Calcio Lecco strappa il pari al Sinigaglia, il Como non sfonda

calcio lecco
[ethereumads]

Senza reti il “derby del lago” fra Como 1907 e Calcio Lecco, ma gli ospiti ai punti avrebbero meritato qualcosina di più: due legni per loro.

Un derby che forse non varrà un’intera stagione ma quantomeno rischiava di indirizzarla. Como e Lecco si sono ritrovate difronte questa sera in occasione del recupero del terzo turno di serie B 2023/24 e lo hanno fatto entrambe con dinnanzi uno scenario particolarmente interessante in caso di vittoria: con essa gli azzurri sarebbero divenuti i primi inseguitori del duo di testa, i blucelesti invece per la prima volta da inizio torneo fuori dalla zona calda.

E invece ne è nato un pareggio, comunque non disprezzabile soprattutto per gli ospiti. Che hanno si offerto qualcosa di meno rispetto agli avversari per quanto concerne il gioco, ma che hanno avuto le due chance più ghiotte sui loro piedi: Crociata nel primo tempo ha colpito il palo (decisivo però il leggero tocco di Semper), Caporale l’incrocio dei pali nel secondo. Lariani più convincenti sul piano del gioco (57% di possesso palla) rispetto al match contro la Feralpisalò ma anche meno concreti.

A distanza di tre giorni dall’ultima uscita, turn-over si ma con moderazione su entrambi i fronti. Per Fàbregas le novità si chiamano Sala, Abildgaard e Chajia, che prendono il posto rispettivamente di Ioannou, Baselli (squalificato) e Iovine. Di conseguenza anche il modulo non è lo stesso di sabato, diventato un 4-2-3-1. Per Bonazzoli-Malgrati invece l’unica variazione riguarda Lemmens al posto di Buso, con Lepore spostato a fare l’esterno offensivo.

Come si presentava la curva di casa durante il derby fra Como 1907 e Calcio Lecco 1912
Come si presentava la curva di casa durante il derby fra Como 1907 e Calcio Lecco 1912

La partita

Squadre particolarmente guardinghe a inizio gara, tuttavia i primi due tentativi verso la porta avversaria saranno locali. Da Cunha al 6′ ci prova dal vertice destro dell’area con il mancino, tentativo centrale. Così come Chajia dal limite dopo un ubriacante doppio passo. Interessante schema d’angolo al quarto d’ora degli azzurri, alto il colpo di testa di Barba sulla palla morbida messa in mezzo dal compagno franco-portoghese.

Primo squillo ospite al 24′, tuttavia Crociata da fondo campo non riesce a inquadrare lo specchio. Verdi resiste alla carica di Sersanti, si incunea in area e calcia in diagonale ma non angolatissimo, Saracco c’è. Alla mezz’ora brivido per i supporters lariani, quando Crociata colpisce il palo sugli sviluppi di una punizione e con Lemmens incredibilmente a fallire con il mancino a porta praticamente sguarnita. Successivamente deviazione aerea larga di Ionita su traversone di Sersanti, esterno della rete invece per Sala. Sul fondo invece il sinistro al volo di Cutrone sul lancio di Verdi, così Como e Lecco vanno al riposo a reti inviolate.

I giocatori lecchesi prima del fischio d’inizio salutano i propri tifosi

Ripresa che si apre subito con un’opportunità per i comaschi, con un diagonale di Cutrone fuori di poco sulla verticalizzazione di Verdi. Qualche minuto più tardi Da Cunha perde l’attimo per concludere, ne nasce un insidioso contropiede lecchese sul quale Semper respingerà coi piedi il sinistro di Novakovich. Fàbregas prova a mischiare le carte al 62′ mettendo sul rettangolo verde Gabrielloni, Kone e Iovine, seppur mantenendo inalterato l’assetto. E sarà proprio il bomber jesino a fornire il retropassaggio alla punta di Paré, tiro sul secondo palo dalla trequarti che non esce di molto.

E’ Chajia a guadagnarsi un’interessante punizione per fallo di Sersanti, di poco alta l’esecuzione di Kone. Tre minuti più tardi un nuovo brivido lungo la schiena dei tifosi azzurri: corner di Lepore e Caporale che di testa colpisce in pieno l’incrocio. E’ invece Buso a non approfittare di un’imprecisione aerea di Curto all’86’, agevolando il compito dell’estremo difensore croato con una conclusione centrale. In pieno recupero padroni di casa che rischieranno ancora qualcosina sulla mezza girata del neo entrato Eusepi su assist di Giudici, bloccato però da Semper.

Sette minuti addizionali non alterano il punteggio del match, che termina senza vincitori né vinti. Con questo punto il Como si ritrova in ogni caso terzo ma a pari merito con la Cremonese a -2 dalla vetta, Calcio Lecco invece che aggancia l’Ascoli in quintultima piazza. Ora lariani attesi domenica prossima dalla trasferta a Bolzano contro il Sudtirol.

COMO 1907 – CALCIO LECCO 1912  0-0 

COMO 1907 (4-2-3-1): Semper 7; Curto 6, Odenthal 6,5, Barba 7, Sala 6 (dal 78′ Ioannou 5,5); Bellemo 6 (dal 62′ Kone 6), Abildgaard 6; Da Cunha 6 (dal 62′ Iovine 6), Verdi 6,5 (dal 62′ Gabrielloni 6), Chajia 6,5 (dall’85’ Cerri sv); Cutrone 6. A disp.: Vigorito, Solini, Blanco, Rispoli, Vignali, Cassandro, Mustapha. All.: Fàbregas 6.

LECCO (4-3-3): Saracco 6,5; Lemmens 5 (dall’81’ Giudici 6), Celjak 6,5, Bianconi 7 (dal 70′ Marrone 6), Caporale 6,5; Degli Innocenti 6 (dal 75′ Buso 5,5), Sersanti 6,5, Ionita 6; Lepore 6,5, Novakovich 5,5 (dal 70′ Eusepi 5,5), Crociata 6,5. A disp.: Bonadeo, Todini, Battistini, Pinzauti, Boci, Di Stefano, Agostinelli, Galli. All.: Bonazzoli 6,5.

Arbitro: Sig. Rapuano di Rimini 6.

NOTE – Kone (CO), Sersanti (LE), Crociata (LE), Gabrielloni (CO). Corner 3-2. Recupero 1′ e 7′. Spettatori totali 5847, di cui 3164 abbonati e 233 ospiti.

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Marco Ballerini
Un calcio al pallone, due tiri a canestro, una corsa nei boschi, una pedalata tra salite e discese, una nuotata nel mare, una sciata nel bianco, una pagaiata sul lago.. Sacrifici, sudore, fatica, passione, socialità, emozioni, obiettivi, traguardi.. Lo sport è sempre un ottimo pretesto per VIVERE e per sentirsi VIVI !!

Lascia un commento