Reyer Venezia in cerca di rivalsa. Cantù pronta a combattere

reyer venezia

Cantù ospita a Desio la Reyer Venezia, ultima vincitrice del campionato. Lagunari reduci da due sconfitte tra campionato e coppa.

Nuovo banco di prova per l’Acqua S.Bernardo Cantù. Ancora priva di Jaime Smith, positivo anche al secondo tampone, ma con l’euforia e la consapevolezza derivanti dalla vittoria nel derby con Varese, si appresta a ricevere al PalaDesio la Reyer Venezia. I campioni d’Italia 2018/2019 si presentano all’impegno a quota 4 punti in classifica, stesso bottino dei brianzoli, e reduci da una pesantissima sconfitta casalinga con Pesaro.

C’è voglia di rivalsa in laguna. Da un lato perché gli orogranata sono costruiti per restare stabilmente nella parte alta della classifica e un secondo stop consecutivo in campionato farebbe perdere già un po’ di contatto con i primi. Dall’altro perché tra campionato ed Eurocup le partite perse, di seguito, sono già due. Dopo lo stop in casa del Partizan Belgrado la scorsa settimana, Venezia non ha avuto la possibilità di riprendere a vincere sul campo mercoledì, a causa della positività di alcuni giocatori della squadra avversaria. Tutta la rabbia accumulata verrà quindi riversata sul parquet di Desio, che Cantù, però, è pronta a difendere.

Reyer Venezia
Jaime Smith, ancora ai box

Il roster della Reyer Venezia

La Reyer Venezia, come d’abitudine negli ultimi anni, ha mantenuto intatta l’ossatura portante della squadra. Pochi investimenti mirati per mantenersi ad alto livello e lottare per ogni trofeo in palio. Coach Walter De Raffaele può ancora contare, dunque, sul proprio centro Mitchell Watt, probabilmente il rebus più difficile da risolvere per Cantù. Ottimo l’inizio di campionato per l’ex Caserta, alla quarta stagione con il leone di San Marco sul petto. Fa registrare 15.3 punti, 3.7 rimbalzi con il 72% dal campo.

Annuncio Pubblicitario

Confermatissima anche la coppia di esterni formata da Stefano Tonut e Jeremy Chappell. La guardia azzurra è partita con un’incredibile costanza di rendimento: 14.7 punti, 4.3 rimbalzi, 3.7 assist e 1.3 recuperi. L’ex Cantù e Brindisi, invece, è reduce da una brutta partita contro la VL, ma era stato tra i migliori nel successo con Cremona una settimana prima. L’utilità in campo non si discute.

Reyer Venezia
Chappell in maglia biancoblù

Chiudono il quintetto il playmaker Andrea De Nicolao e l’ala Valerio Mazzola. Se il primo è un punto fermo del roster per capacità di mettere in ritmo i compagni, il secondo lascia ben presto spazio alla vera stella della squadra: Austin Daye. Il figlio di Darren, ex Pesaro, è un giocatore in grado di cambiare le sorti del match. Spesso in bene, con giocate di puro talento, talvolta in male, con qualche forzatura. Sarà sicuramente un osservato speciale dalla difesa di Cantù.

Dalla panchina escono anche Julyan Stone e Michael Bramos, fondamentalmente altri due titolari, ma alle prese con un inizio di stagione complicato. Un dato su tutti è quello dei tiri da tre del greco: un 5 su 18 che non rende giustizia a un giocatore che ha costruito la propria carriera proprio su questo fondamentale.

C’è poi il principale acquisto del mercato estivo della Reyer Venezia. Isaac Fotu, centro visto lo scorso anno a Treviso, è sempre stato preferito, per il momento, a Gasper Vidmar, pari ruolo riservato alla coppa. Chiudono il roster Lorenzo D’Ercole, altro nuovo arrivo, Bruno Cerella e la giovanissima promessa Davide Casarin, classe 2003.

Qui Cantù

A parte la già citata assenza di Jaime Smith, ad oggi, non se ne registrano altre tra le fila dell’Acqua San Bernardo. I canturini si sottoporranno questo pomeriggio a un altro giro di tamponi, mentre domenica mattina dovranno effettuare un test rapido, introdotto negli scorsi giorni dopo i casi del play statunitense e del varesino Giancarlo Ferrero a ridosso dei turni di campionato.

“Quello che mi piace di Venezia è proprio il metodo che sta usando, basato sulla continuità del lavoro: stessa squadra, stesso bravo allenatore e ciò ha portato a dei risultati non scontati – afferma Cesare PancottoDovremo fare una partita prima di tutto di coraggio, poi difensivamente importante per tutto l’arco temporale e cercando di avere in attacco qualità di gioco. Come abbiamo fatto nei primi tre match di campionato, dove la capacità di creare vantaggio sugli spazi deve essere un elemento che possa contribuire a giocare queste tipologie di sfide. Prova di maturità? Questa squadra di prove ne sta avendo tante e quasi tutte le sta superando. La maturità non è un limite, è come l’orizzonte: non è la fine, bensì l’inizio. E noi siamo partiti con questa idea”.

Le formazioni

ACQUA S.BERNARDO CANTù

1 Donte Thomas

3 Sha’Markus Kennedy

8 James Woodard

9 Gabriele Procida

10 Maarty Leunen

11 Andrea La Torre

18 Tommaso Lanzi

22 Jazz Johnson

23 Jordan Bayehe

25 Biram Baparapè

32 Andrea Pecchia

Allenatore Cesare Pancotto

UMANA REYER VENEZIA

3 Davide Casarin

5 Julyan Stone

6 Michael Bramos

7 Stefano Tonut

9 Austin Daye

10 Andrea De Nicolao

14 Gasper Vidmar

21 Jeremy Chappell

22 Valerio Mazzola

25 Lorenzo D’Ercole

30 Bruno Cerella

42 Isaac Fotu

50 Mitchell Watt

Allenatore Walter De Raffaele

Arbitri Lanzarini, Quarta, Morelli.

Palla a due domenica 18 ottobre, ore 18, PalaDesio.

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Redazione
Redazione
Informati Vinci Sostieni Spazio Sport Web Brianzolo & Comasco
http://www.wincantu.it

Lascia un commento