Pisa Sc come d’abitudine, un’autorete condanna il Como

[ethereumads]

Ancora una volta il Pisa Sc trova il vantaggio in avvio, difendendolo per 90′. Di Scaglia la deviazione beffarda nel 0-1 del Sinigaglia.

Si avvicina a grandi passi la fine del girone d’andata per quanto concerne il campionato di serie B 2021/22, giunto in questo week-end alla sua sedicesima giornata. Al Giuseppe Sinigaglia a far visita ai lariani ci ha pensato il Pisa Sc, club che si ritrova al momento nelle parti nobili della graduatoria, sorprendendo svariati addetti ai lavori. Formazione che tuttavia ha nelle qualità dei suoi principali terminali offensivi le armi per risolvere le battaglie sul rettangolo di gioco, ma soprattutto una spiccata solidità che le permette di essere la miglior difesa del torneo.

Due squadre accomunate anche dal fatto di trovare spesso e volentieri una giocata vincente all’inizio degli incontri. E anche a questo giro i toscani hanno trovato lo spunto decisivo che gli ha permesso di incamerare l’intera posta in palio come in altre circostanze. Come ipotizzato nel pre-partita, sono state le rispettive difese ad avere la meglio sugli attacchi avversari. Dopo l’autogol di Scaglia su un tiro già deviato da Bertoncini, poche le vere occasioni capitate da una parte e dall’altra.

Rispetto alla grande rimonta operata sul campo del Cittadella, Gattuso prova a ovviare alle problematiche riguardanti gli esterni di difesa rispolverando Bertoncini dal primo minuto e passando al 3-4-1-2. Arrigoni ritrova immediatamente la maglia da titolare, ritorna anche Cerri dopo le due giornate di squalifica. Alcuni cambiamenti anche per D’Angelo rispetto al pari contro il Perugia, che opta per variare quattro undicesimi: spazio per Caracciolo, Cohen, Gucher e Mastinu.

La partita

Trascorrono soltanto pochi secondi dal calcio d’inizio e i padroni di casa reclamano per un presunto fallo di mano in area di Nagy sul cross dalla sinistra di Parigini, tuttavia il braccio sembrava palesemente attaccato al corpo. I lariani insistono nelle loro sortite offensive con un tiro alto di Cerri da fuori area e un calcio da fermo di Arrigoni dalla trequarti, ma sono gli ospiti a passare in vantaggio. E’ il 5′ quando Beruatto salta Vignali e si esibisce in un tiro-cross che obbliga Facchin alla respinta, Mastinu prova la conclusione in porta trovando la sfortunata deviazione in rete del duo Bertoncini-Scaglia. Pronta la replica degli azzurri tre minuti più tardi, deviazione aerea di La Gumina sul traversone dalla destra di Parigini che termina alta. Ma l’occasione più ghiotta è da registrare al 22′: palla messa in mezzo dalla sinistra di Iovine, sponda di testa di Cerri per La Gumina, con l’attaccante siciliano che però calcia debolmente di sinistro nelle mani di Nicolas.

Al 25′ tentativo di Cohen dal vertice dell’area destra lariana, tiro sul secondo palo che non esce di molto. Egoista La Gumina al 31′ sugli sviluppi di un contropiede, preferendo una conclusione da fuori aerea che non inquadra lo specchio della porta piuttosto che servire un liberissimo Vignali sulla destra. Nerazzurri di nuovo  pericolosi al 33′, duplicemente: Mastinu cambia per Gucher che con un destro sul primo palo costringe Facchin al corner. Sugli sviluppi di esso, colpo di testa di Gucher che esce di poco alla destra della porta difesa dall’estremo difensore di casa. Qualche difficoltà per Nicolas al 38′ in uscita su Cerri, poi Parigini si accentra e calcia alto. Da segnalare al 40′ il primo angolo conquistato dai lariani, che però non sortisce gli effetti desiderati. Como 1907 e Pisa Sc all’intervallo sul punteggio di 0-1.

pisa sc
I tifosi pisani hanno occupato tutti gli spazi a loro disponibili

In avvio di ripresa Perugini si conferma uno degli uomini più pimpanti di giornata, ma su una sua palla servita dalla linea di fondo non trova Vignali capace di trovare il tempo per concludere in porta. Al 59′ tentativo centrale di Gucher mentre si appresta a scivolare in area, poi i due mister variano il proprio sistema di gioco. D’Angelo passa al cosiddetto “albero di Natale” inserendo Sibilli e Masucci, più sfrontato Gattuso con il 3-4-3 e il tridente formato da Gabrielloni, Gliozzi e Cerri. Un cambio di modulo che tuttavia non crea grossi grattacapi ai toscani, almeno inizialmente. Le palle inattive eseguite da Arrigoni fruttano soltanto dei colpi di testa alti di Scaglia prima e Solini poi.

Nel  mezzo buona verticalizzazione di Gabrielloni per Gliozzi, quest’ultimo serve all’indietro Iovine il cui tiro centrale viene bloccato senza problemi da Nicolas. Al 78′ trema la traversa per un tiro in area di Gucher, sul ribaltamento d’azione gran parata di Nicolas su Cerri, con la bandierina che si era già alzata per segnalarne l’off-side. All’84’ palla verticale di Iovine per Cerri, la punta lariana ha la possibilità di presentarsi davanti al portiere pisano ma viene rimontato dal neo entrato Di Quinzio. La squadra azzurra tenta il disperato forcing finale, con due buone azioni nate dai piedi di Bovolon. Sulla prima deviazione aerea centrale di Gliozzi, sulla seconda e in pieno recupero Gabrielloni ci prova con l’incornata ma decisiva è la deviazione di Beruatto.

Un generoso Como torna così a riassaporare il gusto amaro della sconfitta, tre turni dopo il ko incassato a Monza. La classifica rimane ancora più che discreta, malgrado ciò i due punti ottenuti negli ultimi quattro incontri sono pochini. Servirà dunque tornare al successo nel prossimo week-end in casa del Vicenza, per tenere a debita distanza la zona calda. Pisa Sc che invece si riappropria almeno momentaneamente della vetta, in attesa del risultato finale tra Brescia e Monza.

COMO 1907 – PISA SPORTING CLUB 0-1  Marcatori: Scaglia (CO) autorete al 5′

COMO 1907 (3-4-1-2): Facchin 6; Solini 6, Scaglia 6, Bertoncini 5,5 (dall’81’ Bovolon 6,5); Iovine 6, Bellemo 6, Arrigoni 6 (dall’81’ Kabashi sv), Vignali 5 (dal 60′ Gliozzi 6); Parigini  7 (dall’81’ Gatto sv); La Gumina 5 (dal 60′ Gabrielloni 6), Cerri 5,5. A disp.: Bolchini, Zanotti, Toninelli, Kabashi, Gatto, Peli, Bovolon, Luvumbo. All.: Gattuso 6.

PISA (4-3-1-2): Nicolas 6,5; Beruatto 7, Caracciolo 7, Leverbe 7, Hermannsson 6,5; Mastinu 7, Nagy 6, Toure 6,5 (dal 69′ Marin 6); Gucher 6,5 (dall’82’ Di Quinzio 6,5); Cohen 6 (dal 57′ Sibilli 6,5), Lucca 6 (dal 57′ Masucci 6,5). A disp.: Livieri, Dekic, Berr, Quaini, Di Quinzio, Cisco, Piccinini, Marsura. All.: D’Angelo 6,5.

Arbitro: Sig. Doveri di Roma 1 voto 7.

NOTE – Ammoniti: Arrigoni (CO), Beruatto (PI), Scaglia  (CO), Solini (CO), Masucci (PI). Corner 2-7. Minuti di recupero 0′ e 5′.

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Marco Ballerini
Un calcio al pallone, due tiri a canestro, una corsa nei boschi, una pedalata tra salite e discese, una nuotata nel mare, una sciata nel bianco, una pagaiata sul lago.. Sacrifici, sudore, fatica, passione, socialità, emozioni, obiettivi, traguardi.. Lo sport è sempre un ottimo pretesto per VIVERE e per sentirsi VIVI !!

One thought on “Pisa Sc come d’abitudine, un’autorete condanna il Como

Lascia un commento