Manuel Cicconi doppietta tra le sbavature: Grosseto-Como 3-4

manuel cicconi

Gli azzurri violano il Zecchini, in un match contraddistinto da amnesie difensive. Apre Ferrari, chiude Gabrielloni. Nel mezzo Manuel Cicconi.

Como 1907 impegnato quest’oggi nella sedicesima giornata del girone A di serie C con una duplice missione: consolidare il secondo posto in classifica e sfatare un piccolo tabù, ossia quello di ottenere il primo successo contro i maremmani, vittoriosi in entrambi i precedenti. E gli obiettivi sono stati raggiunti. I lariani espugnano il Carlo Zecchini non senza difficoltà e allungano in graduatoria nei confronti di Pro Vercelli e Alessandria distanziandole di quattro punti. Invariato invece il gap da colmare nei confronti della capolista Renate.

Un match contraddistinto dagli innumerevoli errori in fase difensiva, da una parte e dall’altra. Con anche la compartecipazione del centrocampo per quanto riguarda la formazione di Gattuso, come in occasione delle prime due reti locali. Sta di fatto che il Como ritorno a casa con un bottino pieno alquanto prezioso, ma dovrà provare ad aumentare la propria solidità se vorrà recitare un ruolo di assoluto rilievo fino a fine stagione. Negli scontri diretti che si presenteranno da qui in avanti, sarà senz’altro un aspetto da non trascurare. Per il resto si è visto finalmente un Franco Ferrari più incisivo nelle poche occasioni capitate fra i suoi piedi, ma ci ha pensato il solito Alessandro Gabrielloni a mettere il sigillo definitivo sul nono successo stagionale dopo le due reti di uno scatenato Manuel Cicconi.

La partita

Una sfida che si accende fin dai minuti iniziali di gioco. Al 7′ Boccardi ci prova con un rasoterra potente di mancino ma Facchin si fa trovare pronto. Qualche secondo più tardi traversone dalla destra di Terrani, Cicconi non ci arriva ingannando Barosi che non trattiene, per Ferrari un gioco da ragazzi depositare il gol del 0-1. Pronta la reazione degli unionisti, che pareggiano al 12′ con Galligani abile a vedere l’inserimento a centro area di Simeoni che tutto solo batte il portiere azzurro di piatto. Crescenzi coglie la traversa con un bolide dai trentacinque metri, Ferrari vicino alla personale doppietta sul cross dalla destra di Iovine, Barosi però questa volta si oppone a una mano. Al 23′ tiro da fuori alto per Dkidak, mentre la conclusione centrale di Terrani al 29′ termina nelle mani dell’estremo difensore di casa. Al 30′ lariani nuovamente avanti: verticalizzazione di Bansal McNulty per Manuel Cicconi, il n° 11 azzurro punta Raimo con successo e batte di destra Barosi in uscita. Al 36′ Galligani ancora pungente,  al 39′ gli uomini di Magrini agguantano il 2-2 con Sicurella che verticalizza per Boccardi il cui diagonale non lascia scampo a Facchin. Fortunatamente, a un minuto dall’intervallo, l’asse formato da Amrit Bansal-McNulty e da Manuel Cicconi si ripropone, con il secondo colpevolmente lasciato libero da Simeoni a depositare il 2-3.

Non trascorre nemmeno un giro d’orologio dalla ripresa delle ostilità, che subito scorre un brivido sulla schiena dei tifosi azzurri: tocco di mano in area di Iovine sulla palla messa in mezza da Sersanti, colto però in posizione di off-side dal guardalinee. Al 52′ tiro dal limite ampiamente alto di Fratini, gli unionisti trovano comunque per l’ennesima volta il pari cinque minuti più tardi. Punizione calciata da Galligani, Facchin respinge ma Sersanti dimenticato da Dkidak non si fa pregare per il 3-3. Girandola di cambi da una parte e dall’altra, poi Cicconi sfiora il tris con un calcio da fermo che esce di poco alla sinistra di Barosi. Sempre sugli sviluppi di un’altra palla inattiva, i comaschi tornano a guidare nel punteggio. Punizione di Arrigoni respinta dall’estremo difensore toscano, Gabriellioni si avventa sul pallone venendo steso dallo stesso n°1. E’ lo stesso attaccante a incaricarsi dell’esecuzione dagli undici metri, spiazzando il portiere del Grosseto al 77‘. Forte dell’ennesimo vantaggio, Jack Gattuso opta per passare al 3-5-2 inserendo Walker e Solini, mentre Lamberto Magrini prova la via del 4-3-3. Nel quarto d’ora finale non succederà però più nulla di rilevante, con l’unico tentativo a opera di Kraja decisamente alle stelle.

Manuel Cicconi , doppietta per lui

Ora l’ultimo impegno ufficiale del 2020 in programma nel pomeriggio di mercoledì, quando al Sinigaglia arriverà un Livorno quest’oggi bloccato in casa sul risultato di parità dalla Lucchese. Con un orecchio rivolto alla radiolina, perché il Renate di Aimo Diana sarà atteso da una partita difficile in casa della Juventus U23.

US GROSSETO 1912- COMO 1907 3-4  Marcatori: Ferrari (CO) all’8′, Simeoni (GR) al 12′, Cicconi (CO) al 30′ e 44′, Boccardi (GR) al 39′, Sersanti (GR) al 57′. Gabrielloni (CO) su rig. al 77′

GROSSETO (4-3-1-2): Barosi 4,5 ; Simeoni 6 (dal 63′ Polidori 6), Ciolli 5, Gorelli 5, Raimo 5; Sersanti 6,5 (dal 71′ Cretella 6), Fratini 6, Kraja 5,5 (dall’81’ Russo sv); Sicurella 6,5 (dal 63′ Pedrini 5,5); Boccardi 6,5 (dal 71′ Moscati 5,5), Galligani 7. A disp.: Antonino, Pierangioli, Campeol, Manicone, Consonni, Kalaj, Vrdoljak. All.: Magrini 5,5.

COMO 1907 (4-2-3-1): Facchin 5,5; Dkidak 5,5, Bertoncini 6, Crescenzi 6, Iovine 6; H’Maidat 5 (dal 73′ Arrigoni 6,5), Bellemo 6; Terrani 6,5 (dal 79′ Walker sv), Bansal McNulty 6,5 (dal 63′ Gatto 6), Cicconi 7,5 (dal 79′ Solini sv); Ferrari 6,5 (dal 63′ Gabrielloni 7). A disp.: Zanotti, Toninelli, Bovolon, Celeghin, Foulds, Agyakwa, Magrini. All.: Gattuso 6,5.

Arbitro: Sig. Marini di Trieste 5,5.

NOTE – Ammoniti: Galligani (GR), Ferrari (CO), Simeoni (GR). Raimo (GR), Sersanti (GR), H’Maidat (CO), Cretella (GR), Kraja (GR), Bertoncini (CO). Corner 3-2. Minuti di recupero 0′ e 4′

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Marco Ballerini
Marco Ballerini
Un calcio al pallone, due tiri a canestro, una corsa nei boschi, una pedalata tra salite e discese, una nuotata nel mare, una sciata nel bianco, una pagaiata sul lago.. Sacrifici, sudore, fatica, passione, socialità, emozioni, obiettivi, traguardi.. Lo sport è sempre un ottimo pretesto per VIVERE e per sentirsi VIVI !!

Lascia un commento