Cesc Fàbregas avvia il post Longo, ad interim o qualcosa di più?

cesc fàbregas
[ethereumads]

Spetterà quantomeno inizialmente a Cesc Fàbregas guidare il Como dopo l’esonero di Moreno Longo. Ma probabile non sia una scelta temporanea.

Correva la penultima settimana d’agosto quando, a distanza di poche ore dalla rovinosa caduta lagunare, identificammo una specie di deadline sulle sorti dell’ormai ex allenatore della squadra lariana. Fissata in concomitanza con la seconda pausa di campionato, entro la quale Longo e ragazzi avrebbero dovuto vincere e convincere in virtù delle sbandierate grandi ambizioni dell’alta dirigenza azzurra.

Ci siamo sbagliati, perché al mister 47enne è stata data la possibilità di farlo fino alla terza sosta. Poi i rumors circolati nella serata di domenica e confermati nella mattinata seguente da un comunicato ufficiale societario. Una scelta, quello del cambio della guida tecnica, che ha destato clamore soprattutto per le tempistiche: 7 punti nelle ultime tre gare (di cui due in trasferta) e con la possibilità addirittura di issarsi al terzo posto in caso di successo nel recupero contro il Lecco. E che ricorda moltissimo l’avvicendamento fra Banchini e Gattuso: stesso numero di punti, una posizione di differenza (era quinto il Como ai tempi) e sempre con un match in meno rispetto alle altre. Insomma, almeno affidandosi a tale precedente, ci sarebbe di che essere ottimisti.

Molto meno nella sostanza però. Perché la principale motivazione all’origine di questa lucida (e vorremmo ribadirlo, lucida) follia, secondo le parole di Mirwan Suwarso diffuse sui canali societari, è quello della mancanza di un gioco piacevole. Una carenza che, guarda caso, si è manifestata soprattutto (ma non solo) nelle sfide al vertice con Venezia, Cremonese e Parma. Contro tre dirette concorrenti alla promozione in A, obiettivo ricordiamo fissato dalla proprietà, sono arrivate altrettante sconfitte.

cesc fàbregas
Dopo poco più di un anno termina l’esperienza sulla panchina azzurra di Moreno Longo

Insomma, probabilmente una decisione già maturata da almeno una quindicina di giorni ma che potrebbe avere radici ben più profonde. Addirittura all’estate 2022, quando il club ultracentenario sfoderò un autentico colpo mediatico ingaggiando Cesc Fàbregas. Ed è noto, il catalano accettò tale proposta anche grazie alla prospettiva di avviare la carriera da allenatore proprio sul Lario.

Dopo aver testato le proprie capacità al Tst Tournament in North Carolina lo scorso giugno, all’ex stella di Barcellona e Arsenal è stata affidata la guida della Primavera 2. Risultato? Dopo otto gare settimo posto provvisorio in classifica con 12 punti, ottenuti attraverso 3 vittorie, 3 pareggi e 2 sconfitte. Ora il compito, stante quanto recita il comunicato, di traghettare la prima squadra dall’allenamento di mercoledì in attesa del nuovo successore di Longo.

Ma sarà realmente una funzione che si esaurirà a breve? Da un lato il fatto che Cesc Fàbregas debba ancora conseguire il patentino d’allenatore ne avvalora la tesi. Attenzione però, è necessario anche per allenare i team Primavera. Dall’altro si tratterebbe di un impedimento che volendo si potrebbe in qualche modo aggirare. Sono sempre più frequenti i casi, anche nel mondo professionistico, in cui si affianca al cosiddetto “novello” un altro tecnico invece in possesso della licenza Uefa.

Ecco che quindi la mossa da parte della società di Viale Sinigaglia potrebbe essere quella di propendere per una guida a due teste. E perché no, magari attraverso un nome particolarmente noto a livello internazionale, verosimilmente straniero, così da alimentare ulteriormente la notorietà del brand Como. Aspetto tanto caro alla proprietà, che mira periodicamente ad ottenere un certo eco mediatico.

Ecco, noi crediamo a quest’ultima come ipotesi più plausibile. Anche perché che senso avrebbe incaricare Cesc Fàbregas di dirigere gli allenamenti per pochi giorni quando potrebbe farlo tranquillamente qualcun’altro già all’interno della struttura come per esempio Bircham (a proposito, dotato di Licenza Pro Uefa)? Di sicuro non dovremo attendere troppo per scoprirlo, dato che entro il 25 novembre bisognerà avere sotto contratto il nome di una persona spendibile come mister. In ogni caso, già nelle prossime ore si dovrebbe conoscere il destino dei collaboratori di Moreno Longo, che naturalmente appare segnato.

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Marco Ballerini
Un calcio al pallone, due tiri a canestro, una corsa nei boschi, una pedalata tra salite e discese, una nuotata nel mare, una sciata nel bianco, una pagaiata sul lago.. Sacrifici, sudore, fatica, passione, socialità, emozioni, obiettivi, traguardi.. Lo sport è sempre un ottimo pretesto per VIVERE e per sentirsi VIVI !!

One thought on “Cesc Fàbregas avvia il post Longo, ad interim o qualcosa di più?

Lascia un commento