Fondo Salva Calcio, aiuti anche per Lega Pro e Dilettanti

fondo salva calcio

Varato su proposta del Comitato di Presidenza Figc il Fondo Salva Calcio: un totale di 21 milioni e 700 mila Euro per fronteggiare la crisi Covid-19.

Da mesi il pallone non rotola più sui rettangoli verdi di tutta Italia per colpa del Coronavirus, con inevitabili strascichi a livello economico per club, calciatori, allenatori e dirigenti. Contribuendo al tempo stesso a rendere nebuloso il futuro di tante realtà e tesserati. Ad alleviare le problematiche di questa emergenza sanitaria ci sta provando la Figc, che sta riuscendo a mettere in pratica il sostegno progettato già da diverse settimane, ribattezzato “Fondo Salva Calcio”. L’importo totale di 21 milioni e 700 mila Euro verrà ripartito tra serie B, serie C, Lnd e calcio femminile.

Un provvedimento che dunque riguarda da vicino il Como 1907 ma anche diverse società dilettantistiche del nostro territorio. Per i club di Lega Pro sul piatto verranno messi un totale di 5 milioni di Euro, tanti quanti quelli previsti per il mondo della B. La medesima cifra sarà garantita ai Dilettanti, mentre per i sodalizi della Divisione Calcio Femminile la somma sarà più contenuta: 700 mila Euro.

fondo salva calcio
Gabriele Gravina, presidente Figc

A beneficiarne però saranno anche i vari giocatori delle categorie sopracitate, grazie a uno stanziamento pari a 3 milioni di Euro. E altrettanti saranno erogati a favore di tecnici e preparatori atletici. Un tesoretto dunque di 6 milioni totali, ai quali si aggiungerà un altro milione messo a disposizione dall’Associazione Italiana Calciatori. Secondo il vicepresidente di quest’ultima, Umberto Calcagno, attraverso questa azione congiunta è stato possibile tutelare circa 2000 tesserati in serie C, ossia quei professionisti che non superano i 50.000 Euro lordi di stipendio in un anno.

Annuncio Pubblicitario

Soddisfazione anche tra i dilettanti, espressa tramite il proprio presidente Cosimo Sibilia. “Con il Fondo Salva Calcio potremo disporre di risorse per gestire al meglio la ripresa delle attività ma soprattutto dare un piccolo ma concreto sollievo all’intero mondo dilettantistico – si legge nella nota ufficiale – Credo che questa sia la migliore risposta a chi attendeva con impazienza delle certezze dalle quali ripartire. La capacità della Lnd di interloquire con le istituzioni, a cominciare da quelle sportive, è stata confermata dal contributo messo a disposizione dalla Figc. Il presidente Gravina, che ringrazio, ha sempre manifestato la sua preoccupazione per la tenuta del calcio dilettantistico, che da oggi può guardare al futuro con maggiore serenità. Mentre la Lnd continuerà a fare la sua parte per migliorare lo stato delle cose. Ora attendiamo le risposte dalle Autorità Governative sui più volte annunciati contributi in favore dello sport di base”.

Per l’approvazione definitiva del progetto straordinario sarà necessario attendere il prossimo Consiglio Federale, in programma lunedì 8 giugno. Un appuntamento da seguire con il dovuto interesse anche da parte del Como nel quale, unitamente all’Assemblea straordinaria di Lega Pro che dovrebbe tenersi il giorno prima, capirà finalmente quali saranno le sue reali possibilità o meno di ritornare in campo in questa stagione 2019/20.

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Redazione
Redazione
Informati Vinci Sostieni Spazio Sport Web Brianzolo & Comasco
http://www.wincantu.it

Lascia un commento