Centro Sportivo Orsenigo, dall’arrivederci all’addio: non è del Como

centro sportivo orsenigo
il massimo della pizza banner

Ora è praticamente certo. Dopo essere stato sottratto al club dalla S3C, il Centro Sportivo Orsenigo non tornerà sede degli allenamenti degli azzurri. E’ stato aggiudicato ad altri nella terza asta fallimentare.

Chissà come si sentirà oggi Mario Beretta da lassù, presidente della squadra azzurra per sette stagioni non ininterrottamente. Lo storico impianto di allenamenti del Calcio Como, costruito nel 1980 e che portava il suo nome scolpito su una targa all’ingresso, ha conosciuto un nuovo proprietario dopo quasi due anni di totale e inevitabile abbandono.

centro sportivo orsenigo

Chi si possa celare ufficialmente dietro all’acquisto per ora non è dato saperlo, per prassi bisogna aspettare i trenta giorni successivi all’aggiudicazione. Anche perché il forte indiziato non ha né confermato né smentito la voce. Di per sé già qualcosa, ma non sufficiente. Si tratterebbe della Eldor Corporation Spa, multinazionale leader nel settore Automotive, che conta oltre 3000 collaboratori e 14 location in tutto il mondo (con un fatturato annuo di oltre 250 milioni di Euro). Con la sua sede legale che dista proprio a due passi dal Centro Sportivo Orsenigo.

Con buona probabilità, quindi, la struttura non sarà più adibita all’utilizzo sportivo. Il primo tentativo di vendita sulla base d’asta di 1.900.000 Euro era andato a vuoto, così come il secondo stabilito a 1.425.000 Euro. Fino al terzo, ribassato a 1.060.000 Euro (con offerta minima a 795.000 Euro) nel quale ha trovato l’interesse di più soggetti che si sono sfidati a colpi di rialzi soprattutto dopo la scadenza odierna delle ore 12 (era prevista un auto estensione di 5 minuti).

Annuncio Pubblicitario

Ciò che è sicuro, è che non sarà di proprietà della società calcistica lariana, ma nemmeno della vociferata Inter, con quest’ultima in cerca di un impianto per la propria formazione femminile alternativo al Centro di Formazione Suning tra Niguarda e Bresso (dopo essere passata anche da Sedriano). Da nessuna delle due è arrivato il tanto atteso comunicato.

D’altronde, la nuova dirigenza comasca (che verrà con tutta probabilità presentata il 9 maggio) nel nome del suo Ceo Michael Gandler, nel corso del suo incontro con la stampa prima del match contro il Sondrio , non aveva negato l’interesse ma nemmeno aveva fatto traspirare la volontà di accaparrarsi a tutti i costi il Centro Sportivo Orsenigo. La linea adottata è stata perciò molto chiara e già enunciata più volte nei giorni precedenti: nessuna spesa folle e assoluta accuratezza nell’investimento immobiliare.

centro sportivo orsenigo
Michael Gandler, Ceo del Como 1907

Si perché, come vi avevamo anticipato fin dalle prime ore dell’acquisizione del club da parte della Sent Entertainment Ltd, l’intenzione per la sede degli allenamenti era quella di guardarsi approfonditamente in giro. Adocchiando non soltanto strutture sportive già realizzate o da ammodernare, ma perché no, magari costruendone una ex novo. Bisognerà quindi pazientare ancora tre settimane per scoprire più nel dettaglio il piano strategico della nuova dirigenza, che avrà al proprio centro anche la questione legata allo stadio Giuseppe Sinigaglia. Il rilancio e i ricavi del nuovo Como, attraverso più canali, potrebbero passare soprattutto da qua.

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Redazione
Redazione
Informati Vinci Sostieni Spazio Sport Web Brianzolo & Comasco
http://www.wincantu.it

Lascia un commento