Carlalberto Ludi: “Io e Gandler la stessa visione del calcio”

carlalberto ludi
il massimo della pizza banner

Presentato oggi presso lo stadio Sinigaglia il nuovo Ds del Como. Carlalberto Ludi positivo sulla conferma di mister Banchini, nei prossimi giorni colloqui con i giocatori per poter capire da chi ripartire.

Una carriera da calciatore in tutte le categorie professionistiche, un diploma da 110 e lode come direttore sportivo e la capacità di saper entrare in punta di piedi. E’ questo un brevissimo identikit di Carlalberto Ludi, conosciuto ai più per aver vestito per dieci anni la maglia del Novara diventandone anche capitano. Società nella quale ha anche maturato la sua prima esperienza da dirigente: dapprima come responsabile tecnico dell’Under 19, poi nelle vesti di Ds nella stagione appena conclusa, prima di rassegnare le proprie dimissioni dopo il ko contro il Cuneo a metà marzo.

Un atto di grande onestà quello compiuto dal 36enne in terra piemontese, che si è sentito in dovere di dare un messaggio importante alla sua squadra visti i risultati non propriamente positivi. E l’impressione di aver a che fare con una persona umile, è emersa anche durante la conferenza di presentazione odierna. “Sarei venuto lo stesso in caso di D? Diciamo che a quel punto sarei stato io a chiedere alla società se potevo essere adatto per un campionato del genere. Ogni categoria ha la sua specificità e bisogna sapere come muoversi”. E’ la risposta del mantovano a una domanda della stampa, dato che i contatti tra lui e Gandler hanno iniziato ad alimentarsi circa un mese e mezzo fa per delle conoscenze in comune.

centro sportivo orsenigo
Michael Gandler, Ceo del Como 1907

Una filosofia che sembra sposarsi perfettamente con quella del Ceo azzurro. “La sua gestione manageriale riguarderà sia la prima squadra che il settore giovanile – esordisce Gandler – Costituirà un esempio per tutti sia all’interno che all’esterno del rettangolo di gioco. Oltre per la sua vasta esperienza nel professionismo, lo abbiamo preso anche per la sua passione e credibilità”.

Annuncio Pubblicitario

Condivisione totale delle scelte con l’allenatore, responsabilizzazione del gruppo, relazione ed empatia con i giocatori. E’ questa la ricetta di Carlalberto Ludi che parla anche di un club che dovrà avere una  responsabilità sociale nei confronti del territorio e degli atleti più giovani, con l’obiettivo stimato in tre anni della promozione in B.

La prima stagione, a detta sua, dovrà essere vista più che altro nell’ottica conoscitiva e di crescita. I prestiti di promesse da società di serie A dovranno essere considerati come dei valori aggiunti importanti anche senza la restrizione degli over. In linea di massima c’è l’accordo per poter proseguire con mister Banchini (andranno a quanto pare definiti soltanto i dettagli), mentre per capire quanti giocatori riconfermare della squadra dei record, bisognerà prima procedere con dei colloqui individuali in questi giorni.

carlalberto ludi
Mister Banchini sempre più in odor di rinnovo

Un focus importante sarà riservato anche al settore giovanile, con l’obiettivo di investirci in maniera decisa nel medio periodo. A tal proposito tra la fine di questa settimana e l’inizio della prossima, si dovrebbero sapere i nomi di responsabili e allenatori. L’obiettivo è quello di avere tutte le categorie anche se non c’è l’obbligatorietà.

La conferenza odierna è stata anche l’occasione per capire eventuali sviluppi riguardante la questione centro sportivo. Ebbene, al momento non si registra nessuna novità in particolare, ma certamente per la prossima annata non sarà possibile far lavorare nello stesso complesso prima squadra e settore giovanile. La campagna abbonamenti dovrebbe partire nel giro di un paio di settimane, mentre da definire anche in base alle esigenze dell’allenatore, data e sede del ritiro estivo.

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Marco Ballerini
Marco Ballerini
Un calcio al pallone, due tiri a canestro, una corsa nei boschi, una pedalata tra salite e discese, una nuotata nel mare, una sciata nel bianco, una pagaiata sul lago.. Sacrifici, sudore, fatica, passione, socialità, emozioni, obiettivi, traguardi.. Lo sport è sempre un ottimo pretesto per VIVERE e per sentirsi VIVI !!

Lascia un commento