Como-Lecco pazzerello, remuntada azzurra fermata sul più bello

como-lecco
il massimo della pizza banner

Incredibile partita al Sinigaglia per la terza giornata della Poule Scudetto. Como-Lecco finisce 3-3, con gli ospiti avanti di tre reti ma che rischiano la clamorosa beffa in pieno recupero sul colpo di testa di Borghese.

Ci permettiamo di esordire con una doverosa premessa. Con una partita disputata in serata, cosa non fattibile per la regola della contemporaneità, ci avrebbero guadagnato tutti. Avremmo potuto godere di una cornice ancora più bella rispetto comunque a una rispettabilissima fatta di oltre duemila persone. Non ci sarebbe stata una congestione del traffico così pesante dovuta all’arrivo al Sinigaglia dei tifosi lecchesi. Sta di fatto che, nonostante a passare il turno sia stata la squadra di Marco Gaburro, è valsa la pena essere presenti in questo caldo pomeriggio di mercoledì.

La squadra solleva la meritata coppa prima della partita Como-Lecco

Fase iniziale sostanzialmente di studio tra le due squadre, con un Como un po’ più propositivo e con il possesso palla più a suo favore. Occasione per Valsecchi al 10′ su cross dalla sinistra di De Nuzzo, il giocatore però impiegato oggi da mezzala spara alto con il piattone. Al 18′ Segato prova a sorprendere Bizzi su un calcio da fermo senza successo mentre l’estremo difensore provava a sistemare la sua difesa, cinque minuti più tardi disimpegno di testa errato di Corna nei piedi di Gentile, ma il tiro a giro del capitano viene bloccato senza problemi. Al 25′ Silvestro fa le prove generali per il suo gol personale con un tiro dal limite che termina alto, idem con patate per Gobbi con il mancino servito da Gabrielloni. Alla mezz’ora si sblocca il risultato: Anelli commette fallo da rigore su Silvestro, Segato spiazza Bizzi calciando alla sua destra. Nemmeno il tempo di riorganizzare le idee, che i lariani incassano il raddoppio al 36′ con un gran tiro sul secondo palo di Silvestro. Reazione comasca a firma Gabrielloni, tentativo addirittura dalla trequarti che esce di poco complice una deviazione avversaria. Prima dell’intervallo i padroni di casa rischiano di capitolare una terza volta, con i lecchesi che ripartono velocemente dopo una rimessa errata degli avversari. D’Anna serve al centro Silvestro, la difesa azzurra in qualche modo riesce a ribattere. Tutti negli spogliatoi con il risultato di Como-Lecco sul 0-2.

Uno scatto del primo tempo di Como-Lecco

Subito pericolosi i blucelesti in avvio, verticalizzazione di D’Anna per Dragoni, con Bizzi a rifugiarsi in angolo. Innocua punizione dal limite di Gentile al 51′, Fall gela ulteriormente i tifosi di casa qualche secondo dopo essere entrato al posto di D’Anna, indisturbato davanti a Bizzi non sbaglia il 0-3. Segato lascia in dieci i propri compagni per doppia ammonizione, l’inerzia della sfida inizia a cambiare. Alto il colpo di testa di Gabrielloni sul corner di Fusi, il n°9 si rifà tre minuti più tardi sulla ribattuta del tiro di Gentile da fuori area non trattenuto da Safarikas. Attaccante vicino al raddoppio al 66′, il suo colpo di testa sul traversone operato da Valsecchi si spegne sull’esterno della rete. Mister Banchini inserisce Cicconi per Sbardella, passando a un offensivo 4-2-4 per giocarsi il tutto per tutto. Contesa che si riapre al 71′: Gentile dai venticinque metri batte un Safarikas ancora non impeccabile. L’opportunità del pari arriva al 79′, quando Merli Sala atterra Gabrielloni in area di rigore. Sul dischetto si presenta inspiegabilmente Borghese, il n°12 si riscatta intuendone il tiro. Come farà anche all’87’ su Fusi, con il lariano abile da terra a girarsi e tirare. Chi si farà perdonare è anche Martino Borghese, quando a un minuto dalla fine insacca di testa il 3-3 sul corner calciato da Fusi. In pieno recupero Como che va vicinissimo a ribaltare completamente l’esito della gara, ancora con Borghese sull’angolo operato da Cicconi, Safarikas questa volta salva il risultato.

Annuncio Pubblicitario

La grande generosità mostrata anche oggi dalla squadra di Banchini non basta, gli applausi dei propri sostenitori sono in ogni caso meritati. Buone ferie e arrivederci in serie C, è il Lecco a proseguire nell’avventura tricolore di serie D. Nella final four farà compagnia ad Avellino, Pergolettese e Cesena.

COMO-LECCO  3-3  Marcatori: Segato (LC) al 31′ su rig., Silvestro (LC) al 36′, Fall (LC) al 57′, Gabrielloni (CO) al 63′, Gentile (CO) al 71′, Borghese (CO) al 89′

COMO 1907 (3-5-2): Bizzi 5.5, Sbardella 5.5 (dal 69′ Cicconi 6.5), Borghese 6, Anelli 5.5 (dal 64′ Bovolon 6), De Nuzzo 6 (dal 56′ Di Jenno 6), Gentile 6.5, Raggio Garibaldi 6, Valsecchi 6, Toninelli 6, Gobbi 6.5 (dal 51′ Fusi 6), Gabrielloni 6.5. A disp: Piccirillo, Celeghin, Loreto, Ferrari, Buono. All.: Banchini.

LECCO 1912 (4-3-3): Safarikas, Samake, Malgrati, Merli Sala, Corna (dal 87′ Draghetti), Segato, Pedrocchi (dal 82′ Ruiu), Dragoni, Silvestro (dal 60′ Moleri), Capogna (dal 75′ Carboni), D’Anna (dal 55′ Fall). A disp.: Jusufi, Nocerino, Lisai, Vai. All.: Gaburro.

Arbitro: Sig. Catanoso di Reggio Calabria.

NOTE – Anelli (CO), Borghese (CO), Toninelli (CO), Raggio Garibaldi (CO), Segato (LC), Fusi (CO), Gentile (CO), Dragoni (LC). Espulso Segato (LC) per doppia ammonizione al 62′. Corner 10-2. Minuti di recupero: 0′ e 5′ . Spettatori: 2172. Incasso: 30.900 Euro.

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail
Marco Ballerini
Marco Ballerini
Un calcio al pallone, due tiri a canestro, una corsa nei boschi, una pedalata tra salite e discese, una nuotata nel mare, una sciata nel bianco, una pagaiata sul lago.. Sacrifici, sudore, fatica, passione, socialità, emozioni, obiettivi, traguardi.. Lo sport è sempre un ottimo pretesto per VIVERE e per sentirsi VIVI !!

Lascia un commento