Brunori, Ranocchia, Di Francesco: Palermo cinico, preso il Como

Matteo Brunori
[ethereumads]

Al Barbera a giocare sono i lariani, ma a segnare ci pensano rosanero. Brunori, Ranocchia e Di Francesco in gol nel 3-0 del Palermo sul Como.

Uno scontro diretto che poteva sicuramente rivelare tanto, ma non certamente tutto. Con ancora tredici partite e ben trentanove punti a disposizione, quella odierna valevole per il venticinquesimo turno di B 2023/24, era una sfida dal grande fascino ma non ancora decisiva per il cammino di Palermo e Como. Nonostante ciò, era un incontro con una buona fetta d’importanza a livello psicologico specialmente per i padroni di casa: perdere contro i lariani poteva significare scivolare a -6 dalla promozione diretta.

Per evitare di andare incontro a questa situazione, Eugenio Corini ha variato il minino il suo undici iniziale rispetto alla trasferta del week-end scorso contro la Feralpisalò: dentro Aurelio come terzino sinistro al posto dell’infortunato Lund e il recuperato Gomes in mezzo al campo a discapito di Stulac. Squadra che vince non si cambia invece per Osian Roberts, che ha deciso di riproporre la medesima formazione vista il contro il Brescia nonostante il poco brillante 1-0 finale.

Ma soprattutto per scongiurare un sanguinoso ko, l’allenatore dei rosanero ha optato per un atteggiamento molto guardingo. L’iniziativa del gioco è stata infatti lasciata prevalentemente agli azzurri, che si sono distinti con un 67% finale di possesso palla. Parlano chiaro anche i dati dei tiri totali e dei corner, nettamente a favore dei comaschi: rispettivamente 17-7 e 8-0. Tutto ciò però non è bastato al Como contro un attento e ancor più cinico Palermo, capace di sbloccarla alla prima azione da gol con Brunori al 35′. Azzurri sfortunatissimi, privati per infortunio nel primo tempo dapprima di Baselli e poi del suo sostituto Kone, i migliori fra gli ospiti fino al momento della loro sostituzione. Nella ripresa a chiudere i giochi Ranocchia e Di Francesco.

La partita

Lariani che approcceranno con grande personalità a questo match, tenendo in mano il gioco nelle battute iniziali e rendendosi autori dei primo tentativi di giornata, con un tiro a giro di Gabrielloni largo su lancio in profondità di Baselli e una conclusione centrale di Bellemo. Centrocampista bresciano tuttavia costretto ad abbondare anzitempo per infortunio il rettangolo di gioco, al suo posto Kone. Destro invece sul fondo per Strefezza su passaggio di Da Cunha, fuori di poco invece la punizione di Verdi eseguita dal vertice destro dell’area.

Rete annullata a Gabrielloni alla mezz’ora per off-side su una grande verticalizzazione di Kone, i siciliani si affacciano in attacco per la prima volta al 35′ e fanno subito male: traversone dalla destra di Di Mariano, Brunori si infila a metà fra Barba e Goldaniga castigando Semper con il piattone destro. Reazione immediata da parte degli azzurri, ci prova Kone in transizione con un diagonale sventato però da Pigliacelli. Brunori troverà una seconda volta la via del gol ma questa volta si presenterà sul tap-in (tiro di Di Francesco) in chiara posizione di fuorigioco. Punta di casa che qualche secondo più tardi non inquadrerà lo specchio della porta dopo la respinta a una mano del portiere croato sulla conclusione di Ranocchia, prima dell’intervallo calcio da fermo alto di Verdi mentre più insidiosa quello a tagliare di Ranocchia, estremo difensore ospite però attento, rosanero al riposo avanti.

brunori
Matteo Brunori, rete più assist per il n° 9

Ripresa che si avvia subito con una nuova occasionissima per i locali, tuttavia Gomes rifiuta il tiro in porta per servire Di Francesco sull’imbucata di Ranocchia. Azzurri che provano a rifarsi vivi in attacco al 56′, stop di petto di Abilgaard e mancino da fuori area che non si spegnerà di molto sul fondo alla sinistra di Pigliacelli. Formazione di Corini che troverà il 2-0 al 64′: la firma sarà di Ranocchia (alla sua terza rete in quattro partite), approfittando del tentativo di allontanamento di Goldaniga sul cross dalla destra di Di Mariano.

Questa volta gli ospiti accusano il colpo e a nulla servirà il triplice cambio operato da Roberts cinque minuti più tardi, quando Ballet, Chajia e Nsame sostituiranno rispettivamente Curto, Verdi e Gabrielloni. Anzi saranno proprio i palermitani a trovare nuovamente la via del gol, grazie a un bello schema su palla inattiva: “scucchiaiata” di Brunori a favore di Di Francesco partito da dietro e sinistro che infilerà Semper. Ultima discreta occasione del pomeriggio sui piedi di Strefezza, destro dal limite deviato in corner dal portiere di casa.

Con un recupero giustamente più breve rispetto alla frazione precedente, va in archivio la sfida fra Palermo e Como 1907. Con questa vittoria i rosanero agganciano i rivali di giornata in terza piazza e a -1 dalla Cremonese seconda, in attesa del posticipo di domani fra Venezia e Modena. Sabato prossimo i lariani ritorneranno al Sinigaglia per ospitare il Parma, capolista che ha ulteriormente allungato il proprio vantaggio grazie al 3-2 nei confronti del Pisa.

PALERMO FC – COMO 1907  3-0  Marcatori: Brunori (PA) al 35′, Ranocchia (PA) al 64′, Di Francesco (PA) all’83’

PALERMO FC (4-3-3): Pigliacelli 6,5; Diakité 6,5, Nedelceauru 7, Ceccaroni 6,5, Aurelio 6,5; Ranocchia 7,5 (dal 72′ Coulibaly 6), Gomes 6, Segre 6,5 (dal 91′ Traoré sv); Di Mariano 7 (dal 72′ Vasic 6), Brunori 7,5 (dall’87’ Soleri sv), Di Francesco 7 (dall’87’ Insigne sv). A disp.: Nespola, Kanuric, Stulac, Mancuso, Marconi, Buttaro, Henderson. All.: Corini 7,5.

COMO 1907 (4-2-3-1): Semper 5,5; Curto 6 (dal 69′ Ballet 6), Goldaniga 5,5, Barba 5, Ioannou 5,5; Bellemo 5,5, Baselli 6,5 (dal 19′ Kone 7 e dal 45+3′ Abildgaard 6); Strefezza 5,5, Verdi 5,5 (dal 69′ Chajia 5,5), Da Cunha 6; Gabrielloni 6 (dal 69′ Nsame 5,5). A disp.: Bolchini, Sala, Iovine, Gioacchini, Odenthal, Braunoder, Cassandro. All.: Roberts 5,5.

Arbitro: Sig. Aureliano di Bologna 6.

NOTE –  Ammoniti: Bellemo (CO), Curto (CO), Di Mariano (PA), Ballet (CO). Corner 0-8. Recupero: 8′ e 4′. Espulso l’assistente del Como Guindos al 43′. Osservato un minuto di silenzio in memoria delle vittime del cantiere di via Mariti a Firenze.

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Marco Ballerini
Un calcio al pallone, due tiri a canestro, una corsa nei boschi, una pedalata tra salite e discese, una nuotata nel mare, una sciata nel bianco, una pagaiata sul lago.. Sacrifici, sudore, fatica, passione, socialità, emozioni, obiettivi, traguardi.. Lo sport è sempre un ottimo pretesto per VIVERE e per sentirsi VIVI !!

4 thoughts on “Brunori, Ranocchia, Di Francesco: Palermo cinico, preso il Como

  1. Giorgio Gherardi lungi da me accampare scusanti.. però dai quando nello stesso tempo si fanno male i tuoi due migliori giocatori e per giunta nel medesimo ruolo… Una parte di imponderabilità c’è stata

  2. Marco Ballerini ma Baselli ha fatto sempre3 4 partite l’anno……non di più……kone’? Chi è? È sempre in infermeria…….da inizio campionato!!!!! Di su!!!!! Mercato sbagliato……da incompetenti!!!! Poi il resto lo mette il fenomeno Fabregas…….tren10 e chi cazzo corre???????? Che tristezza……e non sarà l’ultima……che buoni a nullaaaaa

Lascia un commento