte dei padroni di casa, con un diagonale mancino di Novakovich servito da Buso che non uscirà poi di molto.

Nuovo angolo, nuova rete per i comaschi. E’ infatti il 21′ quando la sfera giunge nei piedi di Nsame, bravo a difenderla e a servire poco dietro Bellemo, con il capitano abile a muoversi nello stretto e a superare il n°22 lecchese con un colpo da calcetto. Un raddoppio che destabilizzerà gli uomini di Aglietti, apparsi progressivamente ancor più in difficoltà. Nsame si accentra e conclude con un tiro a giro sul secondo palo che si spegnerà sul fondo, poi doppio tentativo targato Verdi dal limite ma in entrambi i casi sterilmente e centralmente. Pochi istanti prima del duplice fischio, la punta camerunese lariana (bravo però nel partecipare precedentemente nell’azione) si divora il tris sulla palla a tagliare di Strefezza. Como 1907 dunque al riposo al Rigamonti-Ceppi avanti 0-2.

rigamonti-ceppi
L’ingresso delle due compagini al Rigamonti-Ceppi

Provano a mettere in campo un altro spirito a inizio ripresa i blucelesti, Novakovich però manca il colpo grosso con la deviazione aerea sul cross proveniente dalla sinistra di Buso. A fare centro sarà invece subito dopo Abildgaard, con un gran tiro al volo dal limite destro che si infilerà nell’angolino sinistro difeso da Saracco ma con Nsame in posizione di off-side sulla traiettoria della conclusione lo 0-3 verrà annullato. Tempo di prime sostituzioni al 61′, con l’ingresso sul rettangolo verde di Gabrielloni per Nsame, oltre che a Degli Innocenti e Sersanti.

Quattro minuti più tardi telefonata sul primo palo di Novakovich dopo un fallo di mano di Buso non ravvisato, in seguito sarà Gabrielloni a non inquadrare lo specchio della porta dalla distanza con il mancino. Reattivo invece qualche secondo più tardi Saracco sul sinistro dal limite scagliato da Strefezza, deviando in angolo. Spazio in campo anche per Gioacchini e Braunoder, sarà proprio il primo a rendersi pericoloso di testa sulla palla messa in mezzo da Abildgaard. Una grande prestazione quella da parte del centrocampista danese, coronata in pieno recupero da un potente tiro di sinistro dal limite a seguito di un corto alleggerimento da parte di Ierardi, per il definitivo 0-3 al Rigamonti-Ceppi.

Grazie a questo successo i lariani riguadagnano momentaneamente la terza piazza in graduatoria, stante il ko interno del Palermo contro la Ternana e in attesa del match di domani del Venezia contro il Cittadella. E saranno proprio i lagunari i prossimi avversari che arriveranno al Sinigaglia per sfidare il Como in occasione del prossimo turno, in calendario domenica prossima.

LECCO CALCIO 1912 – COMO 1907  0-3  Marcatori: Goldaniga (CO) al 3′, Bellemo (CO) al 21′, Abildgaard (CO) al 92′

LECCO (4-3-3): Saracco 5; Guglielmotti 5,5 (dal 46′ Degli Innocenti 6), Ierardi 5, Celjak 5, Caporale 5,5; Listkowski 5, (dal 46′ Crociata 5,5), Galli 5,5 (dal 61′ Sersanti 5,5), Ionita 4,5 (dal 61′ Parigini 5,5); Lepore 5,5, Novakovich 5,5 (dal 74′ Inglese sv), Buso 6. A disp.: Melgrati, Bianconi, Lunetta, Capradossi, Frigerio, Beretta, Lemmens. All.: Aglietti 4,5.

COMO 1907 (4-2-3-1): Semper 6; Iovine 6 (dal 77′ Cassandro sv), Goldaniga 7,5, Odenthal 7, Sala 6 (dall’84’ Ioannou sv); Bellemo 7, Abildgaard 7,5; Strefezza 7, Verdi 6,5 (dal 77′ Gioacchini sv), Da Cunha 5,5 (dall’84’ Braunoder sv); Nsame 6 (dal 61′ Gabrielloni 6). A disp.: Vigorito, Solini, Curto, Rispoli, Ballet, Barba, Fumagalli. All.: Roberts 7.

Arbitro: Sig. Feliciani di Teramo 6.

NOTE – Ammoniti: Guglielmotti (LC), Caporale (LC). Ammonito l’allenatore del Lecco Aglietti. Espulso al 73′ il Dg del Como Ludi. Corner 4-6. Recupero: 1′ e 7′. Spettatori totali 4982, di cui 823 ospiti e 1939 abbonati. Totale incasso 66855,88 Euro.

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Marco Ballerini
Un calcio al pallone, due tiri a canestro, una corsa nei boschi, una pedalata tra salite e discese, una nuotata nel mare, una sciata nel bianco, una pagaiata sul lago.. Sacrifici, sudore, fatica, passione, socialità, emozioni, obiettivi, traguardi.. Lo sport è sempre un ottimo pretesto per VIVERE e per sentirsi VIVI !!

Lascia un commento