Como 1907 cannibale, vittoria a Caronno e un nuovo record!

como 1907

Dimostra di non accontentarsi il Como 1907. Con la vittoria per 1-0 sul campo della Caronnese firmata Manuel Cicconi, conquista la media punti più alta nella storia della serie D.

Sempre più memorabile la stagione dei lariani, con il ventottesimo successo conquistato nell’ultima giornata del girone B di serie D contro la Caronnese dell’ex Achille Mazzoleni. Una vittoria che permette di battere il record detenuto dal Montichiari e che resisteva dal 1998-99, quella della media punti più alta da quando esiste la suddetta categoria e ora fissata in 2,62 punti per incontro. Mister di casa che ha provato a giocarsela con una sorta di 3-5-2, con Piraccini frequentemente arretrato sulla linea mediana, ma essenzialmente sia Caronnese che Como hanno giocato pensando anche ai rispettivi futuri impegni: i play-off e la Poule Scudetto.

como 1907
Le due formazioni prima del fischio iniziale

La prima azione da registrare della partita è al 2′, quando Cicconi con una punizione dalla trequarti trova Gentile, colpo di testa che termina dolcemente tra le mani di Barlocco. Pochi secondi più tardi, su un cross dal fondo di Corno, sono Raggio Garibaldi e Ferrari a rischiare l’autorete spedendo la sfera in corner. E l’8′ quando capitan Gentile impegna su un calcio da fermo di seconda Barlocco con la respinta, mentre al 17′ arriva il vantaggio degli azzurri. Verticalizzazione di Gobbi per Cicconi, tiro del n°10 non trattenuto dal n°1 locale per il provvisorio 0-1. Da qui fino al termine del primo tempo succederà francamente poco. I lariani cercano di non abbassare il baricentro continuando a pressare come loro solito, provandoci con Gobbi al 39′ quando un suo tiro a giro dal limite termina di poco alto. Un minuto più tardi ammonizione per Ferrari che ferma la ripartenza di Di Munno con una strattonata, il Como 1907 va dunque al riposo in vantaggio di una rete.

como 1907
I comaschi dopo il gol di Cicconi

Canovaccio che non cambia di molto nella ripresa. Gabrielloni si guadagna al 61′ una punizione al limite, a provarci è Borghese con Barlocco che para senza problemi il tiro centrale. Ottimo spunto quello di Gobbi tre minuti più tardi, con un potente diagonale deviato in angolo dall’estremo difensore rossoblu. Palla filtrante di Gabrielloni al 72′ per Bovolon, bravo Barlocco in uscita a respingerne la conclusione. Al 78′ diatriba Gentile-Borghese su chi incaricarsi di un calcio piazzato fuori area, è ancora il secondo a ritentarci con un tentativo di precisione che esce di poco. Al 92′ ultima occasione del match, questa volta di marca locale: traversone di Piraccini dalla destra verso sinistra, il pallone termina sui piedi di Spampatti  il quale però non inquadra lo specchio della porta calciando alto.

Annuncio Pubblicitario

Dopo cinque minuti di recupero, arriva il triplice fischio finale della signora Molinaro di Lamezia Terme che decreta l’affermazione della truppa di Banchini. Ora testa alla poule scudetto, dove nel triangolare degli azzurri ci saranno i cugini del Lecco e i veneti dell’Arzignano Valchiampo. L’appetito vien mangiando, si dice così no?

CARONNESE – COMO 1907 0-1  Marcatori: Cicconi (CO) al 17′

CARONNESE (3-5-2): Barlocco, Manti, Braccioli, Mandracchia (dal 70′ Spampatti), Baldo, Piraccini, Di Munno, Barbera (dal 62′ Cazzaniga), Roveda, Corno (dal 79′ Villanova), Ciceri (dal 62′ Pittarello). A disp.: Beretta, Gattoni, Rinaldi. All.: Mazzoleni.

COMO 1907 (3-5-2): Bizzi 6, Ferrari  6 (dal 58′ Buono 6), Borghese 6.5, Anelli 6.5 (dal 53′ Sbardella 6), Di Jenno 6.5, Gentile 6.5, Raggio Garibaldi 6.5, Cicconi 7 (dal 62′ Bovolon 6), Toninelli 6.5, Gobbi 7.5 (dal 71′ Fusi 6), Gabrielloni 6. A disp.: Piccirillo, De Nuzzo, Celeghin, Loreto, Dell’Agnello. All.: Banchini 7.

Arbitro: Sig.ra Molinaro di Lamezia Terme.

NOTE – Ammoniti: Ferrari (CO), Borghese (CO), Raggio Garibaldi (CO), Manti (CA). Corner 4-4. Minuti di recupero: 0′ e 5′.

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Marco Ballerini
Marco Ballerini
Un calcio al pallone, due tiri a canestro, una corsa nei boschi, una pedalata tra salite e discese, una nuotata nel mare, una sciata nel bianco, una pagaiata sul lago.. Sacrifici, sudore, fatica, passione, socialità, emozioni, obiettivi, traguardi.. Lo sport è sempre un ottimo pretesto per VIVERE e per sentirsi VIVI !!

Lascia un commento