La Mantia e Gabrielloni, Spal e Como si accontentano del pari

la mantia
[ethereumads]

Ci pensa Gabrielloni a rimediare al gol iniziale di La Mantia. Al Mazza finisce 1-1 fra estensi e comaschi, due squadre che hanno osato poco.

Fare un discreto passo nella sospirata direzione della salvezza. Era questo il principale intento del Como 1907, sceso sul rettangolo verde del Paolo Mazza di Ferrara per affrontare uno dei numerosi scontri diretti in programma  di questo periodo. Contro la Spal, in occasione della venticinquesima giornata della serie B 2022/23, la speranza degli azzurri era quella di frapporre fra loro e gli estensi un interessante cuscinetto di sei lunghezze.

Per cercare di centrare questo obiettivo, Moreno Longo ha deciso di toccare il minimo indispensabile rispetto alla precedente trasferta bolzanina. Andando così esclusivamente a sostituire i tre giocatori squalificati: al posto di Cerri, Fàbregas e Odenthal sono stati schierati rispettivamente Gabrielloni, Baselli e Canestrelli (al suo debutto ufficiale in azzurro). E anche Massimo Oddo, alla sua prima sulla panchina biancazzurra, ha optato per non stravolgere la recentissima impostazione del predecessore di Daniele De Rossi. Limitandosi a dare una maglia da titolare a Varnier in difesa e La Mantia in attacco.

Al termine dei novanta minuti però, il bicchiere si può definire tranquillamente mezzo vuoto per entrambe le compagini, dimostratesi poco coraggiose nel finale di gara. Troppa la paura di perderla, un’eventuale battuta d’arresto che avrebbe potuto avere dei contraccolpi psicologici non indifferenti per una delle due contendenti. Timori, per gli ospiti, aumentati esponenzialmente dopo i primi negativi minuti, nei quali hanno incassato la rete di La Mantia e rischiato di subire il 2-0 da parte dello stesso. Di Gabrielloni poco prima del riposo la rete che ha rimesso in carreggiata gli azzurri, un attaccante che si è dimostrato ancora una volta prezioso nelle sfide contro avversarie di bassa classifica.

La partita

Avvio di incontro decisamente in salita per i lariani. E’ infatti il 6′ quando Nainggolan esercita con profitto pressione ai danni di Canestrelli rubandogli palla, tiro dell’ex Roma respinto da Gomis ma sulla respinta sarà lesto La Mantia con il sinistro a portare avanti i suoi. Autore del vantaggio che si renderà di nuovo pericoloso una seconda volta, ma il suo colpo di testa sulla palla a tagliare sempre di Nainggolan verrà deviato in corner con bravura dall’estremo difensore ospite. Sugli sviluppi dello stesso, debole e centrale il tentativo di Moncini. Come innocuo sarà anche il piattone dal limite di Prati al 17′ su un’imperfezione di Vignali. Dieci minuti più tardi finalmente il primo squillo offensivo degli azzurri: Ioannou serve all’indietro Bellemo, sul tiro di collo di quest’ultimo Alfonso volerà deviandolo in angolo.

Cutrone non riesce a concludere sulla sponda aerea di Binks al 29′, mentre il portiere di casa bloccherà a terra senza problemi la rasoiata dalla trequarti di Da Cunha. Sempre del franco-portoghese la punizione a giro alta dal vertice destro dell’area, guadagnata da Gabrielloni. E sarà proprio il n°9 azzurro a riequilibrare la contesa al 38′, in spaccata anticipando Peda sul traversone proveniente dalla sinistra di Cutrone. Due giri di lancetta più tardi Prati prova ad approfittare vanamente della porta lasciata sguarnita da Gomis dopo l’uscita coi pugni, sinistro abbondantemente alto. E anche Nainggolan non riuscirà a pungere a dovere, il suo destro da fuori non inquadrerà lo specchio della porta. Spal e Como 1907 dunque al riposo sul punteggio di 1-1.

la mantia
I circa 300 supporters azzurri giunti al Paolo Mazza

Inizio di ripresa in cui finalmente gli ospiti si dimostrano più intraprendenti, di Binks la botta sul primo palo che trova comunque pronto Alfonso. Sugli sviluppi del corner seguente colpo di testa di Canestrelli sul fondo. Al 62′ leggera ma rischiosa cinturata in area di Tripaldelli ai danni di Cutrone, il signor Gariglio di Pinerolo lascia correre. Passano cinque minuti e Nainggolan sfoggia una interessante punizione a giro dalla trequarti, Gomis si rifugia in angolo. Longo passa a un insolito 3-5-1-1 inserendo Arrigoni e Da Riva, con Parigini ad agire ditro a Cutrone.

Sul fondo il diagonale di Ioannou su tocco di Arrigoni, di Vignali il sinistro dalla distanza che risulterà centrale. Poco interessante anche il tiro alto di Valzania da fuori area, anche Prati non trova la porta con un mancino al volo da lontano. Nei minuti di recupero di Maistro il tiro dalla sinistra che non impensierisce l’estremo difensore lariano, mentre Mancuso non riuscirà a trovare la deviazione vincente di testa sul traversone operato da Ioannou a ridosso del triplice fischio finale.

Un pareggio che non permette al Como 1907 di restare fuori dalla zona play-out vista la vittoria del Perugia nel derby contro la Ternana. Spal che invece, finisse oggi il campionato, sarebbe retrocessa direttamente in C. Azzurri che ritorneranno in campo sabato prossimo per un altro incontro di vitale importanza, ospitando al Sinigaglia un Cosenza autore oggi di un pari interno contro il Sudtirol.

SPAL – COMO 1907  1-1  Marcatori: La Mantia (SP) al 6′, Gabrielloni (CO) al 38′

SPAL (3-4-1-2): Alfonso 6; Meccariello 6, Varnier 6,5, Peda 5 (dal 69′ Arena 6); Celia 5,5 (dal 46′ Tripaldelli 6), Prati 6, Valzania 6,5, Dickmann 6,5; Nainggolan 6,5 (dal 77′ Rabbi 5,5); Moncini 5,5 (dal 77′ Maistro 6), La Mantia 7. A disp.: Pomini, Fiordaliso, Dalle Mura,  Zanellato, Murgia, Tunjov, Fetfatzidis, Rauti. All.: Oddo 6.

COMO 1907 (3-4-1-2): Gomis 6; Binks 6, Scaglia 6,5, Canestrelli 5; Ioannou 6,5, Baselli 6 (dal 69′ Da Riva 5,5), Bellemo 6,5, Vignali 6; Da Cunha 6 (dal 59′ Parigini 6,5); Gabrielloni 7 (dal 69′ Arrigoni 6), Cutrone 6,5 (dall’82’ Mancuso sv). A disp.: Ghidotti, Vigorito, Iovine, Chajia, Faragò, Pierozzi. All.: Longo 6.

Arbitro: Sig. Gariglio di Pinerolo 6,5.

NOTE – Ammoniti: Binks (CO), Nainggolan (SP), Varnier (SP), Arena (SP), Parigini (CO). Corner 6-4. Recupero 0′ e 5′.

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Marco Ballerini
Un calcio al pallone, due tiri a canestro, una corsa nei boschi, una pedalata tra salite e discese, una nuotata nel mare, una sciata nel bianco, una pagaiata sul lago.. Sacrifici, sudore, fatica, passione, socialità, emozioni, obiettivi, traguardi.. Lo sport è sempre un ottimo pretesto per VIVERE e per sentirsi VIVI !!

5 thoughts on “La Mantia e Gabrielloni, Spal e Como si accontentano del pari

  1. Flavio Piva non lo so se è colpa del mister ma con questi giocatori devi cercare di vincere,vediamo contro il Cosenza se cambia qualcosa

Lascia un commento