Federico Dionisi match-winner, Como è la dura legge del gol

federico dionisi

Tante azioni da gol sprecate dagli azzurri, puniti da un cinico Ascoli che passa di misura al Sinigaglia con un rigore di Federico Dionisi.

E’ stato il giorno del grande debutto casalingo per il Como 1907 nel torneo di serie B 2021/22. Dopo le due ottime trasferte in quel di Crotone e Lecce, gli azzurri hanno provato a mettere in mostra le loro qualità anche di fronte al pubblico amico, accorso in massa sugli spalti del Sinigaglia. Quasi tutti i biglietti a disposizione, infatti, sono andati esauriti e anche circa duecento tifosi ospiti non hanno fatto mancare la loro presenza.

Rispetto al secondo turno disputato quindici giorni fa, mister Gattuso ha deciso di schierare dall’inizio Marco Varnier e Luca Vignali, andando così a modificare il reparto arretrato per il 50%. Invariati invece centrocampo e attacco. Il collega Sottil, dal canto suo, ha deciso di confermare completamente l’undici iniziale proposto nella vittoriosa trasferta di Perugia, rimandando così a match in corso l’esordio ufficiale in bianconero di Caligara.

Un Como che però a livello di prestazione si ripete sui livelli precedenti, ma non per quanto concerne purtroppo il risultato. Una sconfitta che brucia quella odierna, totalmente immeritata, frutto però dell’imprecisione negli undici metri. Punte comasche che non sono riuscite ad approfittare della staticità del reparto arretrato avversario, spesso colto di sorpresa dai passaggi in verticale di Iovine, il migliore tra i padroni di casa. Marchigiani mai pericolosi, che hanno capitalizzato a pieno il penalty trasformato da Federico Dionisi per un fallo del neo arrivato Luca Vignali su Fabio Maistro.

La partita

Quarto d’ora iniziale della sfida che si rivela essenzialmente di studio, con le due formazioni che spesso e volentieri si neutralizzano vicendevolmente a metà campo. Al’ 9′ La Gumina vince un duello aereo con Botteghin e sguscia sulla linea di fondo concludendo sull’esterno della rete, dopo però aver oltrepassato la stessa linea.  Casca al 18′ la prima vera occasione di giornata, che capita sui piedi dei locali: palla filtrante di Iovine per Cerri, punta n° 27 che calcia alto con la sfera deviata impercettibilmente da Leali. Al 26′ Chajia si accentra dalla sinistra e conclude altissimo, cinque minuti più tardi è invece Vignali a sprecare un’altra ghiotta chance sull’assist servito all’indietro da Cerri. Azione ancora una volta partita da una verticalizzazione di Iovine.

Al 33′ fucilata dal limite a mezza altezza di Chajia, bravo l’estremo difensore ospite a rifugiarsi in corner. Al 40′ è nuovamente Iovine a sorprendere la retroguardia bianconera, questa volta con il mancino, anche La Gumina però si iscrive nella lista degli imprecisi facendosi respingere la conclusione coi piedi da Leali. Un paio di giri di lancette più tardi primo tentativo ascolano, Bidaoui si accentra e tira centralmente, nessun problema per Gori. Qualche secondo prima del riposo è ancora il portiere di Sottil a mettersi in evidenza, mettendoci una pezza sul tiro a incrociare di Iovine ben imbeccato dalla “scucchiaiata” di Cerri. Como e Ascoli al riposo sullo 0-0.

federico dionisi
I tifosi azzurri tornati a occupare gli spalti del Sinigaglia dopo tempo immemore

Opportunità che invece scemano quantomeno nella prima metà della ripresa. Al 47′ tiro di Collocolo da fuori deviato da Chajia che si angola improvvisamente, Gori blocca. Al 56′ tentativo di Fabbrini decisamente sul fondo, su una palla vagante in area scaturita da un rimpallo. Al 58′ H’Maidat ci prova dai trenta metri senza particolar successo, mentre Dionisi non crea grattacapi alla difesa di casa qualche minuto più tardi con un tiro sul fondo. Al 72′ si sblocca il punteggio: Federico Dionisi serve di punta in area Maistro, quest’ultimo viene fermato irregolarmente da Vignali. E’ il capitano bianconero a incaricarsi dell’esecuzione, battendo Gori sulla sua destra.

Nei minuti finali contropiede orchestrato da Bidaoui e terminato con un tiro angolato, bravo Gori a deviare in angolo. Poi altre due grandi chance dilapidate dalla squadra di Gattuso, entrambe con Gliozzi: sul cross proveniente dalla destra di Vignali il primo colpo di testa esce di poco. Il secondo invece, nettamente più facile e tentato in area piccola, vede demeriti maggiori dell’attaccante rispetto a quello di prima.

Trascorsi quattro minuti di recupero, il direttore di gara Antonio Giua fischia la conclusione dell’incontro, che decreta una bruciante sconfitta per la formazione di casa. Como 1907 che nel prossimo turno calcherà nuovamente il manto erboso del Sinigaglia, in un match non certamente facile contro l’attrezzato Frosinone di mister Fabio Grosso. Per l’Ascoli invece tre storiche vittorie nelle prime tre giornate e la conferma del primato in condivisione in serie B.

COMO 1907 – ASCOLI CALCIO 1898 0-1  Marcatori: Dionisi (AS) su rig. al 73′

COMO 1907 (4-4-2): Gori 6; Ioannou 6, Varnier 6 (dal 68′ Bertoncini 6), Scaglia 6,5, Vignali 5,5; Chajia 6 (dall’86 Gatto sv), Bellemo 6,5, H’Maidat 6,5 (dal 76′ Arrigoni 6), Iovine 7; La Gumina 5,5 (dal 68′ Gliozzi 6), Cerri 5,5 (dal 76′ Gabrielloni 6). A disp.: Facchin, Solini, Bertoncini, Kabashi, Parigini, Cagnano, Bovolon, Luvumbo. All.: Gattuso 5,5.

ASCOLI (4-3-1-2): Leali 7,5; D’Orazio 6,5, Avlonitis 6, Botteghin 6, Baschirotto 6,5; Collocolo 6,5 (dal 62′ Maistro 6,5), Buchel 6 (dal 70′ Eramo 6), Saric 6; Fabbrini 5,5 (dal 62′ Caligara 6); Bidaoui 6, Dionisi 7 (dall’86’ De Paoli sv). A disp.: Guarna, Salvi, Tavcar, Felicioli, Castorani, Quaranta, Donis, Spendlhofer. All.: Sottil 7.

Arbitro: Sig. Giua di Olbia 6.

NOTE – Ammoniti: Buchel (AS), Cerri (CO), Varnier (CO), H’Maidat (CO), Bertoncini (CO), Saric (AS)

Corner 5-6. Minuti di recupero 0′ . Spettatori 2297, di cui 193 ospiti. Incasso 34.233 Euro.

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Marco Ballerini
Un calcio al pallone, due tiri a canestro, una corsa nei boschi, una pedalata tra salite e discese, una nuotata nel mare, una sciata nel bianco, una pagaiata sul lago.. Sacrifici, sudore, fatica, passione, socialità, emozioni, obiettivi, traguardi.. Lo sport è sempre un ottimo pretesto per VIVERE e per sentirsi VIVI !!

Lascia un commento