Filippo Ranocchia ispira Brosco e Meggiorini, Como ancora ko

filippo ranocchia
[ethereumads]

Quarta sconfitta consecutiva per i lariani. Il Vicenza di un ispirato assist-man Filippo Ranocchia, sbanca 0-2 il Giuseppe Sinigaglia.

Esattamente un anno fa il Como 1907 riconquistava il campionato cadetto grazie al successo sull’Alessandria per 2-1. Trecentosessantacinque giorni dopo è un 25 Aprile dal sapore decisamente differente per gli azzurri, ma non per questo totalmente amaro. La formazione lariana infatti, attraverso il proficuo lavoro e impegno di questi mesi, si è guadagnata la possibilità di giocare in questa giornata di festa dal significato non trascurabile con tutta la tranquillità e spensieratezza di questo mondo, grazie a una salvezza blindata in largo anticipo.

Completamente differenti erano invece gli stati d’animo in casa Lr Vicenza prima di questa sfida, con i biancorossi obbligati al bottino pieno per cullare ancora velleità di play-out. Ed è stata proprio la differenza di motivazioni a risultare decisiva quest’oggi. Perché anche i comaschi hanno avuto dalla loro qualche occasione per andare a segno, mancando però della cattiveria agonistica giusta. Aspetto che invece non è mancato ai biancorossi, autori di una rete per tempo con Riccardo Brosco e Riccardo Meggiorini, entrambi serviti da Filippo Ranocchia (capace di altre ottime giocate) e con la difesa azzurra non impeccabile in ambedue le circostanze.

Per quanto concerne gli schieramenti iniziali invece, Max Guidetti e Giacomo Gattuso (quest’oggi assente) con finalmente tutta la difesa a propria disposizione, sono ritornati al vecchio 4-4-2. La buona prova di Pisa è valsa la conferma di Varnier, novità invece a centrocampo con Kabashi lanciato dall’inizio e davanti con Gabrielloni a rilevare La Gumina. Rientrati anche gli squalificati Solini e Parigini, infine Vignali al posto di Iovine. Qualche accorgimento tattico rispetto al turno precedente anche per Francesco Baldini, che ha optato per una sorta di 3-4-2-1 in fase offensiva, con la retroguardia capace difendere a cinque in fase di non possesso.

Gli striscioni dedicati a Nino Balducci

La partita

Incontro che non inizia sotto i migliori auspici per gli ospiti, che perdono subito Bikel per infortunio durante un contrasto con Bellemo. Prime occasioni che capitano nei piedi dei padroni di casa: al 10′ lancio di Varnier per Vignali, l’esterno salta Bruscagin e calcia con il mancino, Contini però è reattivo respingendo coi piedi. Sul proseguimento dell’azione, ci prova Bellemo da fuori area ma l’estremo difensore avversario non si fa sorprendere. I biancorossi provano a rispondere con un sinistro angolato di Ranocchia su scarico di Maggio, questa volta è Gori a essere chiamato in causa con la deviazione. Brivido per i veneti al 17′: Parigini recupera sfera ai danni di Da Cruz e allarga per Blanco, sul tiro dello spagnolo deviazione di De Maio e palla che si infrange sulla traversa. Poco dopo sarà invece Da Cruz a sprecare il passaggio di Diaw, calciando debolmente nelle mani di Gori.

Diagonale fuori di poco da posizione defilata di Blanco su suggerimento di testa di Ioannou, mentre i vicentini continuano a fare incetta di calci d’angolo. Ed è sul n° 8 che riescono a sbloccare la contesa: dal lato destro è Ranocchia a pescare in mezzo Brosco che ruba il tempo a più giocatori avversari, battendo il portiere di casa alla sua destra. Il connubio Ranocchia-Brosco ci riprovano nella stessa identica maniera al 40′ ma questa volta il tentativo del difensore biancorosso è centrale. Sul finire di prima frazione doppia occasione per Gliozzi: nella prima circostanza un suo colpo di testa in tuffo viene deviato in corner da Contini, nella seconda conclusione ampiamente imprecisa su assist di Parigini.

Supporters vicentini presenti al Sinigaglia al seguito di Filippo Ranocchia e compagni

Ripresa che si apre con bella apertura sulla destra di Kabashi per Parigini, esterno che si invola verso la porta avversaria per poi calciare ampiamente alto. Cinque giri di lancette più tardi Ranocchia si guadagna una punizione sulla trequarti per un fallo di Kabashi, è lo stesso calciatore scuola Juve a incaricarsene ma esecuzione che assomiglia tanto a una telefonata. Sempre dai piedi di Ranocchia nascono le successive due occasioni: alto il colpo di testa di Diaw sugli sviluppi di un angolo, poi la stessa punta si fa fermare la conclusione coi piedi da Gori in uscita.

Guidetti prova a cambiare in parte volto ai suoi con un triplice cambio al 65′, inserendo Arrigoni, Ciciretti e La Gumina. E sarà proprio il regista comasco a provarci subito da fuori, tuttavia con un tiro centrale. Non si esimerà nemmeno Ciciretti dal mettersi in mostra dalla distanza, Contini però c’è e respinge. Conclusione sul fondo di Zonta su suggerimento filtrante di Maggio, ma a otto minuti dal termine dei regolamentari il Vicenza troverà il raddoppio. Lancio in profondità del solito Filippo Ranocchia, Vignali cincischia non servendo all’indietro Gori e Meggiorini ne approfitta per battere lo stesso. Risultato di 0-2 che sarà anche quello finale, vani i tentativi imprecisi di Nardi da fuori area e di Meggiorini sull’apertura di Da Cruz.

Tre minuti di recupero possono bastare e avanzare, Lr Vicenza che dunque esce meritatamente dal rettangolo di gioco con l’intero bottino. Como 1907 che dunque resta fermo a 44 punti al quattordicesimo posto. Sabato prossimo i lariani si recheranno al Granillo per la penultima giornata del torneo di B 2021/22.

COMO 1907 – LR VICENZA 0-2  Marcatori: Brosco (VI) al 36′, Meggiorini (VI) all’82’

COMO 1907 (4-4-2): Gori 6; Ioannou 6 (dall’83’ Nardi sv), Solini 5,5, Varnier 5,5, Vignali 5; Blanco 6 (dal 65′ Ciciretti 6,5), Bellemo 6, Kabashi 5,5 (dal 65′ La Gumina 6), Parigini 5,5; Gliozzi 5,5, Gabrielloni 5 (dal 65′ Arrigoni 6). A disp.: Facchin, Zanotti, Bertoncini, Iovine, Scaglia, Cagnano, Peli, Bovolon. All.: Guidetti 5,5.

LR VICENZA (3-4-2-1): Contini 7; Bruscagin 6, De Maio 6,5, Brosco 7,5 (dal 73′ Cappelletti 6); Lukaku 6 (dal 73′ Crecco sv), Bikel sv (dal 4′ Da Cruz 6), Cavion 6,5, Maggio 7; Greco 6 (dal 22′ Zonta 6), Ranocchia 7,5; Diaw 6 (dal 73′ Meggiorini 6,5). A disp.: Grandi, Confente, Pasini, Boli, Dalmonte,  Cester, Teodorczyk. All.: Baldini 7.

Arbitro: Sig. Serra di Torino 6.

NOTE – Ammoniti: Ranocchia (VI), Brosco (VI), Zonta (VI). Corner 4-10. Minuti di recupero 2′ e 3′. Spettatori totali 2491, di cui 383 abbonati e 255 ospiti. Incasso totale 33990 Euro.

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Marco Ballerini
Un calcio al pallone, due tiri a canestro, una corsa nei boschi, una pedalata tra salite e discese, una nuotata nel mare, una sciata nel bianco, una pagaiata sul lago.. Sacrifici, sudore, fatica, passione, socialità, emozioni, obiettivi, traguardi.. Lo sport è sempre un ottimo pretesto per VIVERE e per sentirsi VIVI !!

Lascia un commento