Nino La Gumina di rapina, Pordenone piegato senza brillare

nino la gumina
[ethereumads]

Lariani di misura contro i friulani, 1-0 grazie alla rete iniziale di Nino La Gumina. Buon primo tempo, i locali chiudono il match in difesa.

Como e Pordenone di fronte al Giuseppe Sinigaglia nel turno infrasettimanale di B 2021/22, valevole per la decima giornata di campionato. In un clima tutto sommato gradevole nonostante si avvicini ad ampie falcate l’inizio del mese di novembre, le due formazioni si sono affrontate con la seria intenzione di acquisire autentico ossigeno per la propria graduatoria, che prima di oggi le vedeva rispettivamente al sestultimo e penultimo posto.

Rispetto al pareggio esterno ottenuto in quel di Ferrara, mister Gattuso opta per cambiare una sola pedina nello starting XI, riproponendo dall’inizio Alberto Cerri al posto di Ettore Gliozzi. Ben più ampio invece il restyling adottato da Tedino, con l’allenatore dei neroverdi che cambia quattro elementi nonostante l’ottimo 1-1 sul campo del Pisa capolista: dentro Stefani in difesa, Misuraca in mezzo, Kupisz e Ciciretti come esterni offensivi.

Una sfida sbloccata dai lariani in avvio proprio come quattro giorni prima e nuovamente con la complicità dell’estremo difensore avversario. Questa volta a metterci lo zampino è stato Nino La Gumina, finalmente convincente aldilà del gol realizzato. Successivamente il piano tattico dei padroni di casa è stato molto simile a quello attuato contro la Spal, pensando innanzitutto a difendersi e ad agire in buona parte di rimessa. Possesso di palla lasciato dunque nelle mani (anzi, nei piedi) degli avversari, che fortunatamente non sono riusciti a pungere più di tanto. Occasioni del raddoppio che però non sono mancate: traversa nel primo tempo di Arrigoni, nei minuti finali invece Parigini in contropiede a sbagliare una facile opportunità.

La partita

Squadra ospite che mette in mostra buona personalità fin dal calcio d’avvio. Tuttavia dopo soli 7′ paga dazio su un’incertezza difensiva, finendo sotto nel punteggio. Lunga rimessa da parte di Vignali dalla destra, Perisan esce in maniera avventata dai propri pali venendo anticipato di testa da La Gumina. Friulani che però non si scompongono, impiegando però un quarto d’ora per sviluppare la prima azione d’attacco, con Tsadjout che non ci arriva di testa sul traversone dalla sinistra di Folorunsho. Qualche secondo più tardi, Chajia si accentra e tira da fuori area alla sua maniera, conclusione alta. Al 25′ Cerri mette il suo compagno di reparto davanti all’estremo difensore neroverde, venendo però fermato da quest’ultimo e soprattutto dalla bandierina del guardalinee. Cinque minuti dopo, Tsadjiout spalle alla porta e dai venti metri si gira e tira, non individuando minimamente però lo specchio della porta.

Attaccante di colore che al 33′ la tocca in qualche modo sul cross dalla destra di Ciciretti, sfera che termina nelle mani di Gori. Al 36′ invece, lo stesso n°9, si mangia un’occasione ben più ghiotta rispetto alla precedente, sempre imbeccato da Ciciretti ma questa volta dal fondo, complice anche la bravura del portiere lariano che si dimostra pronto. Al 43′ lariani vicinissimi al raddoppio, quando Nino La Gumina la scarica dietro per Arrigoni con il centrocampista azzurro che fa tremare la traversa per alcuni istanti. A pochi secondi dall’intervallo, Iovine duetta con Vignali e mette a centro area una palla vellutata per Cerri, tuttavia il colpo di testa in tuffo viene vanificato dalla posizione di off-side ancor prima che il pallone termini sul fondo. Como 1907 dunque al riposo avanti 1-0.

nino la gumina
Nino La Gumina (Como 1907) autore del 2° gol stagionale di una buona prova complessiva

In avvio di ripresa gli ospiti reclamano un fallo da rigore al 52′ per un presunto fallo di Ioannou ai danni di Tsadjout ma il direttore di gara decide di sorvolare. Al 61′ punizione dalla destra ben calciata da Arrigoni, Cerri di testa prolunga inconsciamente per La Gumina ma il siciliano non ci arriva. Due giri di lancette più tardi conclusione alta dai venticinque metri di Falasco, poi tris di cambi per mister Tedino che prova a ridisegnare la propria squadra. Al 70′ buona sponda di Cerri per il neo entrato Cagnano, quest’ultimo però si esibisce in una conclusione mancina velleitaria dalla distanza, che termina ampiamente fuori dallo specchio della porta.

Como che invece pochi istanti più tardi va ben più vicino al raddoppio: punizione dalla sinistra di Arrigoni, deviazione aerea di Nino La Gumina che impegna Perisan, sulla ribattuta Scaglia colpisce l’esterno della rete. Nel finale di match due palle inattive al limite in favore degli ospiti, ma in entrambe le occasioni i tentativi di Falasco si infrangono sulla barriera. E’ invece Parigini a tempo oramai scaduto a sprecare il 2-0, lanciato in profondità da Gliozzi, con Perisan che in uscita gli nega la gioia del gol.

Dopo cinque minuti di recupero arriva il triplice fischio finale del signor Paterna, che permette ai comaschi di agganciare Ternana e Cittadella in classifica a quota 13 punti. Da segnalare che ben nove formazioni sono racchiuse in un solo punto: la differenza da un ottavo posto alla zona play-out è davvero sottile. Ora Como 1907 atteso lunedì prossimo al Liberati di Terni.

COMO 1907 – PORDENONE CALCIO  1-0  Marcatori: La Gumina (CO) al 7′

COMO 1907 (4-4-2): Gori 6,5; Ioannou 6 (dall’87’ Solini sv), Varnier 7, Scaglia 7, Vignali 6,5; Chajia 6,5 (dal 66′ Cagnano 6), Bellemo 6, Arrigoni 6,5, Iovine 6,5; La Gumina 7 (dal 76′ Gliozzi 6,5), Cerri 7 (dal 76′ Parigini 5,5). A disp.: Facchin, Toninelli, Bertoncini, Kabashi, Gabrielloni, H’Maidat, Bovolon, Luvumbo. All.: Gattuso 6.

PORDENONE (4-3-3): Perisan 5; Falasco 6,5, Camporese 5,5, Stefani 6, El Kaouakibi 6,5 (dal 70′ Magnino 6); Folorunsho 6, Pasa 6,5 (dal 77′ Valietti sv), Misuraca 6,5 (dal 63′ Pinato 6); Kupisz 5,5 (dal 63′ Cambiaghi 6), Tsadjout 5,5, Ciciretti 6,5 (dal 77′ Sylla sv).  A disp.: Bindi, Mensah, Petriccione, Pellegrini, Zammarini, Chrzanowski, Perri. All.: Tedino 6,5.

Arbitro: Sig. Paterna di Teramo 6.

NOTE – Ammoniti: El Kaouakibi (PO), Misuraca (PO), Stefani (PO), Gliozzi (CO). Corner 1-4. Minuti di recupero 0′ e 5′. Spettatori 2065 di cui abbonati 498 e 24 ospiti. Totale incasso 29857 Euro.

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Marco Ballerini
Un calcio al pallone, due tiri a canestro, una corsa nei boschi, una pedalata tra salite e discese, una nuotata nel mare, una sciata nel bianco, una pagaiata sul lago.. Sacrifici, sudore, fatica, passione, socialità, emozioni, obiettivi, traguardi.. Lo sport è sempre un ottimo pretesto per VIVERE e per sentirsi VIVI !!

Lascia un commento