Santo Stefano Sport batte ancora Briantea, è il 1° scudetto

santo stefano sport

La UnipolSai Cantù perde ancora gara3 di finale ed è costretta a cedere il tricolore al Santo Stefano Sport. Per i marchigiani si tratta del primo scudetto nella propria storia.

Lo sport come la vita, come la storia di questi ragazzi. Tutto d’un tratto può cambiare completamente. Ne sanno qualcosa i protagonisti di questa meravigliosa disciplina, con i loro sfortunati incidenti di percorso che li hanno costretti a convivere con la disabilità. Altrettanto improvvisamente cambia il padrone del basket italiano, che da oggi è il Santo Stefano Sport, Campione d’Italia per la prima volta. Un club che arrivava da una striscia negativa interminabile contro la Briantea84, che durava addirittura da più stagioni. Solo quest’anno quattro sconfitte in altrettante occasioni. Poi l’imponderabile. Una lunga pausa tra semifinale e finale, brianzoli completamente fermi, marchigiani che affilano le armi in Euroleague 2. Per poi affondare il colpo fatale con tre vittorie consecutive e tutte meritate, senza black-out.

Eppure la squadra di Bergna ci ha provato quest’oggi. Giulio Maria Papi prova a trascinare Cantù a inizio match, con sei punti per il momentaneo 6-8, coach Ceriscioli preferisce parlarsi su al 4’26”. Due liberi di Santorelli per il +4 esterno, ma Bedzeti dalla lunetta e Ruiz in contropiede rimettono in parità il punteggio, time-out per Bergna sul 14-14. Sei punti consecutivi di Berdun permettono alla Briantea di condurre 14-20, canestro dalla media di Ruiz e così il primo periodo si conclude sul 17-20 per i brianzoli, nonostante i ben 6 rimbalzi offensivi concessi ai marchigiani.

santo stefano sport
Un time-out di Ceriscioli

In apertura di secondo Bedzeti banchetta nel pitturato, quattro suoi punti e una penetrazione di Mehiaoui favoriscono il sorpasso dei biancoverdi (23-20). Esordio di serata per De Maggi a segno dall’altezza della lunetta, i padroni di casa sfoderano però un parziale di 10-1 nel quale bisogna annotare anche due triple e due punti con l’aiuto del ferro di Mehiaoui (37-27). E’ sempre di quest’ultimo la firma del +11, Cantù trova però in Berdun-Sagar quell’asse che gli permette di ritornare a -5, con il primo in versione assist-man a favore del secondo. Successivamente arriva il terzo tiro pesante senza fin a qui errori per Mehiaoui, Santo Stefano Sport e UnipolSai Cantù vanno al riposo sul 44-36.

Annuncio Pubblicitario

A inizio ripresa due contropiedi consecutivi di Berdun valgono il -6 brianzolo, ma Ruiz sfruttando il ribaltamento di lato di Mehiaoui e poi un tiro dalla media, riporta i locali avanti in doppia cifra. Nella seconda parte del terzo periodo, Papi si carica sulle spalle l’attacco ospite e con otto punti consente ai biancoblu di portarsi sul -3 con ancora dieci minuti da giocare.

Persa di Cantù a metà sulla pressione degli avversari, Mehiaoui deposita il 60-54. Santorelli di tabella e Papi dall’altezza della lunetta, -2 per i brianzoli a 5’04” dal termine. Due palle perse di fila e coach Bergna decide di parlarci su, prima del 64-58 di Mehiaoui. Gioco da tre punti per Santorelli con poco più di due minuti da giocare che riapre nuovamente tutti i discorsi (64-61), Sagar arpiona il rimbalzo dopo l’errore in lunetta di Berdun e realizza il -1 a 50″ dalla fine. Bedzeti a segno con entrambi i personali per il +3 interno, Bergna disegna durante il time-out l’azione che smarca Raourahi per il 67-66 a 35″ dalla sirena finale. Un solo libero a segno per Ruiz in occasione del quinto fallo di Santorelli (68-66), Papi affretta e sbaglia la tripla del sorpasso, sarà un tiro libero a testa per Mehiaoui e Bedzeti a decretare il 70-66 di fine partita.

santo stefano sport
Mehiaoui, miglior realizzatore di serata con 27 punti

Può così iniziare la grande festa dei ragazzi di coach Ceriscioli e del pubblico accorso al PalaPrincipi, per questo storico primo tricolore per il club del presidente Mario Ferraresi. Per la Briantea il grande amaro in bocca per una conclusione inaspettata, dopo essere rimasta imbattuta in regular-season e aver ancora una volta sollevato Supercoppa Italiana e Coppa Italia.

SANTO STEFANO SPORT AVIS – UNIPOLSAI BRIANTEA84 CANTù 70-66  (17-20, 27-16, 11-16, 15-14)

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Marco Ballerini
Marco Ballerini
Un calcio al pallone, due tiri a canestro, una corsa nei boschi, una pedalata tra salite e discese, una nuotata nel mare, una sciata nel bianco, una pagaiata sul lago.. Sacrifici, sudore, fatica, passione, socialità, emozioni, obiettivi, traguardi.. Lo sport è sempre un ottimo pretesto per VIVERE e per sentirsi VIVI !!

Lascia un commento