Zakarya Salmi tiene a galla a metà i suoi, poi tsunami Briantea

zakarya salmi
[ethereumads]

Equilibrio fino al riposo fra Cantù e Reggio Calabria, grazie a un ispirato Zakarya Salmi. Nella ripresa dilaga UnipolSai però, finisce 82-53.

Il massimo campionato di basket in carrozzina ha già fatto il giro di boa della regular-season 2022/23, con la prima giornata di ritorno che si è disputata quest’oggi. Fra i sei match in programma, equamente suddivisi fra girone A e B, anche quello del PalaMeda che vedeva l’UnipolSai Cantù contrapposta alla Farmacia Pellicanò Reggio Calabria. Una compagine, quella ospite, che aveva destato una buona impressione nella partita di andata.

Conferme delle capacità del team di coach Cugliando che sono giunte anche poche ore fa, seppur parzialmente. Si perché i calabresi sono riusciti a restare decisamente in gara fino all’intervallo, salvo poi spegnersi nella ripresa complici alcune difficoltà in attacco (solo sei punti realizzati nell’ultimo quarto). Non è così bastata la buona prova di un incisivo Zakarya Salmi, che con i suoi canestri ha mantenuto a lungo a contatto i suoi con i quotati avversari. Sono stati 18 in tutto i punti per lui, ancora meglio ha fatto un Pongsakorn Sripirom uscito alla distanza, con 23 punti in tutto. Fra i locali il solito Filippo Carossino con 26 punti e 9 assist, ottimo anche Jack Geninazzi con una doppia doppia fatta da 20 punti e 11 rimbalzi.

La partita

Sfida che si aprirà con due triple frontali consecutive da parte di Carossino e altrettante perse da parte degli ospiti, che costringeranno coach Cugliandro a rifugiarsi immediatamente in un time-out sul 6-0. Al ritorno sul parquet proseguono le palle gettate al vento dai calabresi, ma due tiri dalla media di Salmi faranno entrare finalmente in gara la Farmacia Pellicanò (8-6). Parziale di 9-0 targato Briantea84, che in concomitanza del tiro dai 6,75 metri di De Maggi scapperà sul 17-6. Di Salmi il canestro del 21-15 al termine del primo periodo.

In apertura di secondo UnipolSai che tocca il +13 con un tiro dalla media di Carossino, ma il solito Salmi in allontanamento prima e di tabella poi suggeriranno a coach Jaglowski di fermare tutto sul 30-22. De Maggi vola in contropiede su assist di Carossono per il ritrovato +11, ma due giochi da tre punti confezionati da Zakarya Salmi consentono a Reggio Calabria di avvicinarsi minacciosamente sul -2. Di Santorelli a fil di seconda sirena l’appoggio del 39-35 con il quale le due formazioni andranno al riposo.

zakarya salmi
Elisabetta Bisegna, classe 2003 in prestito a Cantù da Giovani e Tenaci (foto Briantea84)

Al rientro in campo due canestri consecutivi di De Maggi per il momentaneo 43-35, poi è lo stesso n° 26 dalla media a ripristinare la doppia cifra di vantaggio per i brianzoli. Sripirom dalla media trova il -6, ma i 2+1 da parte di De Maggi e Carossino ampliano nuovamente la forbice sul 57-45. Nel finale di quarto 6-0 impacchettato dai canturini con Geninazzi e due liberi di Santorelli, quando mancano ancora dieci minuti di gioco alla fine parziale sul 65-49.

E’ Sriprirom in contropiede a inaugurare l’ultima frazione, prima di un nuovo e importante break di 12-0 da parte dei padroni di casa, di Carossino in allontanamento il 77-51. Coach Cugliando ci parla sopra per l’ultima volta, mentre Jaglowski nelle battute conclusive butta nella mischia i suoi giovani. Bassoli dalla media e a centro area, negli ultimi secondi ingresso anche per Elisabetta Bisegna, neo acquisto dell’UnipolSai. Incontro del PalaMeda che dunque va in archivio sul punteggio di 82-53, impianto che sarà anche teatro della Supercoppa Italiana il 17 dicembre fra Briantea84 e Amicacci Abruzzo.

UNIPOLSAI BRIANTEA84 CANTU’ – FARMACIA PELLICANO’ REGGIO CALABRIA 82-53  (21-15, 14-20, 26-14, 17-4)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Marco Ballerini
Un calcio al pallone, due tiri a canestro, una corsa nei boschi, una pedalata tra salite e discese, una nuotata nel mare, una sciata nel bianco, una pagaiata sul lago.. Sacrifici, sudore, fatica, passione, socialità, emozioni, obiettivi, traguardi.. Lo sport è sempre un ottimo pretesto per VIVERE e per sentirsi VIVI !!

Lascia un commento