Como-Reggina in mezzo a tanti scontri diretti, gara complicata

como-reggina
[ethereumads]

Lariani di nuovo fra le mura amiche, ma Como-Reggina appare match ostico.Ospiti secondi e vogliosi di rifarsi dopo il secco ko di giovedì.

Cinque risultati utili consecutivi possono sicuramente indicare il buon momento di forma che una formazione sta attraversando. Ma esiste anche un’altra faccia della medaglia, poiché quattro di questi sono stati dei pareggi che non hanno mosso granché la propria classifica. Ecco dunque che il Como 1907 necessita di ottenere al più presto un successo per poter mettere la testa finalmente fuori, per la prima volta da inizio campionato, dalla zona rossa. A tal proposito, da sottolineare come domani siano in calendario diversi match che potrebbero ridisegnare le posizioni meno nobili (Benevento-Cittadella, Spal-Palermo, Venezia-Cosenza e in un certo qual modo anche Cagliari-Perugia).

Alla luce di ciò, dunque, sarebbe auspicabile provare a centrare una vittoria davvero pesante. Ma non sarà certamente facile, servirà una grande prestazione contro un’ottima compagine e una bella tifoseria. Che dopo essere accorsa numerosissima in riva al Lario la scorsa annata per seguire i propri beniamini, a maggior ragione lo farà a questo giro considerato lo splendido girone d’andata della propria squadra. A tal proposito non deve ingannare lo 0-3 incassato due giorni fa contro il Frosinone. Anzi, per i calabresi sarà motivo in più per presentarsi con quella giusta determinazione per provare a restare, da soli, in zona promozione diretta. Insomma, “ribilanciamento” ambientale e sete di riscatto, tutte insidie in più per gli azzurri.

Reggina che attualmente si trova al secondo posto a quota 29 punti, ottenuti attraverso 9 vittorie, 2 pareggi e 5 sconfitte. I 28 gol realizzati ne fanno il miglior attacco del torneo, mentre le 16 reti subite la seconda difesa meno perforata. Pochi i reduci dalla passata stagione, per una rosa praticamente rivoluzionata. Tra gli acquisti più interessanti troviamo Luigi Canotto (Frosinone), Gianluca Di Chiara (Perugia), Gabriele Gori (Fiorentina), Giovanni Fabbian (Inter), Riccardo Gagliolo (Salernitana), Hernani (Parma), Zan Majer (Lecce), Niccolò Pierozzi (Fiorentina) e Federico Ravaglia (Bologna). Nel corso della loro storia i due club si sono affrontati 22 volte per sfide di campionato, con il bilancio favorevole ai calabresi: 10 successi, 8 pareggi e 4 perse.

Mister Filippo Inzaghi schiera generalmente i suoi con il 4-3-3. Fra i pali potrebbe essere riproposto nuovamente Federico Ravaglia. Difesa a quattro composta centralmente da Riccardo Gagliolo (2 reti fin qui) più uno fra Thiago Cionek e Michele Camporese, come terzino destro Niccolò Pierozzi mentre sulla sinistra Gianluca Di Chiara potrebbe giovare di un turno di riposo a favore di Federico Giraudo. In mezzo al campo probabile che venga ancora confermato il trio composto da Giovanni Fabbian (5 gol), Zan Majer ed Hernani (3 reti), da non escludere però l’impiego di Lorenzo Crisetig come mediano. Più possibilità di variazioni invece davanti, dove al fianco di Luigi Canotto (4 gol), potrebbero anche trovare spazio Gabriele Gori (2 reti) ed Emanuele Cicerelli, facendo così rifiatare Jérémy Menez (4 gol) e Rigoberto Rivas (2 reti).

como-reggina
Giovanni Fabbian, rivelazione amaranto regolarmente in campo per Como-Reggina

Moreno Longo: “In Como-Reggina oltre la stanchezza anche con l’aiuto dei nostri tifosi”

Allenatore dei lariani che oggi è voluto partire analizzando la prossima avversaria. “Sappiamo benissimo che campionato che sta facendo la Reggina, una formazione completa che dispone di tecnica, fisicità oltre a un mix di esperienza e gioventù – la considerazione di Moreno Longo -. Sarà dunque una sfida difficile ma credo che il livello di tutte le squadre sia simile. Se approcceremo nella maniera giusta potremo sicuramente dire la nostra. Come stiamo fisicamente? E’ normale che ci sia un po’ di stanchezza dopo due trasferte così ravvicinate e il rientro nella notte dalla Sicilia. Tutto ciò però mi preoccupa relativamente perché le nostre motivazioni e la giornata di oggi ci permetteranno di arrivare all’appuntamento in condizioni buone. Dovremo sfruttare quell’aspetto mentale che ci permetterà di andare oltre alla fatica. Inoltre giocando in casa possiamo ovviare a questa problematica grazie all’aiuto dei nostri tifosi”.

Dobbiamo migliorare nella gestione del risultato, che ci è mancata contro Bari e Ascoli – ha continuato Longo -. Cercando di avere più coraggio nei minuti finali ed essere maggiormente consapevoli dei nostri mezzi. Proprio come spesso vedo nei frangenti iniziali. Ambrosino? A Palermo è entrato molto bene sfruttando le sue caratteristiche, mi auguro che questi dieci minuti siano solo l’inizio per lui di un percorso che lo vedrà sempre più protagonista. Deve migliorare a livello atletico, ma ha già capito rispetto a prima quanto è importante rendersi utili anche senza palla. A livello qualitativo invece non abbiamo mai avuto dubbi. Vigorito? E’ stato un semplice turn-over considerate le tre partite, ho voluto dargli un’opportunità poiché nel momento del bisogno ci ha dato una grande mano, lo meritava. Detto questo Ghidotti è cresciuto e domani giocherà lui“.

Tra gli indisponibili, oltre a Matteo Solini (stagione finita per lui), rimangono sempre Daniele Baselli, Moutir Chajia, Cesc Fàbregas, Alessio Iovine e Vittorio Parigini. Oltre ovviamente a Massimiliano Gatto e Liam Kerrigan.

Non risultano squalificati da ambedue le parti. Arbitrerà Como-Reggina il signor Ivano Pezzuto di Lecce, coadiuvato dagli assistenti Dario Cecconi di Empoli e Filippo Bercigli di Firenze. Il quarto uomo sarà Antonio Rapuano di Rimini, al Var invece Aleandro Di Paolo di Avezzano e come assistente Giuseppe Marco Maccadino di Pesaro. Il fischio d’inizio è previsto per le ore 15 di domani presso lo stadio Giuseppe Sinigaglia di Como. La gara è valevole per la diciassettesima giornata di serie B 2022/23.

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Redazione
Informati Vinci Sostieni Spazio Sport Web Brianzolo & Comasco
http://www.wincantu.it

Lascia un commento