Promosse in serie B: Monza, Vicenza e Reggina a un passo

promosse in serie b

Si è svolta oggi l’Assemblea di Lega Pro. Stop ai tornei di C. Monza, Vicenza, Reggina e forse Carpi promosse in serie B. Manca solo la ratifica della Figc.

La terza serie del calcio italiano dice ufficiosamente basta alla propria stagione 2019/20. Come già emersa in precedenza, la volontà della quasi totalità dei sessanta club iscritti è quella di voltar pagina e di pensare all’annata che verrà. Così all’organo supremo, ovvero la Figc, non resterà che prenderne atto in occasione del prossimo Consiglio Federale (inizialmente fissato domani ma rinviato a data da destinarsi) per ufficializzarne la decisione.

In un’Assemblea che, a detta del presidente Francesco Ghirelli, si è svolta all’insegna dell’enorme senso di responsabilità da parte di tutti i partecipanti. Ebbene, in essa le scelte maturate sono state: la sospensione definitiva del campionato, la promozione della capolista di ciascun girone, il blocco sia delle retrocessioni che dei ripescaggi della serie D.

Le promosse in serie B sono quindi Monza, Vicenza e Reggina. Tre società che, al momento dell’interruzione, godevano chi più chi meno di un buon vantaggio sulla propria inseguitrice. Vicentini e calabresi vantavano rispettivamente un +6 e un +9 nei confronti di Reggiana e Bari, mentre cospicuo il +16 dei brianzoli nei confronti della Carrarese.

Annuncio Pubblicitario

promosse in serie b
Cristian Brocchi e il suo Monza possono sorridere

A questo terzetto dovrebbe aggiungersi il Carpi, che addirittura non risultava tra le seconde classificate ma bensì in terza piazza nel girone B. Ebbene, gli emiliani avrebbero però la media punti più alta di tutti, un fattore che dovrebbe risultare decisivo visto che si opterebbe saggiamente per premiare il merito sportivo e non la tanta vituperata pensata del sorteggio. Apparentemente scartata l’ipotesi dello svolgimento dei soli play-off: in questo caso non sono mancati astenuti o di chi ha votato per giocarli, la maggioranza suggerirebbe di no ma potrebbe esserci spazio per delle riflessioni più approfondite, qualora le condizioni sanitarie lo permettessero.

Come invece accennato in precedenza, non saranno previste né retrocessioni né ripescaggi tra le seconde classificate in serie D, mentre le prime di tutti i nove gironi dei Dilettanti (Lucchese, Pro Sesto, Campodarsego, Mantova, Grosseto, Matelica, Turris, Bitonto e Palermo) manterranno inalterata la possibilità di partecipare al prossimo campionato di C. Allo stato attuale si prefigurerebbe una C con ben 69 (nel caso anche in B si optasse per non far retrocedere nessuno) squadre. Ma le incognite di carattere economico dettate dal Covid-19 sono sicuramente tantissime e saremmo pronti a scommettere che il numero definitivo sarà tutt’altro. Senza considerare la possibilità delle tante invocate riforme.

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Redazione
Redazione
Informati Vinci Sostieni Spazio Sport Web Brianzolo & Comasco
http://www.wincantu.it

Lascia un commento