Raggio Garibaldi decisivo ed espulso, Como a fatica sul Sondrio

raggio garibaldi

I lariani devono sudarsi i tre punti contro un Sondrio Calcio sceso in riva al Lario senza regalare nulla. Gol vittoria di Raggio Garibaldi a metà ripresa, ma la troppa esultanza gli costa il secondo giallo. Mantova vittorioso 6-0.

Dura come da previsione. Bastava poco a capirlo, bastava riavvolgere il nastro e rivedersi la partita d’andata a “La Castellina” vinta grazie a una rete di Gentile. Quest’oggi stesso punteggio, match-winner diverso. E’ Raggio Garibaldi a metterci nuovamente lo zampino come contro il Darfo Boario, sempre sugli sviluppi di un calcio dalla bandierina. Un Como che si è presentato al fischio d’inizio con la novità Pietro Fusi rispolverato come seconda punta a fianco di Gabrielloni.

sondrio calcio
Le due formazioni si presentano al pubblico del Sinigaglia

E’ un Como volitivo fin dall’inizio quello che scende in campo oggi al Sinigaglia, senza tuttavia rendersi particolarmente pericoloso per tutta la prima parte di gara. Al 9′, su una incertezza al limite tra Guerci e Mara, si inserisce Fusi ma il suo tiro viene deviato in angolo dal difensore del Sondrio. Gentile si accentra e calcia sul fondo, al 17′ palla filtrante di Valsecchi per Celeghin ma la conclusione con la punta del piede di quest’ultimo termina dolcemente nelle mani di Guerci. Gol annullato agli azzurri tre minuti più tardi: punizione dalla sinistra di Fusi, testa di Borghese, piattone di Gentile sul quale Anelli insacca ma in posizione di off-side. La vera opportunità per i padroni di casa di passare in vantaggio arriva al 22′, quando un intervento in ritardo di Vono su Gentile costringe a decretare la massima punizione al signor Di Marco. Sul dischetto si presenta lo stesso capitano, che esattamente come contro il Mantova, calcia alto. I valtellinesi si fanno vedere in avanti per la prima volta al 24′ con un innocuo tentativo di Ronzoni, prima di avere l’occasionissima con De Respinis al 46′. Lanciato in profondità da Vono e lasciato sul posto Borghese in velocità, il diagonale del n°9 si è spento di un nulla fuori. Un minuto prima uno-due al limite tra Gentile e Fusi, con il tiro del primo bloccato da Guerci. Como e Sondrio dunque al riposo a reti inviolate.

Poco da registrare a inizio ripresa, se non il primo corner a favore degli ospiti al 55′, eseguito in tutta tranquillità da Beltrame, al quale ne farà seguito un altro. Da un cross da fondo campo di quest’ultimo nasce un colpo di testa di D’Amuri che termina ampiamente a lato, mentre al 60′ Cicconi prenderà il posto di un fischiatissimo Gentile. Al 63′ azzurri pericolosi, Bovolon recupera un pallone a spese di Mura, Gabrielloni da fuori area fa scoccare un tiro sul secondo palo che obbliga il n°1 valtellinese a rifugiarsi in angolo. Pochi secondi più tardi Dell’Agnello impegna in spaccata Guerci, dal seguente angolo nasce il gol partita. Se ne incarica Cicconi, Raggio Garibaldi si ritrova la sfera sul mancino castigando l’estremo difensore del Sondrio. L’esultanza troppo focosa costa però il secondo giallo all’autore della rete e il primo al portiere Tonti. Il Sondrio prova a buttarsi in attacco da qui al termine senza però profitto, con il Como che cerca il raddoppio in pieno recupero con  un tiro di Bovolon deviato da un difensore avversario.

Annuncio Pubblicitario

Dopo cinque minuti di recupero, il triplice fischio del direttore di gara decreta il successo azzurro per 1-0. Non basta al Mantova la roboante vittoria di 6-0 contro il Darfo Boario, a tre giornate da fine campionato il Como ha ancora il destino nelle proprie mani con due punti di vantaggio. Giovedì prossimo alle 15.00 trasferta sul campo del Villafranca Veronese.

Roberto Felleca e Michael Gandler, oggi la prima casalinga del nuovo Ceo

COMO 1907 – SONDRIO CALCIO 1-0  Marcatori: al 64′ Raggio Garibaldi (CO)

COMO 1907 (3-5-2): Tonti 6, Toninelli 6.5 (dal 49′ Dell’Agnello 6.5), Borghese 6.5, Anelli 6.5, De Nuzzo 6 (dal 87′ Di Jenno SV), Gentile 5.5 (dal 60′ Cicconi 6.5), Raggio Garibaldi 7, Celeghin 6.5, Valsecchi 6, Fusi 6 (dal 49′ Bovolon 6.5), Gabrielloni 6.5 (dal 81′ Loreto SV). A disp.: Bizzi, Ferrari, Gobbi, Amadio. All.: Banchini 6.5.

SONDRIO CALCIO (4-4-2): Guerci, Fognini, Ambrosini, Mara (dal 89′ Valente) Salcone, Beltrame, Ronzoni (dal 87′ Della Cristina), Cannataro (dal 76′ Damo), Vono (dal 76′ Valtulina), De Respinis, D’Amuri (dal 87′ Coppola). A disp.: Lassi, Mostacchi, Baggi, Botticina. All.: Nordi.

Arbitro: Sig. Di Marco di Ciampino

NOTE – Ammoniti: Toninelli (CO), Fognini (SO), Tonti (CO). Espulso il viceallenatore del Como Cau al 42′ e Raggio Garibaldi (CO) per doppia ammonizione al 66′. Corner 10-2. Minuti di recupero: 3′ e 5′. Spettatori 1522 di cui 1198 paganti.

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Marco Ballerini
Marco Ballerini
Un calcio al pallone, due tiri a canestro, una corsa nei boschi, una pedalata tra salite e discese, una nuotata nel mare, una sciata nel bianco, una pagaiata sul lago.. Sacrifici, sudore, fatica, passione, socialità, emozioni, obiettivi, traguardi.. Lo sport è sempre un ottimo pretesto per VIVERE e per sentirsi VIVI !!

3 thoughts on “Raggio Garibaldi decisivo ed espulso, Como a fatica sul Sondrio

  1. “Gentile fischiatissimo”: noi tifosi non meritiamo una squadra cosi’, una classifica cosi’ ma solo ed unicamente anni, anni e anni di Prima Categoria. In una partita così delicata ed importante, abbiamo contestato il giocatore che per lunghi tratti del torneo e’ stato il migliore in campo (15 gol); il disappunto per il rigore sbagliato ci sta, ma doveva finire lì, specialmente oggi. Dopo 40 anni di Sinigaglia mi sono vergognato.

  2. il terreno di gioco fa pietà , per forza si sbagliano i rigori e le punizioni; il Comune deve restituire i soldi ai tifosi. ( Vale anche per gli avversari, ma loro si difendono e basta ).

Lascia un commento