Como-Pro Vercelli, azzurri occhio a inattività e solidità altrui

como-pro vercelli

Salvo sorprese, Como-Pro Vercelli è destinata a disputarsi regolarmente. Piemontesi avversari scomodi: potenzialmente primi e miglior difesa.

Finalmente ci siamo. Dopo i rinvii contro Pro Patria, Olbia e Pro Sesto, i lariani sono pronti per tornare in campo. Non lo faranno certamente nel pieno delle loro forze, falcidiati in queste settimane dai casi di positività, ma obbligati senza mezze misure dal “bonus Covid-19” già sfruttato e da un regolamento Figc che impone la disputa del match qualora vi fossero tredici o più tesserati disponibili.

E non sarà per nulla facile provare a riprendere il filo con la vittoria a distanza di quasi venti giorni da quel 2-1 contro la Juve U23. I motivi sono diversi: una serie di allenamenti zoppi per l’indisponibilità di vari elementi, una condizione fisica che sarà certamente un po’ scemata e un avversario a cui fare molta attenzione. La buona notizia invece, di poche ore fa, è che l’ultimo giro di tamponi ha evidenziato la negatività di altri sette elementi, che proveranno così in qualche maniera a dar manforte ai compagni nella sfida contro le “casacche bianche”.

La Pro Vercelli occupa attualmente il secondo posto in classifica, a soli due lunghezze dalla capolista Renate ma con due partite da recuperare (contro Olbia e Giana Erminio), entrambe rinviate per nebbia. Diciassette punti frutto di cinque vittorie, due pareggi e una sconfitta. Nove le reti segnate e soltanto cinque quelle subite, che ne fanno la miglior retroguardia del girone A. Numeri sicuramente da prendere in considerazione e da rispettare. Come quelli che tracciano il bilancio tra le due formazioni in passato: otto i successi ottenuti dai vercellesi contro i quattro dai comaschi, ai quali vanno aggiunti quattro pareggi.

Annuncio Pubblicitario

Francesco Modesto schiera i suoi con il 3-4-3, con in porta il classe 2000 Gianluca Saro imbattuto da 301 minuti. Una solidità raggiunta grazie anche al trio difensivo quasi insostituibile formato da Petko Hristov (in prestito dalla Fiorentina), Alberto Masi e Davide De Marino. Meno certezze a metà, dove comunque Modesto dovrebbe fare affidamento sul danese Matti Lund Nielsen e su Giovanni Graziano come interni. Davanti occhio a Mattia Rolando, attuale bomber dei piemontesi con 5 gol, sbocciato dopo diverse stagioni in D. E soprattutto a Gianmario Comi, punta centrale attualmente ferma a quota 2 reti.

como-pro vercelli
Gianmario Comi, punto di riferimento là davanti per la Pro Vercelli

Marco Banchini: “Daremo il massimo, ognuno tirerà fuori qualcosa in più”

Il mister del Como 1907 ha presentato oggi la sfida che andrà in scena al Sinigaglia fra meno di quarantotto ore. “Alcuni ragazzi hanno continuato l’attività, altri sono stati fermi una decina di giorni – ha esordito Marco Banchini -. Da martedì, pur con un numero ridotto, abbiamo potuto lavorare insieme. Siamo di meno ma siamo pronti. E’ una partita in cui cercheremo sicuramente di dare il massimo e dobbiamo saperci adattare. La classifica attualmente vale poco, ma la Pro Vercelli ha un’identità ben precisa. Si aiutano in campo e si vede, difende alta ma prende pochi gol. Dobbiamo dare continuità e migliorare la nostra identità. Ci saranno momenti del match in cui si potrà pressare l’avversario, altri in cui bisognerà essere più attendisti. Sarà importante la qualità dei passaggi e quella delle scelte, oltre che l’esecuzione”.

Tecnico lariano che potrà in ogni caso far affidamento eventualmente su qualche giocatore del settore giovanile. “Ringrazio mister Boscolo per averci messo a disposizione alcuni ragazzi della primavera. Vediamo però quali altri elementi riusciremo a recuperare, altrimenti sicuramente verranno coinvolti – le parole di Banchini prima dell’esito dei test -. Solo dopo la seduta pomeridiana di oggi potremmo avere un quadro più chiaro. Pur essendo stati in tredici fino a ieri, abbiamo provato a preparare anche a livello tattico la sfida. Il modulo? Giocare a tre o a quattro dietro è una differenza, dipende da chi ti trovi davanti e a chi avrò a disposizione. A livello mentale? Nelle situazioni di emergenza credo che ognuno di noi riesca a tirar fuori quel qualcosa in più, delle energie nascoste che sono una parte importante delle performance”.

Francesco Modesto: “Fare attenzione, avranno grandi stimoli”

Anche il mister della Pro Vercelli ha espresso il proprio parere sull’avversario di turno nella canonica conferenza pre partita. “Il Como è un’ottima squadra, allenata bene e con calciatori di categoria superiore – ha affermato Francesco Modesto -. Hanno avuto problemi con il Covid, ma domani saranno in venti. Davanti hanno giocatori estrosi e rapidi, che possono fare male nell’uno contro uno. In mezzo al campo hanno giocatori forti fisicamente e qualitativamente, con geometrie importanti. E dietro hanno difensori di livello. Il Como è una squadra costruita per stare nei piani alti della classifica. Ripeto, sarà una partita dura e loro avranno grandi stimoli nel tornare a giocare. Dobbiamo stare attenti, perché dopo una lunga sosta la prima partita viene giocata a bomba dai calciatori“.

Non risultano squalificati da ambedue le parti, ma per gli ospiti risultano incerte le presenze di Simone Auriletto, Giovanni Bruzzaniti, Simone Emmanuello e Riccardo Secondo per via di problemi fisici. Arbitrerà Como-Pro Vercelli, in programma domenica alle 17:30, il signor Mario Saia di Palermo. Come assistenti ci saranno Antonio Lalomia di Agrigento e Vincenzo Madonia di Palermo, mentre il quarto uomo sarà Francesco Luciani di Roma 1.

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Marco Ballerini
Marco Ballerini
Un calcio al pallone, due tiri a canestro, una corsa nei boschi, una pedalata tra salite e discese, una nuotata nel mare, una sciata nel bianco, una pagaiata sul lago.. Sacrifici, sudore, fatica, passione, socialità, emozioni, obiettivi, traguardi.. Lo sport è sempre un ottimo pretesto per VIVERE e per sentirsi VIVI !!

Lascia un commento