Massimo Bertagnoli risolve il derby, al Como si spegne la luce

Massimo Bertagnoli
[ethereumads]

Massimo Bertagnoli match winner in un convulso e confuso Como-Brescia. Lariani al buio come gioco e non solo: derby brevemente interrotto.

Affascinante “monday night” al Sinigaglia in occasione del terzo turno del torneo di B 2022/23. Con il Como 1907 e il Brescia che si sono sfidate in quello che è stato il loro primo derby stagionale, attorniate da una cornice di pubblico importante. La giornata, quella odierna, della conferenza stampa di Thierry Henry, nuovo e prestigioso azionista del club lariano. Ma anche la serata del debutto di Cesc Fàbregas e di Patrick Cutrone, semplice utopia vederli giocare con questa maglia soltanto qualche mese fa.

In tutto questo però, la vera particolarità è stata veder partire da titolari Bovolon ed Celeghin. Due ragazzi che hanno contribuito alla scalata della formazione azzurra dalla D all’attuale torneo cadetto. Un po’ di romanticismo, Como è anche questo: anche un premio alla loro serietà e professionalità. Per il resto, lo stesso undici titolare del match contro il Pisa. Per Clotet, invece, un paio di cambiamenti rispetto alle previsioni della vigilia: Bertagnoli in mezzo al campo e la sorpresa  Galazzi al posto di Bianchi là davanti, portando anche un piccolo accorgimento al modulo .

Ed è stato proprio il classe 2000 proveniente dal Venezia uno dei protagonisti del blitz esterno delle rondinelle. Insieme ovviamente a Massimo Bertagnoli, andato facilmente in rete dopo aver subito il fallo della seconda ammonizione di Tommaso Arrigoni. Un gap troppo importante quello dell’inferiorità numerica da parte dei lariani, a maggior ragione in una serata completamente steccata da quasi tutti i suoi interpreti. A contribuire alla debacle azzurra potrebbe essere anche stata l’interruzione giunta al 25′, un black-out elettrico che ha tenuto all’oscuro l’intero impianto per una decina di minuti.

La partita

Incontro frizzante fin dalle primissime battute. Al 4′ Ghidotti salva su Aye ben pescato da Moreo, con il n°11 però pizzicato in posizione di offside. Un paio di minuti più tardi veloce ripartenza locale, Blanco innesca la discesa centrale di Parigini ma l’esterno di proprietà del Genoa spreca con un tiro innocuo centrale. Per nulla pungente anche la successiva replica aerea di Moreo sul traversone di Mangraviti, poi Cistana incespica sul pallone reclamando un presunto fallo di Mancuso ma quest’ultimo non ne approfitterà, facendosi parare la conclusione coi piedi da Lezzerini. Al 25′ stadio che rimarrà al buio come precedentemente detto, alla ripresa del gioco è Blanco a salvare sul colpo di testa di Massimo Bertagnoli pescato da un corner di Galazzi.

Al 41′ Arrigoni rimedia il primo giallo a causa di una leggerezza di Scaglia, ma subito dopo sarà il regista lariano a combinare la definitiva frittata entrando in ritardo su Massimo Bertagnoli. E ci penserà proprio quest’ultimo a castigare immediatamente i padroni di casa rimasti in dieci su un traversone di Galazzi proveniente dalla sinistra. Al 50′ altro episodio thriller, con Lezzerini che in uscita colpisce la sfera coi pugni, travolgendo contemporaneamente Cistana e Parigini. Penalty e ammonizione per il portiere ospite che però verranno rettificati a seguito delle immagini del Var, che evidenzieranno come il n° 11 azzurro venga toccato in maniera marginale. Pochi secondi prima del riposo, colpo di testa di Cerri sulla morbida palla inattiva di Blanco che si infrangerà sul secondo palo ma in ogni caso il guardalinee ne rileverà la posizione irregolare dell’attaccante.

Massimo Bertagnoli
Panchina di qualità stasera per il Como, con Fàbregas e Cutrone

Reazione da parte del team locale che si farà attendere alla ripresa delle ostilità. Passano tre minuti e Bisoli si accentra tirando centralmente, mentre Ghidotti è costretto a un intervento prodigioso sull’incornata di Aye con l’ausilio del palo. Estremo difensore azzurro reattivo anche con i piedi su una conclusione dal limite di Moreo poco più tardi. Quest’ultimo ci riproverà inutilmente di testa al 63′ sull’angolo eseguito dalla sinistra di Galazzi, mentre clamorosa sarà l’opportunità sciupata da Cerri con una docile girata su sponda aerea di Scaglia che terminerà direttamente nelle mani di Lezzerini.

Al 73′ punizione a giro del neo entrato Viviani fuori di poco, con Ghidotti però che era sulla traiettoria. Ancora per nulla angolato l’ennesimo tentativo di testa di Moreo sul traversone operato da Bisoli, pronti via e anche Fàbregas si mette in mostra con un mancino debole dal limite su sponda di Gliozzi. Al 78′ trema il palo alla destra del portiere bresciano, grazie a una deviazione aerea di Kerrigan su cross di Ioannou. Pochi secondi più tardi azzurri che reclameranno un rigore per una strattonata di Jallow su Gliozzi, che dalle  immagini parrebbe evidente. Non succederà più praticamente nulla, se non un tiro fuori dallo specchio della porta di Viviani a ridosso del novantesimo, con l’ingresso di Cutrone che non sortirà gli effetti sperati.

Trascorsi cinque minuti di recupero (nella prima frazione invece undici), arriva il triplice fischio del signor Miele che sentenzia una sconfitta meritata per il Como 1907, troppo brutto per essere vero. Ora sabato prossima l’insidiosissima trasferta a Frosinone, contro una compagine apparsa in palla nonostante la prima sconfitta incassata al Vigorito di Benevento. Servirà fare punti per non iniziare a rimanere attardati dalle posizioni che contano.

COMO 1907 – BRESCIA CALCIO  0-1  Marcatori: Bertagnoli (BR) al 45′

COMO 1907 (4-4-2): Ghidotti 6,5; Ioannou 5,5, Binks 6, Scaglia 5, Bovolon 5,5 (dall’85’ Cutrone sv); Blanco 6,5 (dal 46′ Faragò 5,5), Celeghin 6 (dal 72′ Fàbregas 6), Arrigoni 5, Parigini 5 (dal 62′ Kerrigan 6,5); Mancuso 5,5 (dal 72′ Gliozzi 6), Cerri 5. A disp.: Zanotti, Cagnano, Gabrielloni, Solini, Ba, Odenthal, Delli Carri. All.: Guidetti 5,5.

BRESCIA (4-3-2-1): Lezzerini 6,5; Mangraviti 6,5 (dal 40′ Jallow 5,5), Adorni 6,5, Cistana 6 (dal 54′ Papetti 6), Karacic 6; Bisoli 6,5, Labojko 6 (dal 64′ Benali 6), Bertagnoli 7,5; Galazzi 7 (dal 64′ Viviani 6), Moreo 6; Aye 6 (dal 64′ Bianchi 6). A disp.: Andrenacci, Garofalo,  Nuamah, Niemeijer. All.: Clotet 7.

Arbitro: Sig. Miele di Nola 5,5.

NOTE –  Ammoniti: Mangraviti (BR), Mancuso (CO). Espulso Arrigoni (CO) al 44′ per doppia ammonizione. Corner 3-4. Minuti di recupero 11′ e 5′. Spettatori 4759, di cui 2174 abbonati e 500 ospiti.

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Marco Ballerini
Un calcio al pallone, due tiri a canestro, una corsa nei boschi, una pedalata tra salite e discese, una nuotata nel mare, una sciata nel bianco, una pagaiata sul lago.. Sacrifici, sudore, fatica, passione, socialità, emozioni, obiettivi, traguardi.. Lo sport è sempre un ottimo pretesto per VIVERE e per sentirsi VIVI !!

2 thoughts on “Massimo Bertagnoli risolve il derby, al Como si spegne la luce

  1. Servono centrocampisti sani.
    Fabregas fermo due anni, mezzo rotto
    Baselli fermo due anni, rotto
    Farago’ fermo due anni, sempre rotto: ecco qui:
    21/22
    Infortunio al bicipite femorale 24 giorni
    21/22
    Infortunio all’anca 153 giorni
    20/21
    Problemi alla coscia 103 giorni
    20/21
    Infortunio alla coscia 18 giorni
    19/20
    Ernia inguinale 42 giorni
    19/20

    L’unico sano era Mazzitelli..al Frosinone. Sveglia! che le partite si vincono o si perdono a centrocampo…..

Lascia un commento