Pallacanestro Cantù, per ora l’American Dream deve aspettare

il massimo della pizza banner

Non sembrerebbe aver fatto al momento breccia la seconda proposta statunitense per l’acquisto della Pallacanestro Cantù. Improbabile che l’empasse si sblocchi oggi. Si guarda con fiducia ai prossimi giorni.

Poteva arrivare stamattina, secondo alcuni rumors, la tanto attesa fumata bianca per il passaggio di proprietà della Pallacanestro Cantù. La notte dei canturini ha avuto il sogno comune di svegliarsi in mano agli americani dopo il sì di Gerasimenko. Un assenso del patron russo che per ora non sembra arrivare.

Molto probabilmente bisognerà aspettare ancora un po’, a meno di clamorosi stravolgimenti e colpi di testa di Dmitry. Nulla di troppo estenuante comunque, poichè entro fine settimana le sorti della società brianzola dovranno essere chiare. Tra lodi da sbloccare, il tesseramento di Brienza da depositare alla Lega e le tasse imminenti l’accordo deve essere trovato nei prossimi giorni, non ci sarebbero vie d’uscita.

Dmitry Gerasimenko, non è ancora arrivato il suo ok alla conclusione dell’operazione

Sul tavolo di Dmitry Gerasimenko sembrano esserci almeno due offerte: i tanto famosi quanto ignoti americani, supportati da Tutti Insieme Cantù e da tutto il territorio, più un’altra, tramite intermediario, forse di un altro gruppo Usa. La distanza tra le parti, per il momento, è data dal fatto che con il rilancio avanzato dopo aver incassato il primo “no”, Dmitry non recupererebbe quanto investito per il palazzetto. Tuttavia, tenendo conto dei debiti di cui si farebbe carico la nuova proprietà, la cifra risulterebbe alquanto vantaggiosa anche per il russo.

Annuncio Pubblicitario

In caso di fumata bianca, i nuovi acquirenti della Pallacanestro Cantù troverebbero da subito il sostegno di TIC. L’associazione d’azionariato popolare, presieduta da  Angelo Passeri, starebbe per fissare una riunione venerdì 15 febbraio presso la Sala Consiliare del Comune di Cantù, ma l’ufficialità deve ancora essere data. L’intenzione sarebbe quella di aprirla a tutti, vecchi soci e nuovi privati avranno modo di conoscere il progetto del consorzio volto a sostenere la società. Dopo aver redatto una costituzione, nel giro di massimo un mese il consorzio di cui potranno fare parte le varie aziende dovrebbe essere poi operativo a tutti gli effetti.

tutti insieme cantù
Il logo della Tutti Insieme Cantù Srl
Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
Simone Dalla Francesca
Simone Dalla Francesca
Studente di Linguaggi dei media all'Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano e giocatore di basket presso l'Antoniana Como. Fin da bambino ho sempre avuto due grandissime passioni. La prima è la pallacanestro, la seconda è scrivere. Scrivere di pallacanestro è dunque il mix perfetto!

Lascia un commento