Silvia Galimberti teorizza il modello Briantea all’Albiceleste

silvia galimberti

La Gm della UnipolSai Cantù, Silvia Galimberti, relazionerà al mondo del basket in carrozzina argentino sull’organizzazione del suo club in videoconferenza.

Briantea84 è da anni una società e una macchina organizzativa talmente perfetta, che risulta quasi difficile spendere ulteriori parole d’elogio nei suoi confronti. A livello di risultati, d’altronde, parlano i fatti. Basta soffermarsi ad esempio su quelli ottenuti con la pallacanestro da seduti, che fa da volano a l’intero movimento: 7 scudetti, 6 Coppe Italia, 5 Supercoppe Italiane, 3 Coppe Vergauwen e 1 Brinkmann Cup. Si, è vero, per ora manca il trofeo più ambito, la Champions League. Però non è che qui le soddisfazioni siano mancate. Anzi. Tra le prime quattro ci è finita più volte. E negli ultimi anni la Iwbf ha deciso in più occasioni di affidarsi ai brianzoli per ospitare una fase della massima competizione intercontinentale, viste le loro conclamate capacità di organizzare eventi.

In tutto ciò, un ruolo certamente fondamentale è ricoperto da Silvia Galimberti, alla corte del vulcanico presidente Alfredo Marson dal 2008. Inizialmente si occupò essenzialmente della comunicazione del club, facendo ai tempi da apripista in un ambito non ancora strutturato in un determinato modo. Senza nessuna precedente esperienza paralimpica ma forte della sua carriera giornalistica, ha decisamente contribuito a far risaltare tutta la bellezza della UnipolSai Cantù, guadagnando sempre più spazio sui vari media, riempiendo con il pubblico il proprio palazzetto, promuovendola tra le varie scuole del territorio.

Dal 2015 è diventata anche General Manager del basket in carrozzina e in queste vesti sarà la protagonista della conferenza online che si terrà domani sera alle ore 23. Un appuntamento organizzato nientemeno che dallo staff della nazionale argentina, che vorrà scoprire da vicino tutti i segreti dei canturini. Un incontro favorito anche dalla conoscenza instauratasi nel 2018 tra la stessa e l’head coach Mauro Varela, in occasione dei quarti di finale di Champions League disputati al PalaFamila. Sarà visibile sul canale YouTube Fama o sulla piattaforma Zoom (previa richiesta di partecipazione via mail a fabafederacionarg@gmail.com).

Annuncio Pubblicitario

Siamo molto onorati del fatto che la Federazione argentina abbia pensato a noi per approfondire tematiche legate alla gestione di un club, alla pianificazione di una stagione sportiva a livello di élite, alla costruzione di un budget – afferma Silvia Galimberti – Da anni, l’obiettivo societario si è focalizzato proprio sulla necessità di strutturare gli sforzi messi in campo, affinché la vittoria di un titolo non sia un trofeo da appoggiare su una mensola ma il risultato di uno sforzo collettivo, studiato, curato nei dettagli. Credo che la strada anche per noi sia ancora lunga, abbiamo di certo aree in cui possiamo e dobbiamo migliorare. Provare a condividere i passi che stiamo compiendo e fare in modo che tutto il movimento paralimpico possa crescere è alla base di questo percorso. Da soli non si va da nessuna parte”.

Gm che, una volta archiviata questa splendida iniziativa, dovrà rituffarsi nella costruzione della rosa 2020/21. Al momento, i primi colloqui hanno sortito un solo movimento, peraltro in uscita. Si tratta di Laura Morato, che non solo decide di lasciare la formazione canturina, ma addirittura la disciplina. La patavina si concentrerà prettamente sul canottaggio pararowing, un’attività sportiva portata avanti di pari passo con l’altra nell’ultima annata. Ora l’importante decisione per cercare di inseguire un sogno: quello di partecipare alla Paralimpiade di Tokyo l’anno prossimo.

silvia galimberti
Laura Morato, lascia Cantù dopo quattro anni
Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Marco Ballerini
Marco Ballerini
Un calcio al pallone, due tiri a canestro, una corsa nei boschi, una pedalata tra salite e discese, una nuotata nel mare, una sciata nel bianco, una pagaiata sul lago.. Sacrifici, sudore, fatica, passione, socialità, emozioni, obiettivi, traguardi.. Lo sport è sempre un ottimo pretesto per VIVERE e per sentirsi VIVI !!

Lascia un commento