Pallacanestro Cantù e cordata Marchesani, trattativa verso l’archiviazione

pallacanestro cantù

Si appresta a concludersi con un nulla di fatto il chiacchieratissimo negoziato tra il pool capitanato dall’imprenditore abruzzese e la Pallacanestro Cantù. L’ufficialità verrà resa nota dall’Avvocato Zorzi.

Non sa da fare il matrimonio tra il gruppo di imprenditori capeggiato da Gabriele Marchesani e la società canturina. Che l’esito non potesse essere positivo lo si era già intuito nei primissimi giorni del 2019, quando la tanto decantata offerta d’acquisto promessa tra il 27 e il 30 dicembre, stentava ad arrivare. E che mai è più arrivata. Con la parte immobiliare legata alla costruzione del nuovo Pianella a rappresentare il vero seme della discordia.

pallacanestro cantù
“Il vecchio, caro, freddo Pianella” ha giocato un ruolo chiave come da previsione

Cordata compatta

Ci tiene a dirlo Gabriele Marchesani, titolare dell’Europa Ovini e fresco presidente della Teate Basket Chieti: dietro alla rinuncia di acquisto della Pallacanestro Cantù non sono esistite problematiche di potenziali partner che si sono defilati in corso d’opera. “Assolutamente, anche perchè siamo un gruppo di imprenditori amici. E chi disse che Acqua & Sapone si era tirata indietro ha espresso un’inesattezza. Non è mai stata coinvolta nell’operazione”.

Palazzetto, non solo questione economica

Sarebbe troppo riduttivo ricollegare il diniego a un semplice discorso di costi dell’area Pianella. “E’ un investimento che va visto a 360° gradi. Diciamo che sono sorte complicazioni anche a livello burocratico, di autorizzazioni e di difficoltà alla concessione del mutuo del Credito Sportivo da parte del Coni. Un mix di tutto ciò, più che alle richieste di patron Gerasimenko che non si sono mai discostate nel tempo”.

Annuncio Pubblicitario

Solo la società? No grazie

Accantonare la parte immobiliare per concentrarsi soltanto su quella sportiva non è una via percorribile. “Non avrebbe senso, devono andare di pari passo proprio come da progetto iniziale. Non è quindi soltanto una nostra idea, ma anche quella dei vertici societari brianzoli. Ed è logico che sia così”.

L’augurio finale

Premettendo che quando si parla di Pallacanestro Cantù bisogna sempre farlo con il dovuto rispetto e che si dice contento dei risultati che ha ottenuto sul campo in queste ultime due giornate, il presidente teatino augura il meglio alla storica società di basket. “Ho saputo che ci sarebbe anche un’altra bella cordata locale, chissà mai che sia quella giusta..”.

pallacanestro cantù

La comunicazione ufficiale

Il testo ufficiale arriverà per mano dell’Avvocato Enrico Zorzi, legale di Gabriele Marchesani, atteso per le prossime ore o al più tardi nella giornata di lunedì. A meno di clamorosi colpi di scena, difficilmente ipotizzabili allo stato attuale delle cose.

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail
Marco Ballerini
Marco Ballerini
Un calcio al pallone, due tiri a canestro, una corsa nei boschi, una pedalata tra salite e discese, una nuotata nel mare, una sciata nel bianco, una pagaiata sul lago.. Sacrifici, sudore, fatica, passione, socialità, emozioni, obiettivi, traguardi.. Lo sport è sempre un ottimo pretesto per VIVERE e per sentirsi VIVI !!

2 thoughts on “Pallacanestro Cantù e cordata Marchesani, trattativa verso l’archiviazione

Lascia un commento