Coppa Italia Serie D, le pagelle del Como sconfitto a Carate

coppa italia serie D

Tra i tanti volti nuovi visti ieri nei trentaduesimi di Coppa Italia Serie D, buoni segnali da Fusi e dai centrocampisti. Da rivedere la difesa.

 

Alessandro Gozzi 5.5 – il sostituto di Kucich, 24 anni, è sostanzialmente incolpevole sui due gol e non compie grandi parate. Incerto in un’uscita, è graziato dal palo in un paio di occasioni.

Alessandro Manti 5+ – all’esordio, il 20enne centrale ex Grumellese deve giocare da terzino destro contro un avversario tosto come Peluso. Qualche errore di troppo, ma nessun disastro. (dal 46′ Simone Morelli 6 – più a suo agio rispetto al coetaneo compagno di reparto, poteva fare meglio in fase offensiva)

Nicola Bartoli 5 – il 20enne ex Ancona avrà senz’altro modo di rifarsi, ma oggi ha fatto davvero fatica. Spesso sorpreso, complice in entrambi i gol.

Dario Bova 5 – discorso simile rispetto al più giovane compagno di reparto, con l’attenuante di averci messo personalità nei contrasti aerei.

coppa italia serie D
Dario Bova (Foto di Dario Scarpelli)

Sandro Zukic 4.5 – voto inclemente per l’esterno classe 2000, bravo ad arrivare al tiro in un’occasione ma davvero impreciso sia in copertura che in impostazione. Coinvolto in entrambe le reti avversarie.

Stefano Bonaiti 6 – 19 anni, scuola Como, se la cava in mezzo al campo. Non si distingue né in positivo né in negativo, ma ci mette intensità. Lo rivedremo volentieri.

Daniel Gemignani 6+ – prova diligente e generosa dell’ex Pontedera, che vedremo spesso in campionato vista la squalifica di Gentile. Tanto pressing, qualche buon contrasto, manca qualcosa in fase offensiva. (dal 69′ Ameth Fall 6+ – prova a dare vivacità, non spacca la partita ma sfiora il gol di testa)

Federico Gentile 5.5 – sfavorito come i suoi compagni di reparto dai pochi fischi dell’arbitro, prova a dare qualità nel secondo tempo ma ci riesce raramente. Le tre giornate di squalifica gli serviranno per tornare più forte di prima.

Manuel Cicconi 7 – una nota lieta. Generoso come sempre in copertura, in avanti trova una buona intesa con Fusi e prova a propiziare occasioni dalle palle inattive. Segna con una gran punizione un gol purtroppo inutile.

Pietro Fusi 6.5 – anche lui molto bene. Corre tantissimo, pressa fino allo sfinimento e dialoga bene sia con Cicconi che con Petrilli. Voto non altissimo perché un attaccante deve tirare in porta. (dall’83’ Francesco Gobbi s.v. – pochi minuti in cui si procura una buona occasione)

Nicola Petrilli 5 – ci si aspettava di più. La sua partita è tutta in due azioni, tra il 12′ e il 14′: un passaggio a Fusi e un tiro alle stelle da buona posizione. Forse il palcoscenico della Coppa Italia Serie D l’ha un po’ demotivato. (dal 46′ Daniel Bradaschia 5.5 – un po’ impreciso e confusionario in alcune azioni d’attacco, non incide a dovere ma ha il merito di mettere un bel cross sulla testa di Fall)

coppa italia serie D
Nicola Petrilli (Foto di Dario Scarpelli)

Mister Antonio Andreucci 5 – voto severo più che altro perché alcune delle riserve viste oggi, nonostante le settimane di allenamento, hanno lasciato a desiderare. Giusto, assolutamente giusto, fare turnover oggi. Uscire dalla Coppa Italia Serie D non è un dramma. Ma domenica sarà felice di tornare a schierare i suoi fedelissimi, perché serviranno i tre punti. E sulla questione Guazzo ci sentiamo di sostenerlo.

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Alessio Lamanna
Già da bambino sognavo di far parte del mondo del giornalismo calcistico. Missione compiuta: dal post-diploma ad oggi, non ho mai smesso di scrivere di Serie C, con un occhio sempre sul Como, mia squadra del cuore. Un privilegio che amo mettere al servizio dei lettori.

Lascia un commento