Pallacanestro Trieste a un passo dalla A, Cantù cede anche gara2

pallacanestro trieste
[ethereumads]

Brianzoli battuti anche nel secondo atto della finale dalla Pallacanestro Trieste, in un match molto simile al precedente. Finisce 73-83.

Era giunto il momento di guardare avanti. Archiviata la scottante sconfitta in gara1 della finale play-off nel Tabellone Oro di A2, l’Acqua San Bernardo è ritornata sul parquet del PalaFitline quarantotto ore più tardi per cercare di riequilibrare la serie contro la Pallacanestro Trieste. Una serata dunque quasi da spalle al muro per evitare di andare nel capoluogo giuliano senza più la chance di sbagliare e nella quale la prerogativa era quella di raddrizzare le scadenti percentuali dal campo mostrate martedì sera.

Se da un lato quest’ultimo aspetto è stato migliorato, Cantù ha però dovuto prestare il fianco all’annoso problema riguardante i rimbalzi: 31-43 il dato finale, di cui ben 16 quelli offensivi concessi ai propri avversari. Per il resto la trama di questo incontro è stata sulla falsariga di quello precedente. Migliore infatti è stato l’impatto da parte dei biancorossi, con i biancoblu apparsi attanagliati dalla tensione nel quarto iniziale. Raddrizzata definitivamente la contesa in avvio del periodo conclusivo con il primo vantaggio di serata, gli uomini di coach Christian hanno però dimostrato ancora una volta di saper gestire meglio il finale.

Grazie anche a un incredibile Justin Reyes, ispiratissimo con 32 punti, 8 rimbalzi e 6 falli subiti, mvp della gara a mani basse e devastante in post basso. Importante è stata anche la capacità di stringere i denti da parte di Francesco Candussi, autore di 11 punti e 8 rimbalzi. Fra i brianzoli il migliore come score è stato Anthony Hickey con 14 punti, ma questa volta la squadra ha convinto di più con Riccardo Moraschini (13 punti e 3 assist) in cabina di regia.

La partita

Nessun cambiamento per Devis Cagnardi che schiera in quintetto Hickey, Bucarelli, Nikolic, Young e Baldi Rossi, idem per Jamion Christian con Ruzzier, Brooks, Reyes, Candussi e Vildera. Sono gli ospiti a partire meglio, Candussi arpiona il rimbalzo in attacco e lo tramuta nel 2-7, Reyes colpisce dall’arco dopo una buona circolazione di palla e per la panchina di casa è già tempo di time-out al 3’46” sul -8. Inerzia che tuttavia non cambierà, troppo facili gli attacchi per i triestini e anche Menalo lascia il segno dai 6,75 metri con il momentaneo 6-19. Il solito Hickey prova a suonare la carica con quattro punti consecutivi portando i suoi sul -9, questa volta a parlarci su tocca all’altra sponda. Nikolic a fil di prima sirena inchioda il 12-24 al 10′.

In apertura di secondo periodo il pick&pop dal perimetro di Candussi vale il +15 esterno, Nikolic efficace nel pitturato in due circostanze tenendo a galla Cantù. Ci pensa Moraschini a completare un parziale di 9-0 con il fadeaway prima e intercettando poi il pallone che convertirà nel 25-31, Christian ferma tutto al 15’24”. Nel tabellino si iscrive anche Cesana grazie alla specialità della casa, Baldi Rossi fa altrettanto sbloccandosi sullo scarico effettuato da Moraschini e così i canturini andranno all’intervallo su un contenuto passivo di 35-39.

Francesco Candussi, regolarmente in campo  dopo il lieve infortunio nel match precedente

Il capitano dei biancoblu si ripete alla ripresa delle ostilità su scarico di Nikolic per il -2, salvo poi commettere un antisportivo ai danni di un Reyes da nove punti consecutivi per i biancorossi, suo il rimbalzo più canestro del 41-50. Due canestri pesanti per Bucarelli ma anche un 2+1 per fallo di Menalo ed è -3. Baldi Rossi sfrutta appieno due viaggi in lunetta per altrettanti falli commessi da Filloy e così i brianzoli si ritrovano sul 56-58 con ancora dieci minuti da giocare.

Padroni di casa che mettono la freccia con la tripla in transizione di Hickey dopo la persa di Ruzzier, però Reyes si dimostra ancora una volta un campione con due tiri a segno consecutivi dall’arco e Vildera arpiona l’ennesimo rimbalzo offensivo depositando il +5 esterno. Il play statunitense dei brianzoli spezza il raddoppio e in penetrazione riporta in scia i suoi sul 65-66, ma ci penserà ancora Reyes a sistemare le cose per la Pallacanestro Trieste dominando in post basso e siglando contro Young il +4 a 1’05” dalla fine. Di Ruzzier i tre punti per il definitivo 73-83. Serie che ora si sposterà nel capoluogo giuliano per gara3 in programma lunedì prossimo.

ACQUA S.BERNARDO CANTU’ – PALLACANESTRO TRIESTE 73-83 (12-24, 23-15, 21-17, 17-25)

Tabellino

CANTU’: Baldi Rossi 12, Berdini, Nwohuocha ne, Nikolic 10, Tarallo ne, Bucarelli 11, Hickey 14, Burns, Moraschini 13, Young 8, Tosetti ne, Cesana 3. All.: Cagnardi.

TRIESTE: Bossi, Filloy 5, Reyes 32, Deangeli 4, Ruzzier 10, Camporeale ne, Candussi 11, Vildera 6, Ferrero, Menalo 5, Brooks 10. All.: Christian.

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Marco Ballerini
Un calcio al pallone, due tiri a canestro, una corsa nei boschi, una pedalata tra salite e discese, una nuotata nel mare, una sciata nel bianco, una pagaiata sul lago.. Sacrifici, sudore, fatica, passione, socialità, emozioni, obiettivi, traguardi.. Lo sport è sempre un ottimo pretesto per VIVERE e per sentirsi VIVI !!

3 thoughts on “Pallacanestro Trieste a un passo dalla A, Cantù cede anche gara2

  1. Sig, Ballerini, cosa avrebbe fatto di così tanto buono Moraschini in cabina di regia, a parte qualche buon passaggio, camminando anziché correre, difendendo malissimo e tirando, come spesso avviene, altrettanto male soprattutto da 3? Pensa forse che, visto che ha fatto il play a Scafati (causa infortunio di un compagno), automaticamente possa fare bene anche da noi in tale ruolo?
    I fatti, almeno secondo il mio punto di vista, dimostrano ben altro e con questo non voglio dire che Hickey sia perfetto come play, anzi…
    Inoltre dobbiamo metterci d’accordo sul fatto se la squadra debba andare a 100km/h come con Hickey o rallentare il ritmo come con Moraschini.
    A me sembra che ci sia una grandissima confusione nella testa di Cagnardi anche a questo proposito

Lascia un commento