Reyer Venezia: da due turni a secco ma roster lungo e vario

Reyer Venezia
il massimo della pizza banner

La Reyer Venezia prova a tornare alla vittoria dopo due ko consecutivi. Cantù a mente sgombra prova l’impresa al Taliercio.

Ancora ai piedi della zona playoff, ma a due punti dal quinto posto, a quattro dal quarto. Questa è la situazione di classifica di Cantù che vede il premio dei playoff ad un passo e ha cinque partite chiave per andarselo a prendere. La prima di esse, quella di domenica, è probabilmente la più difficile a livello tecnico, ma paradossalmente la più facile a livello mentale. Se è vero che battere la Reyer Venezia al Taliercio non è un’impresa facile in virtù del roster, della posizione di classifica e del campo storicamente ostico, la leggerezza di non essere chiamati a fare il risultato può giocare a favore dell’Acqua San Bernardo.

La Reyer è reduce da due sconfitte consecutive rimediate nelle trasferte di Varese e Brindisi, ma questo non ha impedito ai lagunari di conservare il secondo posto a quota 34 punti. Il trend però non lascia sicuramente soddisfatta la squadra di De Raffaele che cercherà riscatto con Cantù.

Il principale punto di forza di Venezia sta senza dubbio nella difesa. Gli orogranata sono la squadra che subisce meno punti in campionato: 73,6 contro gli 86,6 subiti dai brianzoli.

Annuncio Pubblicitario

La gara di andata

Nella sfida del PalaDesio del 23 dicembre fu la Reyer Venezia a tornare a casa con i due punti al termine di un incontro largamente condotto. Trascinata dal duo Bramos-Watt l’attacco dei veneti apparve da subito implacabile, con 29 punti segnati già nel primo quarto. L’Acqua San Bernardo rimase in partita per due quarti e mezzo, poi uno show di Daye (tre triple in fila) chiuse la partita. Inutili per Cantù 25 punti di Gaines: 71-93 il punteggio finale.

Reyer Venezia
Mitchell Watt, protagonista della gara d’andata

Il roster della Reyer Venezia

La Reyer Venezia può vantare il secondo roster più lungo della Serie A dopo quello dell’Olimpia Milano. Già in cabina di regia De Raffaele ha molta possibilità di scelta. Il playmaker titolare è MarQuez Haynes, da diversi anni nel nostro campionato. Nel sistema dell’Umana non ha bisogno di forzare più di tanto (9,7 punti a partita), ma è un temibile realizzatore. Julyan Stone, in dubbio per domenica, ha sfiorato la tripla doppia a Varese 13 punti, 11 rimbalzi e 8 assist), confermandosi il tuttofare della truppa. Andrea De Nicolao e Marco Giuri completano il mazzo a disposizione del coach amministrando il pallone con ordine.

Diverse le opzioni anche sugli esterni. L’ultimo arrivato DJ Kennedy ha giocato 8 minuti con Brindisi senza lasciare il segno ed è alle prese con l’influenza, ma potrebbe giocare se Stone non dovesse recuperare. Stefano Tonut sta vivendo la stagione della consacrazione e viaggia in doppia cifra per punti realizzati. Bruno Cerella è uno specialista difensivo, capace però di portare qualche punto alla causa. Infine Michael Bramos, con intelligenza e mano morbidissima da 3 punti, può punire ogni distrazione difensiva.

Reyer Venezia
Stefano Tonut, uno dei migliori realizzatori della squadra

Il reparto lunghi è composto da tre centri puri: Mitchell Watt è il più produttivo con 14,4 punti e 5 rimbalzi. Paul Biligha e Gasper Vidmar scrivono a referto costantemente 8-9 punti in due, dando però sempre minuti di qualità. Austin Daye è invece la stella della squadra a livello di talento. Gioca da ala grande e allarga il campo con la sua tecnica di tiro e di palleggio. 12 punti, 5,7 rimbalzi, 2,4 assist e 1 recupero le sue cifre. Valerio Mazzola completa il reparto e allunga ulteriormente le rotazioni.

Qui Cantù

Dopo un paio di settimane molto intense la vittoria con Brescia ha permesso alla squadra di allenarsi più serena. Un paio di eventi, come l’uscita al salone del mobile o la presenza di Metta World Peace agli allenamenti hanno modificato la routine, ma i giocatori hanno mantenuto la concentrazione e si sono impegnati al massimo. Condizioni fisiche ok.

Le formazioni

REYER VENEZIA

0 MarQuez Haynes

1 DJ Kennedy

5 Julyan Stone

6 Michael Bramos

7 Stefano Tonut

9 Austin Daye

10 Andrea De Nicolao

14 Gasper Vidmar

19 Paul Biligha

21 Marco Giuri

22 Valerio Mazzola

30 Bruno Cerella

55 Mitchell Watt

Allenatore Walter De Raffaele

ACQUA SAN BERNARDO CANTÙ

0 Frank Gaines

3 Tony Carr

4 Gerry Blakes

7 Biram Baparapè

8 Salvatore Parrillo

9 Shaheed Davis

10 Maurizio Tassone

11 Andrea La Torre

16 Lorenzo Olgiati

17 Luca Pappalardo

33 Tyler Stone

41 Davon Jefferson

Allenatore Nicola Brienza

 

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail
Simone Dalla Francesca
Simone Dalla Francesca
Studente di Linguaggi dei media all'Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano e giocatore di basket presso l'Antoniana Como. Fin da bambino ho sempre avuto due grandissime passioni. La prima è la pallacanestro, la seconda è scrivere. Scrivere di pallacanestro è dunque il mix perfetto!

Lascia un commento