Shay Barbibay gira l’inerzia, la Supercoppa sfugge a Briantea

shay barbibay
[ethereumads]

Per UnipolSai luce che si spegne sul più bello, è l’Amicacci a conquistare la Supercoppa grazie a un monumentale Shay Barbibay da 26 punti.

Da una parte l’UnipolSai in vetta a punteggio pieno in campionato dopo sette giornate, dall’altra una Deco Metalferro soltanto quarta con tre successi e quattro ko. Una sfida che dunque, a priori, potrebbe sembrare impari quella odierna al PalaMeda. Eppure oggi si giocava una finale secca, quella riguardante la Supercoppa Fipic, con in palio il primo trofeo stagionale. Perciò mai dare nulla per scontato, soprattutto se nell’equipe meno accreditata c’è sempre un coach vincente come Di Giusto, nonché un giocatore altrettanto titolato come Cavagnini. E altri buonissimi interpreti del basket in carrozzina: Barbibay, Stupenengo e Vigoda.

E infatti incontro che è rimasto incertissimo dall’inizio alla fine, sebbene il +11 in avvio dell’ultimo periodo in favore dei canturini sembrava incanalare il  match in favore degli stessi. Brava però è stata l’Amicacci a non mollare, portando anche una redditizia pressione a difensiva che gli ha permesso di rientrare nel punteggio nei minuti conclusivi. Fatale poi l’errore di Santorelli da sotto che avrebbe potuto chiudere i giochi nell’ultimo giro di lancette con il potenziale +3. Alla Briantea84 sfuma così la settima Supercoppa della sua storia, la sesta di fila. Ma in questo 2022/23 avrà tutto il tempo di rimediare con altre competizioni.

La partita

Sono gli abruzzesi a realizzare il primo canestro del match con Vigoda dalla media, provando poi ad allungare con le giocate di Cavagnini. Dell’ex Santa Lucia, infatti, l’appoggio a canestro su assist di Barbibay e il libero per fallo di Geninazzi del 4-9. Primo time-out chiamato da coach Jaglowski al 5’45’, Briantea84 che accorcia sul -1 con due canestri di De Maggi, prima del canestro di Shay Barbibay nonostante la mano in faccia di Carossino per il 9-12 del periodo inaugurale.

E’ UnipolSai che finalmente riesce a concretizzare la superiorità sotto le plance in avvio di secondo quarto, sorpassando sul 15-13 con i canestri di Geninazzi e De Maggi. Di quest’ultimo due libero e un gioco da tre punti, Cantù sul +5. Rimbalzo offensivo tramutato in canestro da Marchionni per il -1 Deco Metalferro, ma De Maggi porta a undici i punto consecutivi segnati per i suoi e i canturini si portano sul 26-19. Cavagnini dalla media e Barbibay in contropiede, il team di coach Di Giusto si rifà sotto sul -3. Di Carossino la conclusione a fil di seconda sirena su assist di De Maggi, brianzoli al riposo avanti 28-23.

Matteo Cavagnini (Deco Metalferro Amicacci Abruzzo)

Geninazzi apre la ripresa con una realizzazione a filo dei 24″ per il +7 interno, tuttavia i 2+1 di Benvenuto prima e Stupenengo poi rimettono in carreggiata gli abruzzesi sul 33-31. De Maggi scalda il pubblico del PalaMeda con una tripla frontale, di Carossino il libero del +2. Continua il buon momento offensivo di Benvenuto con altri due canestri che tengono in bilico il punteggio, Barbibay sfrutta il tecnico affibbiato a Carossino per realizzare il -3, ma quest’ultimo manderà le due formazioni a giocarsi gli ultimi dieci minuti sul 47-40 con due canestri consecutivi, di cui uno allo scadere dei 24″.

Break dei biancoblu che non si esaurisce in avvio di ultimo periodo, diventando così un 8-0 con De Maggi e Cegli per il provvisorio +11. Titoli di coda sulla manifestazione che sembrano avvicinarsi, ci pensa però Barbibay a trascinare sulle proprie spalle l’attacco dell’Amicacci con otto punti consecutivi, inevitabile time-out per coach Jaglowski al 35’37” sul 55-50. Prosegue lo show del cestista israeliano che trova il -1, sorpasso confezionato invece da Vigoda in contropiede, prima del 57-56 da sotto di Santorelli. Nel finale lo stesso n°10 potrebbe chiuderla da sotto ma fallisce l’occasione, attimi concitati da una parte e dall’altra, poi ancora Vigoda per il +1 Amicacci a 13″ dal termine. De Maggi getta alle ortiche un passaggio, Shay Barbibay non trema dalla lunetta per il 57-60.

Tiro della disperazione di De Maggi che si fermerà sul ferro, Supercoppa Italiana che va dunque incredibilmente alla Deco Metalferro Amicacci Abruzzo. Mvp di serata nominato Simone De Maggi grazie ai 32 punti realizzati e 17 rimbalzi conquistati, meglio anche del vero eroe di serata Shay Barbibay, autore di 26 punti.

UNIPOLSAI BRIANTEA84 CANTU’ – DECO METALFERRO AMICACCI ABRUZZO 57-60 (9-12, 19-11, 19-17, 10-20)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Marco Ballerini
Un calcio al pallone, due tiri a canestro, una corsa nei boschi, una pedalata tra salite e discese, una nuotata nel mare, una sciata nel bianco, una pagaiata sul lago.. Sacrifici, sudore, fatica, passione, socialità, emozioni, obiettivi, traguardi.. Lo sport è sempre un ottimo pretesto per VIVERE e per sentirsi VIVI !!

Lascia un commento