Como 1907 pone le basi per il futuro: Bellemo, Stadio e Mozzate

como 1907
[ethereumads]

Giorni di pianificazione per la prossima stagione del Como 1907. Rinnovato capitan Bellemo ma si lavora anche al di fuori dell’area tecnica.

Quello di giugno non è propriamente il mese nel quale il campo da gioco stimola le fantasie dei milioni di appassionati di calcio del nostro paese. I vari tornei hanno già emanato i verdetti e i giocatori possono finalmente godersi le meritate vacanze. Eppure sono settimane fondamentali per poter programmare la successiva annata: colloqui e sondaggi di mercato si susseguono rapidamente, per cercare di delineare parte della propria ossatura.

Ed è ciò che sta accadendo in casa Como 1907, dove si sta lavorando innanzitutto sui rinnovi contrattuali (per i nuovi arrivi bisognerà attendere di più). Come quello di Alessandro Bellemo, che ha esteso la sua permanenza in riva al Lario fino a giugno 2025. Indossata la fascia da capitano nel 2021/22, è stata una delle pedine inamovibili del team lariano nelle ultime tre stagioni. Insomma, gli ingredienti per diventare una vera e nuova bandiera del club di Viale Sinigaglia, un desiderio espresso dallo stesso recentemente, ci sono. Degno erede per ruolo, serietà ed etica del lavoro a colui che possiamo catalogare come ultima prima di lui: Andrea Ardito, che ha vestito i colori azzurri dal 1999 al 2002 e dal 2009 al 2015.

Alessandro Bellemo: “Mai stato così a lungo e felice come al Como 1907”

In attesa delle ufficialità riguardanti ulteriori estensioni di contratto in arrivo nei prossimi giorni e che riguarderanno altri componenti del nucleo storico (Matteo Solini, Tommaso Arrigoni e Alessio Iovine gli indiziati), i tifosi comaschi si godono quello del nativo di Chioggia.  “Un rinnovo che penso di essermi meritato ma non è così come scontata come cosa – le parole di Alessandro Bellemo -. Devo tanto a tutta la società, partendo dal Dg e finendo coi magazzinieri. Mi hanno dato tanto, ciò mi rende davvero felice. Tre anni fa, quando ero arrivato qua, ero un giocatore differente. Da allora ho imparato molto anche a livello umano e sono sicuro che si aspetteranno tante soddisfazioni“.

“Quest’anno ho avuto l’onore di scendere con la fascia da capitano e per me è stato motivo di grande orgoglio – ha proseguito poi il centrocampista centrale -. Un luogo oramai speciale, non mi era mai capitato di trascorrere così tanti anni in una squadra e di ritrovarmi così felice. Ciò mi fa pensare al futuro in una maniera differente e a pormi obiettivi sempre più alti. Quella appena trascorsa è stata un’annata forse irripetibile a livello di gol segnati, perciò spero nella prossima di confezionare un po’ di assist“.

Stadio si punta ad ampliare la capienza, Mozzate verso l’operatività a fine luglio

Un 2022/23 che, per quanto riguarda il gruppo di mister Gattuso, scatterà a inizio luglio. Presenziando alla festa organizzata in occasione dei 115 anni, sostenendo i vari esami e test di routine, partendo poi lunedì 4 luglio per il raduno in Valtellina. Come l’estate scorsa, infatti, il Como 1907 si recherà in quel di Bormio per poco più di due settimane. Sarà nuovamente ospite dell’Hotel Palace per quanto riguarda il soggiorno e del centro sportivo dell’Us Bormiese per quanto concerne le proprie sedute d’allenamento.

como 1907
Il manto erboso dell’Us Bormiese: in seguito il Como si sposterà a Mozzate

Una volta conclusosi il ritiro valtellinese, la prima squadra proseguirà la preparazione presso il centro sportivo di Mozzate, acquisito dalla società lariana nel giugno 2021. Buona parte dei lavori sono in via di conclusione, quelli quantomeno utili per ospitare dapprima la squadra maggiore e in seguito la Primavera.

Contestualmente, il club si attiverà per effettuare una serie di lavori anche allo Stadio Sinigaglia. Ciò permetteranno di ampliare la propria capienza dagli attuali 5000 ai 6700 posti. Di tempi precisi a riguardo la società non ne ha voluti dare, tuttavia la stessa ha fatto filtrare che con tutta probabilità saranno conclusi in tempo utile per la prima partita casalinga stagionale del competitivo torneo di B.

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Marco Ballerini
Un calcio al pallone, due tiri a canestro, una corsa nei boschi, una pedalata tra salite e discese, una nuotata nel mare, una sciata nel bianco, una pagaiata sul lago.. Sacrifici, sudore, fatica, passione, socialità, emozioni, obiettivi, traguardi.. Lo sport è sempre un ottimo pretesto per VIVERE e per sentirsi VIVI !!

Lascia un commento