Rodney Purvis, l’innesto di Cantù per sognare i playoff

rodney purvis
il massimo della pizza banner

La S.Bernardo-Cinelandia Cantù comunica l’ingaggio di Rodney Purvis, guardia americana con un trascorso in G-League e una breve parentesi Nba.

Da alcune settimane nell’ambiente canturino ci si interroga se l’obiettivo stagionale, alla luce di quanto di buono fatto fin qui, possa essere cambiato o meno. Il traguardo salvezza resta certamente primario, ma con nove vittorie su venti incontri disputati, rischia di risultare un po’ stretto. Così la Pallacanestro Cantù sembra non voler lasciare nulla di intentato, decidendo di ritornare sul mercato a discapito di quanto dichiarato nemmeno un mese fa dal suo gm Daniele Della Fiori.

rodney purvis
Daniele Della Fiori e Cesare Pancotto, scelta condivisa quella di tornare sul mercato

Nella mattinata di oggi ha infatti ufficializzato l’acquisto di Rodney Purvis, guardia di 193 cm e 93 chili. Nato a Raleigh in North Carolina il 14 febbraio 1994, è alla sua seconda esperienza al di fuori dei confini statunitensi. La sua carriera universitaria inizia alla NC State University nel 2012/13, nella quale da freshman produce 8,3 punti di media in quasi 26′ di media a partita. In seguito cambia college passando a UConn, dove gradualmente migliora le proprie cifre fino ai 13,8 punti di media nell’anno da sophomore, ai quali aggiunge 4,2 rimbalzi e 2,5 assist in circa 37′, ma migliorando soprattutto dalla lunetta rispetto alle annate precedenti, diventando un tiratore affidabile a cronometro fermo.

Successivamente riesce a strappare un contratto Nba, trovando nel 2017-18 la chiamata degli Orlando Magic e scendendo sul parquet in sedici occasioni. Viaggia a 6 punti di media ad allacciata di scarpe, il suo career-high lo ottiene il 22 marzo 2018 nella sconfitta contro Philadelphia 76ers 118-98, circostanza nella quale O’Keith (il suo secondo nome all’anagrafe) realizza 19 punti con 8/12 dal campo. Chiusa la parentesi nel massimo campionato a stelle e strisce, tornerà a vestire brevissimamente la casacca dei Lakeland Magic in G-League con la quale aveva già disputato 37 incontri a più di 20 punti di media partita, prima di passare ai Sioux Falls Skyforce. Con la formazione del Dakota del Sud gioca 49 partite, viaggiando a oltre 14 punti per incontro.

Nell’estate del 2019 passa all’Hapoel Tel Aviv, ma la sua avventura israeliana si concluderà ben presto senza nemmeno aver disputato un solo incontro di campionato. Nel suo curriculum, Rodney Purvis può inoltre vantare diverse presenze nelle selezioni giovanili (vincendo una medaglia d’oro ai campionati americani 2012 in Brasile) e due senior nella nazionale statunitense (in occasione della qualificazione alla Fiba World Cup 2017).

Con tutta probabilità andrà a prendere il posto occupato da Cameron Young, seppur in questi giorni non sono previste uscite dal rooster brianzolo, anche per via delle condizioni non ottimali di alcuni giocatori. Senza trascurare il fatto che il neo acquisto è reduce da un periodo di inattività di qualche mese. Purvis oggi ha già avuto modo di sostenere il primo allenamento della sua nuova avventura canturina.

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Marco Ballerini
Marco Ballerini
Un calcio al pallone, due tiri a canestro, una corsa nei boschi, una pedalata tra salite e discese, una nuotata nel mare, una sciata nel bianco, una pagaiata sul lago.. Sacrifici, sudore, fatica, passione, socialità, emozioni, obiettivi, traguardi.. Lo sport è sempre un ottimo pretesto per VIVERE e per sentirsi VIVI !!

Lascia un commento